4 Marzo 2015

Estratto delle Relazione storica e archivistica

Redazione

Tempo di lettura: 4 minuti

di Giuseppe Lipani e Paola Rossi

UBICAZIONE E ORIGINI
Collocata all’angolo tra Via Borgovado e Via Scandiana, la Basilica di Santa Maria in Vado si offre già in forza di questa sua collocazione ad uno sguardo molteplice, che non si risolve in una predominanza semantica e formale della facciata principale, ma che nella facciata settentrionale ha un punto nodale di accordo tra il volume dell’edificio e il contesto urbano nel quale si inserisce. In ragione di questa pluralità di punti di vista, Santa Maria in Vado mostra la sua centralità sul piano urbanistico ancor prima che su quello strettamente architettonico, come tassello fondamentale del rinnovamento del tessuto urbano a cui si stavano dedicando Biagio Rossetti e il duca Ercole I proprio negli anni in cui misero mano alla Basilica. Rinnovamento che investiva non solo, come si sarebbe tentati a credere, la vastità dell’Addizione, ma che veniva adeguando tutta la città pre-esistente all’assetto unitario e nuovo che si stava concependo.
L’importanza del prospetto laterale in quanto momento di raccordo con il contesto urbano è già un assunto centrale in Rossetti, si pensi ad esempio a san Francesco il cui fianco costituisce una sorta di quinta, che contiene e proietta, tracciando una linea di tensione, Via Savonarola verso Palazzo Pareschi, di cui non a caso, anzi a motivo di questa unitarietà di visione, decentra il portale. Se la facciata principale si struttura in prima istanza in funzione dell’autonomia dell’opera architettonica, il fianco ne definisce l’eteronomia e diventa il momento privilegiato di raccordo tra l’edificio e la città.

Alle origini della basilica, così come si viene strutturando negli anni tra il 1495 e il 1518, sta proprio una di queste valutazioni di contesto. Ricordiamo che nel 1493 Rossetti ha dato un nuovo volto a Schifanoia, abbattendone la merlatura di Benvenuto degli Ordini e costruendone il cornicione in cotto. Con un atteggiamento, come ricorda Zevi, di «rispetto alla tradizione», Rossetti ne condensa il portato ma lo incanala verso intenti espressivi nuovi. La via pubblica assume così un aspetto moderno a cui con ogni probabilità non riesce a corrispondere, nelle forme, nei volumi e nei valori espressivi, la vecchia chiesetta di Santa Maria in Vado. L’operazione dunque di costruzione di una nuova e imponente basilica, che, per quanto orientata secondo l’asse est-ovest, tenga in conto essenziale anche il fianco settentrionale che si affaccia sulla via e su Palazzo Schifanoia, va letto all’interno di queste più generali considerazioni urbanistiche.

[…]

Nel corso del Quattrocento la Chiesa, abbandonata dai portuensi passa in commenda a diversi beneficiari, tra questi Giovanni Aurispa e più tardi Leonello Trotti, con una breve parentesi di rientro dei portuensi, nel frattempo diventati lateranensi. Su richiesta del duca Ercole I, nel 1473 Trotti la cede ai canonici regolari del Santissimo Salvatore, che la reggeranno fino al 1797, quando, a seguito delle leggi napoleoniche di soppressione degli ordini religiosi, saranno costretti ad abbandonare convento e basilica.
La richiesta di Ercole I si inserisce in una più ampia politica di gestione e di occupazione degli spazi sacri che si connette ad una volontà centralizzatrice, tesa a inserire tra le priorità dell’amministrazione dello stato anche la politica religiosa, e perciò si configura come un primo atto che da lì a poco porterà alla costruzione della nuova basilica, in una tensione culturale e politica volta a pianificare urbanismo, mecenatismo artistico, pietà religiosa e dominio politico.

LA COSTRUZIONE DELLA NUOVA BASILICA
Già negli anni ’80 Ercole I comincia a concedere esenzioni ai canonici di Santa Maria in Vado «pro fabricanda ecclesia», mostrando come l’erezione della basilica sia progetto costruito nel tempo con lungimiranza e consapevolezza. È ragionevole ritenere che la fabbrica vera e propria cominci intorno alla metà degli anni ’90 del XV secolo. Secondo il Caleffini i lavori sarebbero cominciati il 15 marzo del 1494.

[…]

ALTRE VICENDE COSTRUTTIVE

Tra il 1498 e il 1499 i lavori procedono, come riporta la Cronaca di autori incerti, che descrive a chiusura dell’anno 1498 il lavoro intenso in più posti in città: «In questo tempo se lavorava circa lo vescovado de Ferrara e la giesia de Sancto Francesco, di Sancto Andrea, di Sancto Spirito, di Sancta Maria del Vado, di Sancto Benedetto et di Sancto Bartolomeo, et circa fare molti palatii et case in Terranuova»25. Ferrara è un immenso cantiere, il fervore costruttivo di quegli anni è chiaramente leggibile in queste righe. Poche pagine più avanti il cronista ribadisce l’alacrità dell’impegno: «In le giesie di Sancto Francesco, Santo Andrea, Sancta Maria del Vado, Sancto Spirito et altre giesie tutavia se lavora a furia per renovarle». Il 1500 è Anno Santo e la chiesa è designata in diocesi tra le basiliche giubilari. Si tratta verosimilmente della chiesetta originaria non ancora demolita ed aperta al culto.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013