7 Aprile 2017

Crisi o non crisi, è sempre una giornata di sole. Soprattutto se le masse non hanno grandi pretese…

Claudio Pisapia

Tempo di lettura: 5 minuti

Il buono e il cattivo della vita è sempre una questione soggettiva. È vero che c’è crisi, ma mica tutti la soffrono? Anzi nella crisi c’è sempre chi giova di guadagni e privilegi maggiori e in continua crescita. Quindi le cose non vanno bene o vanno male, non sono buone o cattive in assoluto, ma anzi, a seconda di chi coinvolgono, la realtà può assumere sfaccettature molto diverse.

Tasso disoccupazione Italia: nell’ultimo anno e mezzo il livello sembra stabilizzato tra 11 e 12%

La disoccupazione per alcuni, e di sicuro per quel 11,5% di disoccupati italiani (dato Istat febbraio 2017), è un disastro, la cosa peggiore che gli potesse capitare. Per noi, che ancora lavoriamo, magari meno. Per noi la vita scorre normale ed una giornata di sole è ancora una festa.
E scorre ancora più normale per quelle persone che non hanno mai fatto la fila per prenotare una visita specialistica alla AUSL, gli amministratori delegati che vivono di azioni, derivati, speculazioni ai quali le crisi fanno guadagnare ancora di più. Tutto normale per quelle persone che percepiscono dividendi e stipendi a prescindere dai risultati, a prescindere o meno se l’azienda privata o statale o partecipata che gli è stata affidata ha reso un servizio buono alla cittadinanza oppure è fallita e i costi sono stati spalmati sulla collettività. E si gode la giornata di sole pure chi gestisce le banche, protetti dall’azione giudiziaria grazie all’azione legislativa della politica.
Ma come si inquadrano il lavoro e le percentuali di disoccupazione tra le varie esigenze? Di solito per il cittadino normale il lavoro è lavoro e più ce n’è… meglio è. Semplice buon senso da provinciali, certo.
Per quelli che hanno studiato e poi sono diventati economisti e magari sono stati anche assunti dalla Commissione Europea, esiste invece un livello di disoccupazione ottimale, una disoccupazione minima, strutturale … a chi o a cosa verrebbe da chiedere. E in effetti se non fosse persino tragico verrebbe da sorridere.
Il loro strumento per dirci quanta disoccupazione serve al sistema per funzionare bene (…bene per chi?) si chiama Nawru: ‘not accelerating rate of unemployment’, quel livello di disoccupazione che non ti fa crescere l’inflazione. Cioè, secondo alcuni, il ragionamento è: se avessimo troppi occupati questi pretenderebbero di comprare troppi beni e servizi e le aziende, a causa dell’aumentata domanda, sarebbero ‘costrette’ ad aumentare i prezzi (sì, questo è il neoliberismo, il cosiddetto ‘pensiero classico’) e allora ci dobbiamo mantenere in equilibrio in modo che i salari aumentino in maniera costante, non si impennino, e l’aumento dei prezzi (cioè l’inflazione) si mantenga altrettanto costante.
Lo so, sempre la maledetta inflazione che insieme al debito pubblico guidano il mantra del “ce lo chiede l’Europa, la stabilità, l’equilibrio di bilancio, l’animaccianeradituononno”.

Senza voler forzare il discorso potrei anche aggiungere che con un livello di disoccupazione alto si mantiene meglio il controllo delle masse, che siamo noi, basse pretese e accettazione dell’inevitabile. Cioè, se ci capitasse di essere parcheggiati in un corridoio di ospedale su una barella per mancanza letti ci verrebbe più facile concepire l’idea che affidare gli ospedali ai privati potrebbe migliorare le cose. Cioè sarebbe meglio affidarli a quelli che non fanno la fila all’Ausl, amministratori delegati, Black Rock, derivati, ecc… Il cerchio si chiude, è un attimo e nemmeno ce ne siamo accorti.
Ora il Nawru viene utilizzato insieme al Nairu, ‘non accelerating inflation rate of unemployment’, e tutti e due questi sistemi pretendono di fare calcoli, che devono poi regolarci la vita, presumendo però due cose: la crescita potenziale del pil; che i mercati devono tendere (o tendono) all’equilibrio da soli.

Il barista all’angolo è già in fibrillazione. Anche lui si è accorto, infatti, che sono anni oramai che gli economisti non riescono a beccare una previsione di crescita e che di questa storia dell’equilibrio dei mercati non se ne può più. Quante crisi ci vorranno ancora, quante aziende dovranno chiudere, quanta aria dovrà essere infettata e maiali riempiti di antibiotici dovremo mangiare, prima che si ammetta che i mercati liberi e auto equilibrati non funzionano? E soprattutto non hanno mai funzionato per quelle persone che la mattina, dopo cornetto e cappuccino, vanno a lavorare?

Ma come dicevo all’inizio, è una questione di visuale: ognuno la vede a suo modo e qualcuno vince e qualcuno perde (sempre la massa).

Secondo la commissione europea il Nawru nell’eurozona dovrebbe attestarsi al 9%, per l’Italia si stima il 10,7% per il 2017 e il 10,8% per il 2018. Cosa vuol dire? Che se nel 2017 l’Italia raggiungesse il livello di disoccupazione previsto, le sarebbe impedito di effettuare spesa in deficit per continuare a diminuirla, le sarebbe concessa ancora meno flessibilità! In quel caso anzi, si riterrebbero giuste ulteriori politiche di austerità, del resto la prima austerità è quando allo Stato viene impedito di fare deficit.

Lo stesso Matteo Renzi faceva notare in Parlamento, qualche tempo fa, che la Spagna stava crescendo più dell’Italia solo perché spendeva di più. E se lo ammetteva anche Renzi… potrebbe essere un concetto estendibile a tutti: lo Stato è l’unica entità a poter creare le condizioni perché i fattori in campo possano modificarsi. Cioè fregarsene del NAWRU, aumentare il livello del deficit statale e quindi spendere di più per creare più opportunità di lavoro, sostenere le aziende semplificando il credito e modificando la tassazione.

In fondo l’unico tasso strutturale di disoccupazione a cui dovremmo tendere è lo 0%. Ma se tutti avessero un lavoro e quindi pieno diritto di partecipazione alla vita sociale e politica senza l’inganno della scarsità a frenare le iniziative, comincerebbe a essere più difficile rubare risorse agli altri e giustificare privilegi.

Per l’ultima riflessione ci affidiamo ad un grafico

Si vede chiaramente un tasso di disoccupazione che cala vertiginosamente ma purtroppo non riguarda l’Italia bensì il Giappone!
Questo grafico ci racconta, in buona sostanza, che uno Stato con un debito pubblico al 240%, e che continua ancora a spendere, riesce a far diminuire la disoccupazione. Non gli aumentano gli interessi sui titoli di Stato e non è in calendario il suo default. Staremo sbagliando qualcosa?

Fonte dati e ispirazione per articolo:
http://www.fef.academy



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Claudio Pisapia

Dipendente del Ministero Difesa e appassionato di macroeconomia e geopolitica, ha scritto due libri: “Pensieri Sparsi. L’economia dell’essere umano” e “L’altra faccia della moneta. Il debito che non fa paura”. Storico collaboratore del Gruppo Economia di Ferrara (www.gecofe.it) con il quale ha contribuito ad organizzare numerosi incontri con i cittadini sotto forma di conversazioni civili, spettacoli e mostre, si impegna nello studio e nella divulgazione di un’informazione libera dai vincoli del pregiudizio. Cura il blog personale www.claudiopisapia.info
Claudio Pisapia

Ti potrebbe interessare:

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013