Skip to main content

1 ottobre 1940, Valle Isola, Ferrara. La località Casone Gaiano, protagonista di un eccezionale rinvenimento durante lavori agricoli, viene segnalata dalla Soprintendenza Archeologica dell’Emilia e Romagna al commissario prefettizio di Comacchio, per assicurare ai preziosi reperti la migliore sorveglianza. Gli antichi testimoni di un tempo lontano non possono correre il rischio di sparire per sempre.

E’ così che le due imbarcazioni monossili, di età tardoromana, vengono lasciate nel luogo del ritrovamento e ricoperte con il circostante terreno argilloso. La cattiva stagione è infatti impellente e sarebbe più saggio procedere con i lavori in primavera. La località è già stata bonificata da oltre dieci anni, e al momento appare come una campagna coltivata a cereali. Non entrambe le piroghe, tuttavia, sono state scavate interamente: una quasi del tutto, l’altra invece, posta accanto, è visibile soltanto per un fianco, poiché coricata su un lato. Nonostante qualche inevitabile danno causato dagli operai che le hanno scoperte e scavate con i mezzi di cui dispongono, in occasione dei lavori per un canale artificiale, queste mostrano di trovarsi in buono stato, e si riesce perfino ad apprezzare l’accuratezza della lavorazione interna. Giunto il mese di maggio, dunque, ma del 1942, il pericolo che le imbarcazioni stanno correndo, ancora sepolte, risulta sempre maggiore. Un anno è già passato a vuoto, e se la notizia dovesse diffondersi, o se qualcuno inavvertitamente le ritrovasse a sua volta, rischierebbero di divenire legna per camino. Bisogna intervenire. La Soprintendenza divulga al Ministero dell’Educazione Nazionale le proprie preoccupazioni, chiedendo esplicitamente fondi per un tempestivo recupero, ma sarà il Museo Nazionale delle Origini di Taranto, nell’estate seguente, a rendersi disponibile per le spese di scavo e recupero, a una condizione: le due imbarcazioni devono risalire all’età preistorica. Non solo, perché dopo i lavori una di queste dovrebbe andare proprio nel museo pugliese. Vengono così condotti, in men che non si dica, dei saggi in loco, ma il fiato rimane sospeso per poco. Nello strato sottostante le monossili, sono presenti delle conchiglie dell’antico fondo vallivo che circondano un frammento di anfora tardoromana. Ciò vuol dire che le imbarcazioni devono per forza essere di quel periodo. L’autunno incombe, e le barche sono tuttora lì. Le sollecitazioni continuano a essere inviate, ma ancora nessun fondo per l’estrazione, il recupero, il trasporto a Ferrara e il necessario restauro. Arriva dicembre, stessa situazione, ma almeno la sorveglianza sul luogo incriminato è garantita dalle forze dell’ordine. Il nuovo anno giunge, siamo nel 1943. Si scopre che l’imbarcazione più grande ha subito dei danni: qualcuno ne ha asportato una parte. Tempestivamente vengono intraprese ulteriori iniziative di protezione – più sabbia sui reperti – ma è troppo tardi per organizzare un intervento completo adesso. L’Italia è in guerra e fino al 1945 la situazione non può essere smossa. Bisognerà attendere gli anni immediatamente successivi per sopralluoghi atti a verificare che nessuno abbia più toccato i preziosi manufatti, e finalmente nell’aprile del 1948 si programmano il loro scavo e trasporto verso il Museo Archeologico Nazionale di Ferrara, già ospitato nel Palazzo Costabili. Il tutto avverrà il mese dopo, ma una sorpresa non gradita attende gli scavatori. Soprattutto la piroga più grande si rivela in uno stato peggiore del previsto, poiché altri scoprimenti e reinterri si sono succeduti. Senza contare l’allagamento che la zona ha subito negli ultimi due anni di guerra. Ma ora non c’è più da aspettare. Le monossili vengono imbracate e dopo anni di stazionamento in ciò che rimaneva di una antica officina navale, giungono infine a destinazione, per raggiungere ad agosto la collocazione attuale nella sala al pianterreno.

Come traccia del ruolo di punta esercitato dalla nostra terra nel campo della navigazione, le piroghe ci ricordano anche la perduta talassocrazia – dominio sul mare – che l’antica Spina, la città antenata di Ferrara, esercitava incontrastata sull’Adriatico, tra commerci e protezione dai pirati.

 

Museo Archeologico Nazionale di Ferrara
Facebook | Instagram | Twitter | Youtube

tag:

Ivan Fiorillo

“Lo Scettico”: un divulgatore non convenzionale alla ricerca della verità.

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it