19 Dicembre 2021

G.B. CREMA … poesia e drammi della vita in punta di pennello
Mostra al Castello Estense fino al 26 dicembre

Giorgia Mazzotti

Tempo di lettura: 6 minuti

È impressionante vedere luoghi conosciuti del nostro territorio dipinti un secolo fa, ma con dentro la stessa emozione che li ha avvolti in certi minuti magici di questi giorni. La restituzione di visioni che abbiamo condiviso anche di recente, dove l’incanto è unito a una forza visiva di estrema attualità, è una delle cose che colpiscono visitando la mostra “Giovanni Battista Crema – Oltre il divisionismo”, curata da Lucio Scardino insieme a Manuel Carrera e allestita fino a domenica 26 dicembre 2021 all’interno del Castello Estense.

L’allestimento in Castello Estense della mostra dedicata a Giovanni Battista Crema con opera sui ciechi

Poco prima della pandemia il giornalista e critico della fotografia Michele Smargiassi venne a Ferrara e disse: “Ogni volta che facciamo una foto è come se volessimo dire a qualcuno: guarda questo con me”.

Da allora ho pensato spesso alla lettura che il giornalista di ‘Repubblica’ ha dato a quella tendenza a scattare foto che ormai pervade tante persone. È forte l’impulso che si ha di condividere un’emozione suscitata dalla vista, il desiderio di mostrare e di poter trasmettere ciò che le parole non bastano a dire.

Capita spesso, però, che vediamo un cielo folgorante, un’atmosfera magica o – in questi giorni di gelo dicembrino – una distesa verde di piante velate dalla brina e la foto, scattata per fermare quella visione, non rende giustizia al nostro sguardo. Il cielo magari c’è, bene o male è quello, così come si può riconoscere il piccolo pezzo di giardino d’inverno o lo scorcio di città. Ma sono scomparsi il sentimento e il calore che ci avevano colpito. Ci sono elementi, oggetti ed edifici corrispondenti, ma manca la magia che pervadeva l’aria, manca la sensazione. La vaga nuvoletta rosata o la velatura della brina sulle foglie vengono appiattite, la suggestione svaporata.

In fotografia, il professionista o l’appassionato più abili possono enfatizzare il soggetto utilizzando un obiettivo macro, tenendo il diaframma più chiuso o anche solo ricorrendo all’uso di filtri successivi. Eppure il risultato resta spesso un artificio, che infrange la poesia che era presente nello sguardo dal vivo.

Già vedendo i quadri di Giovanni Battista Crema postati sui canali social di Palazzo dei Diamanti ho pensato che, invece, lui sì, che ce l’aveva fatta.

E la mostra lo conferma: quella facciata del Duomo ferrarese ammantata da un velo di nebbia è quella che ricordiamo di aver visto in una notte d’inverno.

Veduta di “Piazza Duomo di Ferrara” realizzata da Crema nel 1930 (tecnica mista su carta)

Il cielo rosato del crepuscolo è lo stesso che è apparso nell’aria l’altra sera come una folgorazione improvvisa e fugace.

“Fine di un giorno (Il disco del sole)” di Crema, olio su tavola , 1954

L’erba e i fiori ghiacciati sono quelli accanto ai quali ho passeggiato di recente sull’argine, che parevano glassati dall’aria di gocce cristalline.

“Lirica dicembrina” di Crema, olio su tela, 1904

La tecnica che Crema scopre come particolarmente affine, al punto da declinarla in una sua interpretazione personale rintracciabile in tutta la lunga e produttiva esistenza, è quella del Divisionismo. Il movimento pittorico, che si sviluppa in Italia a partire dall’ultimo decennio dell’800, prende parzialmente lo spunto dal Pointillisme (il Puntinismo), la corrente che si stava affermando in Francia in seguito all’Impressionismo. Questo stile si inserisce in continuità con lo studio della luce, proprio degli Impressionisti, integrandolo con le nuove scoperte scientifiche relative alla percezione del colore e alla consapevolezza che la luce è composta da radiazioni che vengono percepite con tonalità diverse, legate alle differenti frequenze di oscillazione.
L’artista si prefigge di applicare la scomposizione dei colori sulla tela, lasciando che sia la retina nell’occhio dell’osservatore a ricomporre tonalità e sfumature. E questo in effetti è ciò che avviene quando si guarda, ad esempio, un bosco. Diverse sfumature di colori delle foglie e delle piante ci appaiono ben distinte da vicino, mentre allontanandosi la tinta si fa sempre più omogenea, producendo la visione d’insieme di un unico tono verde-bosco.

Crema fa suoi il tratteggio e la pennellata divisi, attraverso colpi di pennello direzionali o concentrici, che possono cospargere lo sfondo, avvolgersi su se stessi, assecondare le forme o creare punti di attrazione. L’effetto finale, reso con l’accostamento dei colori complementari, gli consente di restituire una sensazione di intensa luminosità, ma anche di buio suggestivo.

[Cliccare sulle immagini per ingrandirle]

“La partenza per il fronte”, olio su tela, 1918
“Lavoro notturno alla stazione di Termini”, olio su tela, 1905

Questa voglia di esserci e di farsi testimone del suo tempo, emerge da tutto l’insieme di opere che, nella mostra ferrarese, attraversano la lunga carriera di Giovanni Battista Crema. Una spinta quasi documentarista, che interrompe la sequenza di emotività suscitata dallo stile più caratteristico e divisionista dell’artista, sembra motivare le tele dedicate ad alcune scene della Seconda Guerra mondiale, al reportage pittorico sulla vita dei soldati sulle navi militari, ma anche all’illustrazione delle attività mediche e scientifiche.

La tavola del polittico di Crema dedicato a “Itala gens: la scienza”, 1938

Forza poetica e pennellata divisionista tornano per narrare la storia della città natale di Ferrara, riletta in chiave personale e simbolica. C’è il trittico evocativo della tragedia di Ugo e Parisina e c’è la reminiscenza della figura di Marfisa d’Este, basata sulla leggende che la vuole aleggiare ancora nei pressi della palazzina che porta il suo nome in corso Giovecca, come il fantasma di una sanguinosa amante in sella al cavallo.

Il curatore Lucio Scardino illustra l’opera del 1921 dedicata a Parisina Malatesta

La mostra è un intenso viaggio lungo sessant’anni, da ripercorrere attraverso le opere appese alle pareti del Castello Estense. E magari da proseguire fuori, sulle tracce della città che tanto ha ispirato questo autore, nato a Ferrara nel 1883, vissuto nel palazzo che porta il nome della sua famiglia in via Cairoli e che i luoghi estensi se li è portati negli occhi e nel cuore anche per tutto il resto della sua esistenza, a Roma, dove morirà nel 1964

“Giovanni Battista Crema. Oltre il divisionismo”, Castello Estense,  largo Castello 1, Ferrara, fino a domenica 26 dicembre 2021, orario 10 -18 con chiusura della biglietteria 45 minuti prima, tutti i giorni con  chiusura il martedì.
Info, prenotazioni e tariffe dei biglietti sul sito web https://www.castelloestense.it/it/il-castello/giovan-battista-crema.-oltre-il-divisionisimo/giovan-battista-crema.-oltre-il-divisionisimo



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Giorgia Mazzotti

Da sempre attenta al rapporto tra parola e immagine è giornalista professionista. Laurea in Lettere e filosofia e diploma dell’Accademia di belle arti, collabora con la rivista del “Gambero Rosso”, il periodico “Econerre” sull’economia dell’Emilia-Romagna e “CasAntica”. Per la Provincia di Bologna ha curato il sito “Turismo in pianura” e le segnalazioni su “Emiliaromagnaturismo” dedicate ad arte e cultura, gastronomia ed eventi del territorio.
Giorgia Mazzotti

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Le vie dell’avvento

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013