8 Luglio 2020

LETTERA APERTA
NO ALLA COLATA DI CEMENTO ALL’EX MOF

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

OGGETTO: risistemazione area ex MOF

Ill.mo Sindaco e Consiglieri Comunali,
in relazione alla nostra precedente comunicazione, in quanto cittadini residenti nella zona Rampari di San Paolo, Corso Isonzo, Acquedotto ci rallegriamo del dibattito che si è aperto su quanto riportato in oggetto, anche attraverso i media cittadini, perché è auspicabile che la sistemazione della zona possa avvenire col massimo consenso. Ci rallegriamo soprattutto del fatto che il progetto originario sia stato temporaneamente fermato per riflettere su una migliore sistemazione che tenga conto dell’evoluzione delle esigenze cittadine, rispetto al parcheggio multipiano concepito secondo concetti urbanistici e sociali decisamente superati, soprattutto dopo gli eventi degli ultimi mesi. Abbiamo in particolar modo apprezzato l’intervento del Consigliere Comunale Francesca Savini in una recente riunione del consiglio, durante la quale è stata sottolineata la necessità della revisione del progetto e della sistemazione dell’area secondo le nuove esigenze.
Non siamo meravigliati delle prese di posizioni di alcuni esponenti politici locali che si sono sollevati nella difesa di un progetto che evidentemente avevano negli anni appoggiato, ma l’avvedutezza politica dovrebbe consigliare di cogliere i cambiamenti e le nuove situazioni sociali ed opportunità economiche piuttosto che arroccarsi su posizioni superate per difendere idee non più adeguate.
Il problema è estremamente sentito dagli abitanti delle vie circostanti all’ex-mof per lo stato di abbandono nel quale si trova attualmente il parcheggio, così come le costruzioni adiacenti sul lato più interno, frequentate da uccelli e topi. È per questo motivo che alcuni abitanti, alla notizia del blocco dei lavori, hanno sentito la necessità di esprimere opinioni avverse, manifestate anche a noi direttamente, nel timore che l’attuale situazione si possa protrarre nel tempo.
Ma la volontà di cambiare non può avvenire un una direzione che rischia di essere peggiore dell’attuale con una costruzione di 50 ml sul lato di Corso Isonzo, 100 ml sul lato di Rampari di San Paolo e 8 ml di altezza (10 ml se si considera il blocco ascensori). Una colata di cemento di 40.000 metri cubi a ridosso delle Mura che va dalla Palazzina verde su Corso Isonzo recentemente ristrutturata fino a via Della Grotta. Un insulto visivo per gli abitanti dell’intera città e dei suoi visitatori, senza considerare l’uscita su via Rampari con l’inquinamento delle auto che dovranno fermarsi al semaforo all’incrocio con Corso Isonzo. Non si possono, inoltre trascurare i costi di gestione per illuminazione, pulizie, manutenzione e sorveglianza se si vuole evitare che l’edificio si presti, come spesso accade in questi casi a luogo di atti illeciti. Il multipiano generebbe 500 posti auto rispetto agli attuali 200. Ma liberando la parte del parcheggio dagli autobus nella parte che si affaccia su via Darsena si potrebbero liberare altri posti auto, ammessa e non concessa la necessità di disporre di una maggiore area per la sosta delle auto, visto che il parcheggio Centro storico su viale Kennedy è
sempre vuoto e si riempie solamente in circostanze particolari. Lo stesso ex Mof non è mai pieno pur non essendo a pagamento. Se dovesse mai esserlo si svuoterebbe ulteriormente a discapito delle vie circostanti.
Il progetto prevede l’abbattimento, con tutto lo spazio che c’è, di alcuni platani di notevoli dimensioni, presenti a ridosso di Corso Isonzo su un filare parallelo alla stessa via, all’interno del muro di cinta dell’ex mof. Riteniamo invece necessario mantenere ed integrare (laddove mancante) il filare di platani aumentando la fascia verde per mantenere l’effetto di “galleria verde” secondo il concetto di Città Giardino che andrebbe ulteriormente sottolineato ricostruendo
il circuito verde delle mura con elementi vegetali e paesaggistici, passando attraverso l’acquedotto, con piste ciclabili e pedonali nel rispetto delle norme di sicurezza, ora mancanti, per chi vuole percorrere l’intero circuito murario. In questo modo si creerebbe una barriera verde togliendo alla vista esterna delle abitazioni circostanti il parcheggio interno che andrebbe comunque sistemato con aiuole, richiami vegetali e pavimentazione a prato.
Le possibilità di spendere altrimenti parte dei finanziamenti del Piano Periferie sono molteplici: ad esempio. la riqualificazione di via Foro Boario (integrazione dei numerosi platani mancanti, come già fatto in Corso Isonzo); completamento della pista ciclabile sul lato nord tra via Sardi e via Bologna;riqualificazione di tutto la zona banchina sul lato sud ovest, dove parcheggi irregolari si alternano a tratti di marciapiede, a piccole zone verd) o il quartiere lato est di via Bologna tra l’Ippodromo e via Wagner (compresa l’area tra le e ferrovie), da non trascurare la Darsena che se venisse riqualificata per le passeggiate sul fiume favorendo la nascita di punti di ristoro darebbe
un’ulteriore spinta alla vocazione turistica della città. In definitiva verde, punti di ritrovo e svago al posto di cubi di cemento che soffocano la città visivamente ostacolando piuttosto che favorendo le attività sociali e ricreative. Ambiente non fine a se stesso ma al servizio dei cittadini creando migliori condizioni di vita e opportunità economiche

In tempi di Coronavirus e delle conseguenti necessità di distanziamento sociale si ritiene opportuno che gli spazi urbani liberi (da sempre liberi) siano mantenuti per le più diverse esigenze che dovessero insorgere o essere proposte quali spettacoli, cinema all’aperto, eccetera. Fiduciosi di poter essere ascoltati sull’argomento inviano vivi saluti:

Seguono Firme certificate dai documenti di identità:

1. Vittorio Ticchiati, 2. Roberta Galeotti, 3. Massimo Mastella, 4. Paola Guzzinati, 5. Michele Mastella, 6. Massimo Mandrioli, 7. Flavio Mandrioli, 8.Zaira Zucchi, 9. Debora Boni, 10. Antonella Cherubino, 11. Sergio Goffi, 12. Marzia Marzola, 13. Michele Cavallari, 14. Daniela Marmocchi, 15. Francesca De Sisti, 16. Milla Roma, 17. Massimo
Furiani, 18. Liliana Bacilieri, 19. Serafina Disclafani, 20. Andrea Brandolini, 21. Massimo Brandolini, 22. Maria Toselli, 23. Giovanni Fioravanti, 24. Renata Patrizi, 25. Anzio Contadini, 26. Roberta Cattolini, 27. Simonetta Danieli, 28. Maria Modena, 29. Rino Brina, 30. Davide Bruno, 31. Giorgia Legato, 32. Francesca Rosso, 33. Katia Frigato, 34. Silvia Burlacu, 35. Massimo Mantovani, 36.Bruna Zoppellaro Bozzato, 37. Giovanni Battista Ivo Bozzato, 38. Nella Graziutti, 39. Rosanna
Figliuzzi, 40. Anna Maria Monaci, 41. Cristina Secchi, 42. Gennaro Silvestro, 43. Mara Ballarin, 44.Franco Chiereghin, 45. Marcella Chiereghin, 46. Barbara Angelini, 47.Riccardo Loberti, 48.Cristian Fogli, 49.Daniela Stefani, 50.Francesca Parisi, 51.Maurizio Bertaglia, 52. Elisabetta Bottai, 53.Gabriella Prisco, 54. Luca Petrucci, 55. Angela Garatti, 56. Giorgio Prevedel

N.B. Rispetto alla precedente lettera le firme sono aumentate e sono in ulteriore aumento,



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013