24 Gennaio 2014

Fortini: sulle ali delle idee Ferrara può tornare a volare

Sergio Gessi

Tempo di lettura: 5 minuti

teatro-verdi

2. CONTINUA – “Il Verdi ha avuto una storia vissuta e tormentata. E’ stato il vero teatro popolare. Là si è ‘consumato’ ogni genere di spettacolo: la lirica, il cabaret, lo spogliarello, gli orchestrali, il cinema per famiglie e il porno, nell’Ottocento addirittura mangiatori di spade o di fuoco, alternati alle opere liriche… Il teatro popolare, appunto. E curiosamente uno dei pochi in Italia con la particolarità di avere l’ultimo ordine dei palchi affacciato direttamente sul palcoscenico”. A dirlo è l’architetto Sergio Fortini, fautore (con Centro studi ‘Dante Bighi’, Gianfranco Franz e Luca Lanzoni) della sua riapertura autunnale.
Nei pochi giorni in cui le porte si sono spalancate alla città, all’inizio dello scorso ottobre, c’è stata una continua processione di pubblico, per annusare sentori di storia e vedere cosa fosse rimasto di quello spazio: solo volumi e scheletri di memoria. “La temporanea riapertura del teatro Verdi – spiega – ci porta a parlare del capitale narrativo custodito in molti luoghi ferraresi. E’ stato un segnale culturale d’eccezione, nonostante la sua episodicità. L’evento ha mostrato capacità suggestiva, tale da lasciare sospesa la sua dimensione temporale. Ha catturato interesse in maniera trasversale. E in me ha generato una crasi fra Austin e Piranesi, facendomi sentire in uno stato di ‘orgoglio e precipizio’”.

Già, perché ora la scommessa è dare continuità alla suggestione e rendere l’ipotesi una realtà. “Faremo di tutto perché questo accada. Con l’Associazione ‘Città della cultura / Cultura della città’ abbiamo superato la prima selezione del concorso ‘Che fare 2’, bandito dal Sole24ore: di 600 progetti presentati solo 40 sono stati ammessi e noi ci siamo. Questo contribuisce, parallelamente, alla visibilità del progetto e all’avvio del processo di raccolta fondi”. E la Regione che ha finanziato la prima parte degli interventi è disposta a intervenire ancora? “Il cancello non è chiuso e si sta valutando se quello possa essere il canale per ottenere finanziamenti europei. Ciò a cui puntiamo non è la semplice riqualificazione di un luogo, ma la rivitalizzazione di un comparto urbano affinché possa attrarre nuove economie e generare socialità”. Ma concretamente quanti soldi servono? “Sono convinto che si possa realizzare un progetto a bassa risoluzione per il layout degli spazi, ispirato a logiche da loft quindi secondo la tipologia di recupero industriale, con accorgimenti minimali e senza l’impiego di materiali e dettagli costosi si possa realizzare un netto risparmio rispetto ai 10 milioni a suo tempo ipotizzati”. Tradotto significa “meno della metà della cifra prefigurata”.

Dal contesto del teatro Verdi, la riflessione sul capitale narrativo di Ferrara si amplia. E, quasi per prossimità fisica, il ragionamento sulla riqualificazione di ambiti urbani di particolare rilievo si indirizza verso la vicina via delle Volte. “C’è un recupero di immagine e di sostanza che si potrà realizzare nel momento in cui si dispiegherà il progetto del Meis, perché il Museo ebraico rappresenterà l’approdo turistico e la nuova testata di penetrazione della città – osserva Fortini – E via delle Volte è l’asse di attraversamento del nucleo medievale. Ma non c’è ancora una riflessione in atto. Eppure lo stimolo è potente. Una città è fatta da linee e percorsi, si gioca suoi vuoti, non sui pieni. La nostra ha una natura conformista, in ossequio alla quale ha abdicato alla cultura architettonica della contemporaneità, al punto che negli ultimi tre decenni non sono stati realizzati edifici degni di menzione, se non qualche abitazione privata frutto di brillanti ma estemporanee intese fra committente e progettista”.

“Però si è completamente rinunciato a ricercare equilibri e armonie fra antico e contemporaneo come se, da un certo momento in poi, qui come in tante altre parti d’Italia si fosse avvertito il bisogno di rifugiarsi nel classico stilema architettonico della casetta o della villetta a schiera, rassicurante perché banale. E’ una deriva determinata anche dall’incompetenza di chi gestisce il mercato, che ha imposto il modello dell’uni o bifamilare di cui si è riempita la fascia periurbana, impoverendo il paesaggio”.

Il salto dalla presente ‘villettopoli’ alla ‘smart city’ indicata da ‘Cultura della città’  come desiderabile approdo per il futuro di Ferrara ed evocata dall’ex sindaco Sateriale – nell’intervista a ferraraitalia – come potente opportunità di sviluppo e benessere per la comunità, appare dunque un vorticoso viaggio nel tempo, un vertiginoso affacciarsi oltre gli steccati della pigrizia.

“Su questi temi, già da un anno, abbiamo avviato incontri definiti ‘tavole quadrate’, a significare la volontà di smussare gli spigoli esistenti, metafora delle scarse capacità relazionali di attori pubblici e privati chiamati a rendersi protagonisti della trasformazione”. L’indifferibile necessità di un confronto, dunque. “Noi riteniamo che la condizione base da cui partire per impostare una programmazione strategica orientata alla realizzazione di una città ‘smart’ stia nella simultanea e simmetrica condivisione delle informazioni fra tutti gli attori sociali. Se due istituzioni per prime non si parlano e non sono in grado di socializzare conoscenze, competenze, dati, risorse non possono pensare di costruire un ambiente ‘smart’ il cui presupposto è la messa in comune”.

Chi non mastica questi temi come deve figurarsi questo modello di vita comunitaria? “Come un ambiente con un’alta qualità della vita, intriso di una socialità capace di generare opportunità economiche e condizioni di diffuso benessere perché le risorse vengono condivise e dunque ottimizzate a vantaggio di tutti”.
In questo senso il ritardo di sviluppo, oggi, può rivelarsi una risorsa. “Ferrara ha qualità intrinseche che discendono dalla sua storia e che ha saputo mantenere. La sua resistenza al cambiamento ha determinato una sospensione lirica e quasi metafisica. C’è in noi connaturata una lentezza nel vivere che non è quieto vivere, ma vivere quieto”. E tutto questo come si traduce in un progetto di nuova urbanità? “Abbiamo un quadrante intero di campagna dentro la città, regalato al verde dal Rinascimento e conservato sino ai giorni nostri, quello attorno alla Certosa. Siamo una città patrimonio Unesco inserita in un territorio Unesco che si estende sino a Comacchio e al mare. Sono valori aggiunti che pochi posso vantare. In questo senso l’essere rimasta avulsa dalla contemporaneità ha certo significato non avere lanciato al mondo alcun significativo segnale, ad eccezione del Nobel a Giulio Natta per l’invenzione del moplen o delle lungimirante intuizione della videoarte di Franco Farina e Lola Bonora. Ma questo oggi conferisce appunto ‘il valore aggiunto’: la città avulsa dal fluire del tempo, si è sostanzialmente sottratta ai conflitti, ai contrasti, agli attriti, alle contraddizioni della modernità. E si presenta vergine all’alba del 2014. L’isolamento di Ferrara, il freno al suo sviluppo, oggi si traduce in un vantaggio”. In opportunità… “Sì, in opportunità. Per tradurre questa carta in in un asso dovremo avere la capacità di mettere a valore il paesaggio artificiale di città nobilitato dalla storia e il paesaggio naturale incontaminato del forese. Questa è la sfida, questo è il terreno su cui lavorare”.

2. FINE
Leggi la prima parte della conversazione con Sergio Fortini


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Sergio Gessi

Sergio Gessi (direttore responsabile), tentato dalla carriera in magistratura, ha optato per giornalismo e insegnamento (ora Etica della comunicazione a Unife): spara comunque giudizi, ma non sentenzia… A 7 anni già si industriava con la sua Olivetti, da allora non ha più smesso. Professionista dal ’93, ha scritto e diretto troppo: forse ha stancato, ma non è stanco! Ha fondato Ferraraitalia e Siti, quotidiano online dell’Associazione beni italiani patrimonio mondiale Unesco. Con incipiente senile nostalgia ricorda, fra gli altri, Ferrara & Ferrara, lo Spallino, Cambiare, l’Unità, il manifesto, Avvenimenti, la Nuova Venezia, la Cronaca di Verona, Portici, Econerre, Italia 7, Gambero Rosso, Luci della città e tutti i compagni di strada
Sergio Gessi

Ti potrebbe interessare:

  • Livio Pepino: Se cento giorni vi sembran pochi…

  • Mussolini e il “Nero di Londra”: dalle ricerche d’archivio una storia che non conosciamo

  • Consiglio esecutivo del KNK:
    appello urgente di aiuto per le vittime del terremoto nel Kurdistan settentrionale e occidentale, in Turchia e in Siria

  • Parole e figure /
    I magnifici Kappa

  • L’Amministrazione di Ferrara ha scelto la politica dell’evento mordi e fuggi. Invece occorre ascoltare i cittadini e un progetto per la città. Partendo dalla normalità.

  • salvataggio in mare,

    La storia di Carlo Urbani e di 50 anni di Medici Senza Frontiere: soccorrere, salvare, denunciare le responsabilità

  • Una botta di vita /
    Impegno umanitario

  • La politica brutta

  • Superbonus o supercazzola?

  • 11 FEBBRAIO: CARNEVALE GLOBALE PER ASSANGE
    Aggiornamento al 5 febbraio 2023

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013