Skip to main content

E’ ancora carico di eternit, ma un po’ meno pericoloso, l’ecomostro del Parco del delta del Po, l’impianto pilota dell’ex Sivalco di Valle Campo, dove in passato si è cercato di allevare l’anguilla in cattività. Oggi il rudere ha un nuovo recinto e dopo 18 anni, diverse segnalazioni e denunce dei media, è stata sgomberata una piccola parte dell’amianto che lo ricopre. Le lastre usurate si erano staccate dal corpo centrale del capannone – esponendo alle intemperie trattori e marotte, le imbarcazioni adibite al trasporto di anguille vive dalle stazioni di pesca ai mercati di vendita – e avevano cominciato a svolazzare tutto intorno. I fogli verdi e le pericolose fibre di cui sono composti sono stati smaltiti dopo il sopralluogo della padrona di casa, la Regione, e della Provincia che ha messo mano alla parziale bonifica. Ma la sostanza non cambia, la “verde” Sivalco è ancora lì, quasi immutata, a fianco della finestra dei fenicotteri, il garofano all’occhiello del Parco.

ex-sivalco-delta
Blocco centrale con copertura di eternit

L’amianto può attendere e anche i rifiuti speciali, rimanenze di laboratorio ancora chiuse nelle bottiglie con tanto di etichette farmaceutiche, le barche sfasciate e i macchinari ridotti a rottami. Restano lì, divorati dalla ruggine e dall’umidità, ospiti di fatiscenti palazzine a un piano dalle porte divelte, dove acqua, topi e arbusti vivono in simbiosi. E’ il degrado, ma non è emergenza. E la crisi non facilita i lavori di bonifica. E’ vero, ma va pure scritto che fino al 2008 il portafogli della pubblica amministrazione non risultava leggero come quello attuale. C’è da chiedersi come mai, l’invocato sviluppo del turismo naturalistico non abbia reclamato, in anni meno difficili, la trasformazione dell’ecomostro in un pezzo di archeologia industriale come è successo altrove.

ex-sivalco-delta
Macchinario di laboratorio
ex-sivalco-delta
Flaconi di medicinali

Gli esempi non mancano, basti pensare al villaggio operaio di Crespi d’Adda e al Museo dell’arte della lana ricavato nello stabilimento dell’ex lanificio di Stia per capire quanto una metamorfosi possa incontrare le simpatie di un pubblico curioso e appassionato di scoprire l’identità di una terra diversa dalla propria. Invece il ritornello è sempre lo stesso: niente soldi, niente opere. Possibile che le decantate joint venture pubblico-privato non diventino l’occasione di un recupero a misura di turismo slow? Eppure la cultura può essere business, lo sostengono da tempo gli stessi imprenditori rivieraschi. L’attenzione però sembra concentrarsi tutta sulla costa e sull’atteso riconoscimento Unesco della riserva del Delta, vissuto come la panacea del pacchetto turistico da spendere tra i due parchi emiliano e veneto

ex-sivalco-delta
Vasche per l’allevamento delle anguille

Nel frattempo, per migliorare la situazione dell’ex Sivalco, basterebbe un pannello scritto con cui spiegare la storia della struttura, la cui presenza e condizioni d’abbandono contrastano con la bellezza della valle oggi mèta sempre più frequente di villeggianti e visitatori stupiti dal trovarsi improvvisamente di fronte a un “fantasma” di pietra dalle tettoie ondulate. Mica gli si può dar torto, magari qualche spiegazione sì.

ex-sivalco-delta
lavoriero

Con o senza l’ombrello Unesco, una cosa è chiara: è mancata la volontà politica di trovare una soluzione per gli edifici in disarmo dell’impianto. In un passato nemmeno troppo lontano la dirigenza del parco ne aveva chiesto l’affido alla Regione, c’era l’idea di usare la struttura per realizzare progetti legati all’energia alternativa o a un mix di storia e arte, che prima della crisi avrebbero trovato finanziamenti con maggior facilità. Non se ne è fatto nulla e la struttura è diventata il monumento di uno dei tanti sprechi di denaro pubblico, tanto da aver chiuso i battenti nel 1996 con un debito di 17 miliardi di ex lire. Fallimento su tutta la linea.

Sivalco, società che vedeva insieme Regione, Comune, Provincia, Ersa e Sopal, gestiva l’impianto sperimentale divenuto centro ricerche a fine corsa; i dipendenti vennero assorbiti da Arpa di Ferrara e Ravenna e della liquidazione della spa se ne occupò il consorzio Azienda speciali Valli di Comacchio, partecipato da Regione e Comune. Di storie così ce ne sono tante, ma quando si consumano a pochi passi da casa diventano più amare. Soprattutto in tempo di crisi.

tag:

Monica Forti


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it