19 Marzo 2015

Creare un marchio per ridare polpa alla frutta ferrarese

Monica Forti

Tempo di lettura: 5 minuti

mela-pera

Nessun romanticismo, ma duro lavoro e nuove sfide per cercare un punto d’equilibrio tra mercato, produzione e commercializzazione di frutta, verdura e cereali nell’interesse dell’uomo, della natura e, non ultimo, di una sana economia. Un processo indispensabile cui si affiancano alcune esigenze: creare nel Ferrarese un marchio di prestigio spendibile a livello nazionale e internazionale, puntare sull’innovazione applicata all’agricoltura e sulla multifunzionalità delle piccole aziende. E’ la chiave di lettura che Stefano Calderoni, 33 anni, ex assessore provinciale e presidente della Confederazione italiana agricoltori di Ferrara, dà a un comparto su cui è fondata gran parte della nostra economia. “La nostra agricoltura è diventata con il passare del tempo sempre più industriale, sicché lo spazio per i giovani e le piccole imprese è sempre più marginale – spiega – Tra gli aspetti penalizzanti c’è poi la mancanza di identità delle nostre produzioni. Nonostante i 7mila ettari coltivati a pera, che ci rendono leader della produzione nazionale di cui deteniamo il 35 per cento, non abbiamo una reputazione tale da incidere come si potrebbe sul mercato nazionale e internazionale”.

stefano-calderoni
Stefano Calderoni è il presidente provinciale della Confederazione italiana agricoltori (Cia) di Ferrara

Le aziende familiari vanno perdendosi, nulla sembra favorire l’insediarsi di imprese giovani o rinnovate, oggi chiamate a fare i conti con affitti del terreno sempre più alti. La maggior parte della terra è nelle mani di un pugno di produttori così, come ogni cosa rara, il suo costo lievita: “Nell’arco di poco tempo il prezzo delle locazioni è raddoppiato – dice – se l’affitto di un ettaro si aggirava sui 700 euro, oggi può arrivare a 1.500”. La situazione non è brillante tanto più in rapporto al mancato rendimento degli investimenti: “Si arriva a produrre a 30 per vendere a 25 centesimi al chilo”, sottolinea. A farne le spese sono soprattutto le piccole realtà, destinate a scomparire per la mancanza di ricambio generazionale e per le difficoltà, operata principalmente dalla pressione fiscale, imposte a chi vorrebbe rilevarle. “Subentrare nella gestione, magari avendo lavorato nella medesima azienda, ha costi altissimi – continua – E’ il motivo per cui abbiamo proposto di inserire nel disegno di legge una serie di sgravi per incoraggiare la continuità di attività altrimenti destinate a morire”.

L’assenza di un’identità di pregio, situazione molto ben risolta dal marketing intrapreso dal consorzio Melinda, ci ha portato a ignorare le nostre opportunità, una delle quali sta nel far fruttare al meglio il riconoscimento Unesco di cui godiamo: “Il consorzio trentino dà oggi il prezzo della mela. Ha fatto del marketing, ha usato l’e-commerce raggiungendo risultati importantissimi. Se noi fossimo californiani, avremmo già emesso un nostro marchio, sfruttato i vincoli e i vantaggi di vivere sotto l’ombrello dell’Unesco – continua – Il tentativo di essere riconosciuti come riserva nell’ambito del progetto L’Uomo e la biosfera poteva rivelarsi una buona occasione anche per l’agricoltura, ci avrebbe permesso di recuperare le caratteristiche delle produzioni di pianura scomparse con l’avvento dell’agricoltura industriale”.

La concentrazione agricola ha cancellato non solo la varietà di piante, ma anche la vocazione a produrre cibo, che insieme alla disponibilità d’acqua, è oggi uno degli elementi fondanti della geopolitica. Se la speculazione aggressiva inghiottirà il mercato, una grande fetta di mondo sarà destinata a un ben triste destino. E’ un problema che riguarda tutti da vicino. “La Cina compra terra in Africa, la fa coltivare alla manodopera locale e si porta a casa le produzioni. In questo non c’è alcuna solidarietà sovralimentare – prosegue – E’ la questione delle questioni, ne capiamo la portata, ma il nostro modello economico condiziona l’attività degli agricoltori. I prezzi li valuta la borsa, non siamo noi a determinarli, li subiamo”. Soluzioni? “Stiamo cercando di sviluppare una proposta sindacale basata sulla difesa del territorio, sull’etica e l’identità – spiega – Non è nella prossimità che si consolida il miglior rapporto tra produttore e consumatore, ma nel modo rispettoso di produrre a tutti livelli. E’ innegabile che dietro ai prezzi bassi ci sia un processo di sfruttamento a cominciare dalla manodopera”. Invertire la marcia è possibile? Si spera nella politica e ci si prova con progetti come “Donne in campo”, con le produzioni di nicchia, biologiche, diversificate, le collaborazioni sperimentali come quella con l’Istituto Navarra e il Cnr, le sturt up dedicate all’innovazione che vanno dalla domotica al servizio dell’agricoltura alle aziende a impatto zero, dalla fattoria didattica alle produzioni solidali di filiera corta come “Terra-Luna”. E’ancora un microcosmo a visibilità ridotta, ma tradisce vivacità, desiderio di esistere, di diventare futuro.

C’è poi il prossimo convegno FuturPera, il salone internazionale della pera, in programma dal 19 al 21 novembre, una ricchezza per la città e la sua provincia coinvolte per tre giorni dall’iniziativa. “Si tratta di un focus sulla pera pensato per scrivere una sua nuova storia, per stimolare il consumo interno e l’export. Non basta saper produrre è necessario saper vendere bene il proprio prodotto – spiega – Esportiamo il 48 per cento delle pere in Germania, lo facciamo con una ventina di piattaforme, mentre i nostri concorrenti Belgio e Olanda, lo fanno insieme, consapevoli del fatto che le strategie commerciali non possono prescindere dalla massa critica e dalla velocità della risposta alla domanda di fornitura”. L’evento ospita anche Interpera, dedica spazio all’innovazione, concilia la parte tecnica alle tendenze di mercato, si adopera per l’accoglienza dei compratori stranieri e per la prima volta propone il “business to business. FuturPera è un appuntamento importante per concentrarsi sulle esportazioni. “Pur restando il terzo brand, fenomeno dovuto all’aumento dei consumi, nell’export siamo più indietro degli altri – dice – La Germania arriva a 20 miliardi di euro e, i dati Nomisma, danno in crescita i paesi del sud America”. Correre ai ripari è indispensabile, tanto più a fronte di recenti scricchiolii legati al fermo dell’export in Russia dovuto, secondo Calderoni, non tanto all’embargo quanto al crollo economico del Paese, e in Libia, dove il prodotto di piccolo calibro aveva un suo mercato, cancellato dalla pericolosità dei venti di guerra.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Monica Forti

Monica Forti

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Le vie dell’avvento

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013