16 Gennaio 2017

Carife, l’altare e la polvere: anatomia di un crac

Redazione

Tempo di lettura: 5 minuti

banca-carife

di Alice Ferraresi

Cassa di Risparmio di Ferrara è viva e lotta insieme a noi, proprio mentre va ad estinguersi e si trasforma in un’altra cosa, che non sarà più la Cassa di Risparmio di Ferrara.
Vive a dispetto di tutto, come un’anguilla che ha ricevuto colpi alla testa, alla coda ma che continua a dibattersi in un impeto di vitalità quasi automatica. E’ curioso e teatralmente drammatico il meccanismo che la farà vivere il tempo necessario per diventare un’altra cosa (Bper, si dice). Più di un terzo dei dipendenti accetta di licenziarsi (con un incentivo) per consentire agli altri di tenere in piedi il proprio lavoro e la banca, tuttora in pesante squilibrio costi-ricavi.
Non sono bastati 350 uscite in tre anni e venti giorni di solidarietà non pagata a testa per riportare la banca in equilibrio. Non sono bastati perché in questi tre anni la banca ha perso volumi e clienti in misura più che proporzionale, vittima di una impressionante serie di mazzate che fanno pensare ad una nemesi: i privilegiati capetti di centocinquantanni di sistema autoreferenziale e, da un certo punto in poi, smodatamente ambizioso travolti da una specie di cataclisma biblico.

I germi della caduta sono, come spesso accade, annidati dentro l’acme dell’ascesa, situato tra il 2006 ed il 2008. E’ questo il momento in cui l’espansionismo estense non più prudente né temperante, incentrato sull’attivismo del direttore padrone Gennaro Murolo, lasciato libero di fare dal suo presidente Santini e dall’allora direttore di Bankitalia Fazio, raggiunge il suo massimo livello. Dopo aver acquistato una società di leasing napoletana, una banca locale romana, una veronese, una romagnola ed una modenese, Murolo decide di impiegare una parte consistente della nuova raccolta per alcune spregiudicate operazioni, delle quali la più nota è quella degli investimenti immobiliari milanesi Miluce e Santamonica; operazione attuata sia attraverso l’acquisto a prezzi supervalutati di terreni dai fratelli Siano, sia attraverso il finanziamento bancario ai fondi immobiliari veicolo delle iniziative. Totale circa 140 milioni che non rientrano. Altri 80 milioni non rientrano da Acqua Marcia Immobiliare del dominus Francesco Bellavista Caltagirone, ora in concordato. Due operazioni due, che per importo potevano essere sostenute da Unicredit, Intesa, Banco Popolare. Non è una consolazione avere prestato male i soldi in pool con banche più grandi: quelle sopravviveranno al rovescio, Carife entra in sofferenza profonda.

Sono Murolo e i suoi sodali i primi responsabili delle disgrazie della banca: dei dipendenti e dei risparmiatori, in primis. Del territorio, in secundis – anche se oggi pare scongiurato, per un soffio, il rischio di chiusura, che si sarebbe portato dentro il fosso una parte consistente dell’economia locale, già ferita dal terremoto, dalla crisi e dalla fine delle erogazioni della Fondazione; economia che vive ancora in buona parte a debito della Cassa.
La Banca viene obbligata da Bankitalia a fare un aumento di capitale di 150 milioni, che si concretizza miracolosamente nel 2012. Migliaia di ferraresi ci credono ancora e comprano le azioni – la Fondazione, senza un euro, non ci mette niente ma non molla la presa; rimane padrona della maggioranza relativa, e nessun direttore generale ha il mandato libero di vendere la banca o di fare entrare partner industriali per rafforzarne il patrimonio. E’ qui che inizia la nemesi.

Qualcuno decide di vendicarsi. Di cosa? Probabilmente di prebende non più percepite, di privilegi perduti. Questo, almeno, sembra da fuori, vedendo cosa succede alla Cassa dopo l’aumento di capitale. Senza che sia successo nulla di ulteriore, la banca con 150 milioni di più in forziere viene commissariata da Bankitalia. Una decisione che si poteva comprendere prima dell’aumento di capitale, incomprensibile e sospetta dopo, visto che una delle causali è “gravi perdite patrimoniali”; una beffa per i cittadini che vedono il valore dell’investimento azzerato.

La gestione commissariale fa cadere la sua mannaia sui crediti inesigibili, svalutandoli al 65%; e sui costi fissi, in particolare del personale, che in sostanza paga con le sue tasche l’esodo anticipato dei colleghi più vicini alla pensione. Ma non basta, non basta mai. L’emorragia dei depositi ed il conseguente taglio dei crediti asciugano i volumi della Cassa sino ad essiccarla; nessuna riduzione di costi, per quanto ingente, riesce a correre dietro a questa emorragia, dovuta alla caduta di fiducia ed alla paura della clientela.
L’altro dramma decisivo si dipana tra luglio e novembre 2015. In luglio, dopo l’ennesimo sofferto accordo coi sindacati, Bankitalia si presenta in assemblea degli azionisti proponendo: aumento di capitale finanziato dal Fondo Interbancario, un riconoscimento di valore minimo agli azionisti, una prospettiva, per quanto lunga e faticosa, di ripartenza della banca. Da lì a novembre un rincorrersi di voci su divieti, veri o presunti, all’operazione da parte dell’Unione Europea; fatto sta che i soldi del Fondo non arrivano, la clientela ricomincia ad insospettirsi, e riparte l’emorragia di depositi.
Il capolavoro arriva il 22 novembre 2015. Durante una furtiva riunione ministeriale di domenica pomeriggio, il Governo, imboccato dalla Vigilanza, decide di sottoporre a risoluzione (in sostanza, di fare fallire “dolcemente”), Carife ed altre tre banche locali (Etruria, Marche e Chieti) per problemi di liquidità che ne compromettono il regolare funzionamento nelle condizioni normali (grazie al piffero, verrebbe da dire…). Governo e Bankit ci dormono sopra per mesi, lasciano uscire i depositi e poi prendono atto che “c’è un problema di liquidità”. E quindi operano, tagliano come chirurghi: innesto di capitale di funzionamento ma vincolato ad una svalutazione draconiana dei crediti inesigibili (per Carife all’86%, una svalutazione che applicata al sistema farebbe entrare in crisi immediata di capitale la metà delle banche), che obbliga ad un taglio parziale dei debiti verso i clienti: le obbligazioni subordinate, acquistate dagli stessi tra il 2007 e il 2009 ma, soprattutto, mai potute riacquistare dalla Cassa, perché Bankit non risponde mai alla richiesta di Carife – in sostanza, non autorizza il riacquisto.
La battuta viene facile: l’operazione è perfettamente riuscita, il paziente è morto. A questo punto viene creato un piccolo “mostro” che nasce in pubblicità con le ali di una cicogna, ma che viene percepito dai risparmiatori espropriati con le grinfie della gazza (ladra). E deve essere venduto entro qualche mese: qualunque persona dotata di elementare buon senso capisce subito che la “trattativa” è completamente nelle mani di chi sarà chiamato, per amore o per forza, a comprare e quindi potrà dettare tutte le condizioni, e quando vorrà, a costo di giocarsi dipendenti e clienti in cambio di un’acquisizione gratuita di rete commerciale e territorio di riferimento.

Questa triste storia sta per avere il suo epilogo, drammatico ma non tragico – c’è comunque una bella differenza – grazie a sindacati fin troppo responsabili (ma comunque senza alternative) ed al senso civico di una parte dei dipendenti; l’uscita dalla banca la pagheranno (pur incassando una cifra apprezzabile) soprattutto le donne con figli. C’è da sperare che non sia l’atto di chiusura tombale, almeno per un paio di lustri, della prospettiva di una rinascita economica per la provincia più povera della Regione.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013