Skip to main content

da: ufficio stampa Comune di Comacchio

A conclusione di un proficuo incontro con i rappresentanti delle Associazioni di categoria, il Sindaco Marco Fabbri ed il Dirigente alla Cultura e Turismo Roberto Cantagalli, hanno colto i suggerimenti pervenuti, manifestando piena disponibilità a rielaborare le sei proiezioni formulate, circa l’ipotesi di introduzione della tassa di soggiorno dalla prossima stagione turistica.
“Intorno alla tassa di soggiorno si è già detto tanto -ha sottolineato il Sindaco Marco Fabbri- e più volte ho ribadito come sarebbe stato preferibile incrementare l’aliquota Imu sulle seconde case, ma ormai siamo arrivati con l’acqua alla gola. Va da subito evidenziato – ha aggiunto- che tutti gli introiti della tassa di soggiorno, già applicata nella gran parte delle località rivierasche, compresa Ravenna, mentre Cervia la introdurrà dal 2016, andranno tutti destinati al turismo e quindi a creare nuova occupazione.” Il Sindaco ha poi elencato i numeri dei tagli alle risorse che hanno interessato proprio il Comune di Comacchio. Nel corso del 2015 il taglio complessivo alle risorse è pari a 563mila euro a cui si somma 1milione200mila euro ulteriore, come previsto dalla manovra di stabilità del governo Renzi. Sta facendosi strada inoltre l’ipotesi dell’abolizione della Tasi sulle prime case e dell’Imu sui terreni agricoli. Relativamente a questi dati, il gettito comunale complessivo è pari a poco più di un milione di euro (Tasi sulle prime case) e di quasi 900mila euro per quanto riguarda l’Imu sui terreni agricoli. Già si prospettano ipotesi di compensazione rispetto ai suddetti prelievi, attraverso alcuni strumenti, quali nuovi tagli alle risorse o sulle aliquote delle seconde case o sul tetto della tassa di soggiorno, fissata a livello nazionale al tetto massimo pari a 5 euro a notte. Nella sua esposizione, il Sindaco ha evidenziato che il bilancio complessivo del Turismo comunale è pari ad 1milione e 200mila euro e alla luce dei nuovi tagli che il Governo ha in previsione di attuare, sarebbe improponibile incidere su settori quali quello sociale o quello della Publbica istruzione in un territorio ad alto tasso di disoccupazione, sul quale grava pesantemente anche il fenomeno dell’alto tasso di abbandono scolastico e di bassa scolarizzazione. Il Dirigente Cantagalli si è poi soffermato sulle 6 prennunciate proiezioni di applicazione della tassa di soggiorno con diverse graduazioni (senza esenzioni, con esenzioni per famiglie con bimbi sino a sei anni o con bimbi sino a 12 anni).
Tra le ipotesi oggetto di esame durante l’incotro e di ulteriori future valutazioni, quella di introdurre l’aliquota della tassa di soggiorno variabile da 0,90 centesimi per gli alberghi a 4 stelle, a 0,60 centesimi per alberghi a 3 stelle, sino agli affittacamere con aliquota a 0,30 centesimi. Il gettito ipotizzato, a seconda delle propiezioni effettuate e delle esenzioni applicate varierebbe da poco più di 900mila euro sino 745mila euro (per esenzione ai bimbi sino a 12 anni). “L’Amministrazione Comunale vuole proseguire il percorso di promo-commercializzazione del territorio – ha sottolineato il primo Cittadino -, avviato con buoni risultati in collaborazione con i privati. Teniamo conto che i nostri competitor più vicini continueranno ad investire.” A questo proposito è intervenuto l’Assessore al Turismo e alle Politiche Sociali, Sergio Provasi, evidenziando che “il buon equilibrio che ora garantisce il Comune di Comacchio sul sociale, con l’assistenza a circa 700 famiglie, senza l’applicazione della tassa di soggiorno, diventerebbe di difficile gestione.” A seguire, hanno preso la parola i rappresentanti delle associazioni di categoria, i quali, pur esprimendo le loro perplessità, hanno rinnovato la volontà di mantenere aperto il confronto istituzionale, proponendo specifiche graduazioni alle aliquote della tassa di soggiorno e una temporalità nell’applicazione della stessa. Gianfranco Vitali (Ascom di Comacchio), ha sottolineato come “la nostra posizione è nota. Vedo che in Italia sono orami 700 i Comuni che hanno introdotto la tassa di soggiorno ed il nostro cliente vuole sapere per quale motivo deve pagare una tassa. Dobbiamo quindi far capire ai turisti – ha aggiunto Vitali – che c’è qualcosa di nuovo. Propongo quindi un piano per ogni lido, che metta in luce un’opera pubblica da realizzare. Se dobbiamo mandare giù il rospo della tassa di soggiorno – ha concluso Vitali -, pensiamo al gettito più basso, accostandola ad un incentivo.” Roberto Bellotti (Confesercenti del Delta), manifestando anch’egli obiezioni sull’opportunità di introdurre la tassa, ha aggiunto che “con i problemi cronici che vive il territorio, almeno si valuti di risolverne una parte con l’indroduzione di questa imposta. Non mi vedo propenso a fare nessun tipo di barricata – ha proseguito Bellotti -, ma ritengo soprattutto che i 10 euro a forfait previsti per l’affitto settimanale di un appartamento siano eccessivi e possano essere ridotti almeno ad 8 euro, considerata anche la presenza di numerosi monolocali, occupati da soggetti singoli. Come Confesercenti ritengo che le aliquote vadano ritoccate al ribasso.” Ted Tomasi (Comacchio è turismo), rimarcando l’iportanza di non interrompere il percorso strategico di promo/commercializzazione condiviso tra gli imprenditori e l’Amministrazione Comunale, ha specificato che “il nostro è un territorio con un target di riferimento per famiglie con bambini da tenere in massima considerazione. L’obiettivo deve essere quello di mettere in sicurezza il progetto di promo-commercializzazione avviato, alla luce dei risultati conseguiti. Il nostro territorio quest’anno è quello che è cresciuto più degli altri. Va rafforzato il progetto strategico – ha concluso Tomasi – e se poi restano risorse, non dico no alla realizzazione di opere.” Una ulteriore graduazione delle aliquote sull’applicazione della tassa di soggiorno è stata auspicata da Dario Guidi (CNA-Turismo), il quale ha ipotizzato “l’opportuna esenzione sino a 12 anni , visto che il territorio è inclusivo per famiglie e anche dal punto di vista temporale, escludendone l’applicazione dal 15 settembre al 15 maggio, per incentivare i pernottamenti al di fuori della stagionalità.” Guidi ha evidenziato la necessità di potenziare il processo di decoro ed arredo urbano, peraltro già in corso dalla scorsa primavera, grazie alle opere realizzate dall’associazione temporanea di impresa che gestisce i parcheggi a pagamento. Tra le opere di maggior rilievo, l’illuminazione pubblica nel retrospiaggia nel Lido di Spina, ma altri interventi, tra i quali la piantumazione di essenze arboree e realizzazione di ciclabili, come ha sottolineato il Sindaco, proseguiranno durante l’autunno. Davide Bellotti (Presidente di “Navi del Delta”) ha messo in luce che “da una parte si riscontrano i tagli alle risorse che arrivano dall’alto e dall’altra occorre dare continuità ad un percorso di promozione del territorio. Occorre dare un senso compiuto a questo progetto pubblico/privato che sta già riverberando risultati significativi – ha aggiunto Bellotti – e di conseguenza la tassa di soggiorno deve diventare un volano per far cogliere tutto il processo che sta dietro.” Sono infine intervenuti Giorgio Zavatti (FederAlberghi) e Roberto Mazzoli (Ascom), riservandosi di valutare nel dettaglio le proposte emerse sulla base delle nuove proiezioni che l’Amministrazione Comunale elaborerà nei prossimi giorni, dopo aver colto gli spunti odierni, tra i quali la necessità di prevedere una stagionalità nell’applicazione della tassa di soggiorno. L’incontro è poi stato aggiornato a martedì 20 ottobre, alle ore 14.30.

tag:

COMUNE DI COMACCHIO


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it