Skip to main content

da: organizzatori

Dal 5 al 20 dicembre 2015 la Galleria “Spazio Monticini” di via Roma 14, a Montevarchi (AR), ospita “Messi a nudo”, mostra personale di pittura di Adele Lo Feudo, in arte ALF.
L’esposizione, patrocinata dal Comune di Montevarchi, è in collaborazione con Montevarchi Arte e inserita nel progetto “Artinvalle”.
Sabato 5 dicembre, alle ore 17,30, il vernissage presentato dal giornalista Marco Botti.
La serata inaugurale sarà arricchita da un’originale e sorprendente performance dell’artista.
La personale, a ingresso libero e gratuito, rispetterà i seguenti orari: giovedì dalle 10,30 alle 12,30; Dal venerdì alla domenica dalle 16,30 alle 19,30. Domenica 6 e domenica 20 dicembre aperture straordinarie anche al mattino, dalle 10,20 alle 12,30.
LA MOSTRA
“Messi a nudo” è il nuovo progetto della poliedrica artista e performer calabrese, da anni trapiantata in Umbria.
In esposizione ventuno opere, con personaggi che ruotano intorno al mondo delle arti, realizzate dalla pittrice cosentina attraverso un processo creativo peculiare: ai raffigurati è stato infatti chiesto di assumere una posizione che rappresenti il proprio modo di sentire e concepire l’arte, avvalendosi di un tessuto del colore preferito. Da ciò sono scaturiti lavori dove i protagonisti vengono sviscerati, fino a svelarne le tracce più intime. I corpi, eseguiti in maniera parziale e volutamente non in equilibrio all’interno della composizione, quasi intrappolati nel perimetro della tela, “mettono a nudo” l’anima dei personaggi ritratti e i loro vissuti emozionali.
«Il contesto formale e cromatico in cui sono inseriti i ritratti degli artisti esprime un contenuto rivelatore di equilibri psicologici dove l’emozione mantiene una valenza di agente quasi estranea al corpo, spesso solo contenitore di istinti inconsci – scrive Stefano Maria Baratti nel catalogo che accompagna la mostra. – Ogni artista si esprime con gesti (soprattutto espressioni del volto, tratti somatici e movimenti delle braccia) che connotano sia l’interazione psicofisica del talento individuale con il mondo oggettivo, sia l’incarnabilità di un dinamismo inconscio come apertura al dialogo con il pubblico e occasione per sperimentare molteplici possibilità d’interazione».
Partendo dalla forma visibile Adele Lo Feudo porta avanti una complessa indagine introspettiva sui soggetti, che diventa allo stesso tempo autoindagine e indagine universale dell’uomo contemporaneo, ogni giorno alle prese con i suoi dubbi e le sue debolezze.
LA GENESI DELLA MOSTRA
«Un giorno, pensando al mio percorso di vita e artistico, mi sono chiesta cosa fosse l’arte per me.
Dopo un primo pensiero rivolto al passato in cui prevaleva l’idea di un sogno impossibile e perciò generatore di sofferenza, mi sono resa conto che oggi l’arte per me è equilibrio, quasi come un sottile filo teso, frutto di forze contrapposte presenti in me stessa su cui io con sforzo, impegno e amore costanti riesco a far incontrare Adele donna e Adele artista, fondendole in ALF.
Anche per gli altri artisti l’arte rappresentava questo? Inevitabile poi chiederselo. Da qui il desiderio di coinvolgere i miei venti modelli nel progetto “Messi a nudo” che vuole evidenziare la vera interiorità di ciascuno, in modo da renderla comprensibile a tutti e far intuire come l’arte sia elemento comune a noi che l’amiamo.
A ognuno di loro ho chiesto di porsi questa domanda e di assumere con il corpo, in particolare con la zona che va dal naso all’ombelico, una posizione che la riassumesse, anche avvalendosi di un tessuto del colore preferito o di un oggetto che potesse essere d’aiuto. Ne è venuta fuori una bella indagine sull’arte, sulla psicologia maschile e, indirettamente, su Adele. Infatti in ognuno dei modelli vi è qualcosa di me con riferimento al percorso di vita o a quello artistico. L’insieme dei concetti da ognuno di essi espresso rende ciò che per me è l’arte. Senza non vivo e non sarei io. È tutta la mia vita!». (Adele Lo Feudo)
I MODELLI
Stefano Maria Baratti; Marco Botti; Stefano Chiacchella; Fabio De Chirico; Antonio Delluzio; Antonio Iannice; Geraldo Lafratta; Vincenzo Liguori; Adele Lo Feudo; Michele Loffredo; Alessandro Maio; Massimiliano Manieri; Ciro Palumbo; Oscar Piovosi; Luca Pottini; Giovanni Puliafito; Roberto Ronca; Raffaele Claudio Rossiello; Massimo Scaglione; Giampiero Tasso; Stefano Zuccarini.
BREVE BIOGRAFIA
Adele Lo Feudo, in arte ALF, nasce a Cosenza nel 1967. Dopo gli studi classici si laurea in Giurisprudenza all’Università di Salerno. In seguito si sposta a Perugia per motivi affettivi e qui s’iscrive al corso di interior designer presso l’Ieao, dove, dopo aver conseguito il diploma e la specializzazione, viene chiamata a insegnare le materie di laboratorio grafico, decorazione d’interni e progettazione d’ufficio. Nel frattempo inizia a dipingere per assecondare la sua vecchia passione e, iscrittasi all’Istituto statale “Bernardino di Betto” di Perugia, dietro la guida degli artisti Balucani, Levita e Mariucci, consegue con il massimo dei voti il diploma di maestro d’arte.
Partecipa a collettive e concorsi e nel 2009, dopo sette anni, abbandona l’insegnamento e si dedica esclusivamente alla pittura.
Neorealismo, post pop, ma anche sconfinamenti nell’arte concettuale, nell’iperrealismo, nel surrealismo. Tutto questo riesce a coesistere nello stile meticoloso e allo stesso tempo irrequieto e libero da schemi e preconcetti dell’artista umbro-calabrese, sempre più apprezzato da pubblico e critica durante le personali che Adele Lo Feudo presenta con regolarità sul suolo nazionale.

tag:

Riceviamo e pubblichiamo


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it