24 Luglio 2016

Dialogare è difficile

Fiorenzo Baratelli

Tempo di lettura: 4 minuti

filosofi

(Pubblicato il 18 giugno 2014)

Chiediamoci: perché, nella quotidianità, è così difficile dialogare? Perché è complicato capirsi e trasformarsi a vicenda, in particolare tra persone che la pensano diversamente, ossia esprimono posizioni precostituite o ben strutturate? Perché riusciamo in genere a scambiarci solo gli spiccioli delle nostre idee e convinzioni? Una conferma di questa situazione si ricava dai dibattiti televisivi di ogni tipo che, in genere, non sembrano modificare i protagonisti o chi ascolta. Talvolta, anzi, oltre a confermare le reciproche tifoserie, producono un senso di fastidio e di sazietà che vanno a fecondare le radici del qualunquismo. Tema altamente complesso perché implica un intricato numero di fattori: storia, cultura, famiglia, ambiente, particolarità dei soggetti. Proviamo, in estrema sintesi, a proporre solo una scaletta di questioni terminologiche e di merito.
Innanzitutto, dialogo non è la chiacchiera, o la conversazione salottiera, ma neppure una civile pratica del discutere per trovare un accordo. Il dialogo, nel senso antico della nostra cultura europea, è il dialogo filosofico inventato da Platone, la cui opera è tutta dialogica. Nel suo significato originario, il dialogo è un continuo e mai finito movimento del confronto fra pensieri verso una meta di verità che sempre si sposta, si allontana e si complica. E’ naturale la disposizione del soggetto verso questa ricerca? Assolutamente no. Fondamentale è il ruolo che giocano due istituzioni che il cucciolo umano incontra da subito nella difficile costruzione della propria autonomia: la famiglia e la scuola. Queste istituzioni sono sempre immerse nel proprio tempo, da cui ricavano condizionamenti, sfide, rischi e possibilità. Il nostro è il tempo della rete e della globalizzazione. Teniamo, quindi, ferme sullo sfondo queste due cornici importanti che qui ci limitiamo solo a richiamare.
Soffermiamoci, invece, sulla funzione formativa che dovrebbe svolgere la scuola. L’educazione necessaria per imparare a dialogare non ha niente a che vedere con la comunicazione di contenuti o lo svolgimento pedante del programma delle singole materie. Essa va concepita come la convivenza attiva che ritroviamo nei dialoghi di Platone. Riporto una sintetica definizione di questo modo di dialogare proposta da uno studioso del grande filosofo greco: “L’educazione al dialogo in Platone è, innanzitutto, una convivenza: cioè non, alla lettera, un immobile condizione di vite abbinate, come istituzionalmente di un insegnante e di uno scolaro, ma è l’atto ogni volta nascente dell’incontro, del breve o lungo dialogo, nel cui fervore il maestro sfida l’allievo a pensare il suo apparirsi e a dirlo, e al tempo stesso è dall’allievo sollecitato ad approfondire il proprio pensiero. In questo atto, che Platone chiama Eros, Amore, i due viventi si fanno l’un l’altro intimi e accoglienti.” Infatti, non a caso nel “Simposio” vi è una delle definizioni più profonde della parola amore: “L’Amore ci svuota di estraneità e ci riempie d’intimità”. Questo pensiero vivente, esige una scuola viva che solleciti curiosità e passione; e miri a formare individui persuasi e non indottrinati.
Per concludere, un riferimento a due grandi filosofi del novecento che hanno ragionato sul significato non banale del dialogo: Karl Jaspers e Guido Calogero. Quest’ultimo è l’autore di un’opera classica sul tema: “Filosofia del dialogo” (Edizioni Comunità). Evidenzio un passaggio cruciale del suo discorso, là dove dice che la filosofia del dialogo richiede il rispetto di una premessa pregiudiziale: la decisione del soggetto di voler intendere l’altro. Questa premessa è squisitamente etica e si impara solo praticando il dialogo. E qui interviene Karl Jaspers quando ricorda che il dialogo è un atto di vita, una scommessa e una sfida in cui sono in gioco persone concrete e sempre diverse l’una dall’altra. E’ per questo che non è possibile semplicemente insegnare o imitare il dialogo, perché esso consiste nella sua unicità di volta in volta irripetibile. Esiste tra due se-stessi che sono solo questi e non rappresentanti di due generici, e perciò sostituibili, se-stessi. Entrambi i filosofi concordano su due punti. Il dialogo implica la reciproca disponibilità all’incontro, il reciproco riconoscimento. Però, questa dimensione di reciprocità non deve condurre all’annientamento dell’essere-io dell’uno in quello dell’altro. Al contrario, il dialogo si realizza di volta in volta tra due che, pur vincolandosi tra loro, devono continuare a restar due. Infine, la comunicazione esistenziale può accadere e dare buoni frutti solo se si è in grado di mantenersi in una condizione di dolorosa sopportazione della solitudine; cioè in uno stato di attesa, di speranza, perché essa non è sempre disponibile a comando, per cui quando si presenta va colta come occasione e vissuta come dono.
Al termine di questo rapido excursus, spero di aver chiarito che il dialogo è la conquista lenta lungo un processo che non a caso, Jaspers definisce con la bella metafora della lotta amorosa. “Il processo dell’esperienza del vero dialogo è una lotta unica nel suo genere, una lotta che è, ad un tempo, amore. E come amore, questo dialogo, non è l’atteggiamento cieco e indifferente nei riguardi dell’oggetto a cui si volge, ma è l’amore che lotta e che vede con chiarezza. E’ un amore che mette in questione, che crea difficoltà; è un amore esigente, che muovendo da un’esistenza possibile, afferra l’altra esistenza possibile.” Riflessioni utili nel nostro tempo babelico, spesso diviso tra chiacchiere inconcludenti e/o risse distruttive.

Fiorenzo Baratelli è direttore dell’Istituto Gramsci di Ferrara



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Fiorenzo Baratelli

È direttore dell’Istituto Gramsci di Ferrara. Passioni: filosofia, letteratura, storia e… la ‘bella politica’!
Fiorenzo Baratelli

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013