Skip to main content

(pubblicato il 26 maggio 2016)

La Carmen diretta da Mario Martone ha chiuso la stagione di prosa del Teatro Comune Claudio Abbado ma è già possibile sbirciare cosa ci offrirà la stagione di prosa dell’anno 2016/2017. È stato un anno particolarmente positivo per il Teatro Comunale di Ferrara, che ha visto crescere il numero degli abbonamenti e ha richiamato un vasto pubblico di affezionati e nuovi appassionati. Con la prossima stagione di prosa si vuole continuare questo processo di riavvicinamento ai teatri e per questo sono stati scelti spettacoli che spaziano dal classico ai nuovi generi di rappresentazioni.
A inaugurare la prossima stagione sarà proprio uno spettacolo che non rientra nel teatro all’italiana, il musical “Cabaret” di Joe Masteroff con l’adattamento di Saverio Marconi, in scena dal 20 al 23 ottobre. Il celebre musical che vedeva protagonista una giovane Liza Minelli viene portato in scena dalla Comapagnia della Rancia, che porterà a Ferrara l’atmosfera di una Berlino anni Trenta. Dalla malizia e dalla licenziosità del cabaret si passerà a una più classica messa in scena: “Il berretto a Sonagli” di Luigi Pirandello (24-26 novembre), con la regia di Valter Malostri, giovane talento poliedrico, che dirige e recita portando in scena una versione in dialetto dell’opera, a lungo dimenticata e recuperata negli anni Sessanta, per essere pubblicata solo nel 1988. La lingua dialettale mostra nuovi aspetti dei personaggi, a cui si restituisce l’originaria natura priva di censure.

Teatro e cinema si contaminano, si intrecciano e riadattano le storie che ne fanno parte, per mostrarle da una differente prospettiva. Così avremo la possibilità di vedere l’opera del regista Ettore Scola, “Una giornata particolare”, dal 15 al 18 dicembre. Questo testo non nasce esclusivamente per il cinema, ma aveva anche una partitura teatrale, curata dalla moglie, la regista e sceneggiatrice Gigliola Scola. La compagnia gli Ipocriti allontana la rappresentazione da quella cinematografica, mostrando la relazione opposta tra due solitudini, e affida i ruoli principali a due interpreti noti sia per i loro ruoli teatrali sia per quelli televisivi, Giulio Scarpati e Valeria Solarino.
Il quarto appuntamento inaugura l’anno nuovo, l’11 e il 12 gennaio andrà in scena un’altro classico: “Casa di Bambole” di Henrik Ibsen, che il regista Roberto Valerio ripulisce dalle aggiunte del ‘900, in cui la coscienza femminile e la cultura femminista prende posizione. Eliminata la patina lasciata delle varie trasposizioni, la libertà individuale e la difficoltà che costa raggiungerla torna a essere il tema entro cui si muove la rappresentazione.
Non solo nuove voci e talenti emergenti, sul palco del Teatro Comunale torna anche un volto noto e amato dal pubblico ferrarese, Luca Zingaretti, che porterà in scena “The Pride” (26-29 gennaio), del drammaturgo Alexi Kaye Campbell, in cui l’attore è interprete e regista. Dopo il debutto dello scorso anno, la rappresentazione arriva a Ferrara, raccontando le storie di due amori omosessuali, uno vissuto nell’Inghilterra degli anni Cinquanta, l’altro ai tempi d’oggi. Ma l’opera va oltre questo tema, soffermandosi su tutti i rapporti interpersonali che vedranno coinvolte queste coppie.

Chi dice che il teatro non è anche divertente? A febbraio, dal 3 al 5, arriva una commedia di Alan Bennet, “Nudi e crudi”, tradotta da Edoardo Erba, che racconta con ironia e leggerezza la vita di una coppia di mezza età.
Torna anche la compagnia di Luca De Filippo, dal 16 al 18 febbraio, che porta in scena l’ultima opera riadattata dell’attore prima della sua morte. Un testo del padre Edoardo, “Non ti Pago”, commedia brillante che racconta gli screzi tra il gestore di un botteghino di banco del lotto e un suo dipendente. Testo del 1940, ancora oggi fedele all’originale, racconta con la pungente ironia dei De Filippo una realtà tragica e comica al contempo. La parte che fu di Luca è messa in scena da Gianfelice Imparato, accompagnato da Carolina Rosi.
Un altro omaggio al cinema e alla letteratura è quello di Alessio Boni e Roberto Aldorasi, che portano in scena i “Duellanti” (23-25 febbraio), adattamento del romanzo di Joseph Conrad, di cui è celebre la trasposizione cinematografica di Ridley Scott. I protagonisti dell’insanabile conflitto nato dal niente sono lo stesso Boni e Marcello Prayer, che mostrano come la vita sfugga dal controllo che gli esseri umani tentano d’imporle.
Dal 10 al 12 marzo sarà il tempo del furor di “Fedra”, adattato e diretto da Andrea De Rosa. Laura Marinoni interpreterà questo archetipo femminile: una donna che prova una passione tanto intensa che la rende folle.
La stagione di prosa chiude così come è iniziata, con la musica. Neri Marcorè porta in scena “Quello che non ho”, in cui i testi di De Andrè dialogano con quelli di Pier Paolo Pasolini, reinventando il teatro-canzone.

Non poteva mancare un omaggio a Ludovico Ariosto e al suo Orlando Furioso che compie 500 anni. Il 6 dicembre sarà possibile assistere ad una doppia rappresentazione de “La pazzia di Orlando”, la prima riservata alle scuole, la seconda, fuori abbonamento, durante uno spettacolo serale. Mimmo Cuticchio, con la compagnia Figli d’arte Cuticchio/ Opera dei Pupi, metterà in scena uno dei capitoli più belli dell’opera di Ariosto attraverso i suoi pupi.

Gli spettacoli, come ogni anno, saranno accompagnati da incontri, laboratori e momenti di approfondimento, ma quest’anno ci sarà una novità: il Teatro Comunale si apre a internet. Un gruppo di giovani, già collaboratori di realtà del territorio, come la rivista Occhiaperti.net, con l’associazione Netcity si occuperà di avvicinare il Teatro al mondo del web e dei social network, per ampliare le possibilità di comunicazione, di informazione e di diffusione culturale. Il primo passo? Da oggi è già possibile acquistare l’abbonamento alla stagione di prosa online.

Per ulteriori informazioni su abbonamenti e orari consultare il sito della Fondazione Teatro Comunale Claudio Abbado di Ferrara 

tag:

Chiara Ricchiuti


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it