1 Giugno 2014

Soulafa Lababidi agli studenti ferraresi: “Grazie per la vostra curiosità”

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

da: Responsabile alla Comunicazione Maison des journalistes

Due classi dell’ITI Copernico-Carpeggiani hanno incontrato in diretta Skype due giornalisti siriani rifugiati alla Maison des journalistes di Parigi

PARIGI-FERRARA. Perché avete aspettato così tanto per parlare? Cosa vi ha spinti ad agire nonostante i rischi? Qual è il ruolo delle donne siriane nella rivoluzione? Queste sono solo alcune delle domande che gli studenti dell’ITI Copernico-Carpeggiani di Ferrara hanno rivolto a Soulafa Lababidi e a Iyad Abdallah, giornalisti siriani oggi in esilio in Francia, nel corso della video conferenza avvenuta via Skype sabato 31 maggio, alla presenza degli insegnanti, Annalisa Casalati e Sergio Golinelli, nonché del dirigente scolastico Roberto Giovannetti, con il sostegno di un équipe di interpreti, giovani studenti bilingui, Amin, Idriss e Rania, coordinati da un giovane traduttore siriano, Muauia Alabdulmagid. Dall’altra parte dello schermo, Labibidi e Abdallah, giovani reporter costretti alla fuga dal loro Paese per aver difeso la libertà di espressione, ora accolti alla Maison des journalistes di Parigi (www.maisondesjournalistes.org), struttura unica al mondo che dal 2002 ha accolto oltre 270 giornalisti richiedenti asilo politico.

Un progetto che per la prima volta varca le Alpi, giungendo a Ferrara. L’incontro di sabato rientra nell’ambito del progetto “Renvoyé spécial”, promosso dal 2006 dalla Maison des journalistes in collaborazione col Ministero dell’istruzione francese e Presstalis, società francese che si occupa della distribuzione di quotidiani e periodici, che consente agli studenti d’oltralpe di incontrare i giornalisti della MDJ, professionisti che hanno rischiato la propria vita per raccontare la verità, per denunciare abusi e ingiustizie perpetrate da regimi totalitari o gruppi terroristici.
Ieri, per la prima volta dal lancio del progetto, “Renvoyé spécial” ha varcato i confini della Francia, giungendo a Ferrara, per incontrare due classi dell’Iti Copernico-Carpeggiani.
“Sono molto contenta di questo incontro – ha confidato agli studenti Soulafa Lababidi, al termine della video conferenza –. Solo ieri sera in Siria c’è stata un’altra strage: sono state uccise più di 50 persone, di cui almeno 40 erano giovani, ragazzi come voi. Grazie – ha accennato un sincero e provato sorriso – perché desiderate sapere cosa sta accadendo nel mio Paese”.
CHIEDERE ASILO, UN PASSO DIFFICILE. Lababidi, sollecitata dalle domande degli studenti, ha raccontato di come sia stata costretta a lasciare il suo Paese l’anno scorso, dopo l’arresto di tre dei suoi colleghi e la scomparsa di un quarto: “Ancora oggi – ricorda la reporter – non si sa che cosa gli sia successo”. Giornalista e presentatrice radio, volontaria in aiuto dei profughi siriani in Libano, Lababidi ha ricordato come spinta dal suo dovere professionale abbia denunciato le violazioni perpetrate sui suoi connazionali. “Quando sono arrivata in Francia – ha detto agli studenti – non avevo intenzione di inoltrare richiesta di asilo, perché contavo di rientrare in Siria appena la situazione si fosse calmata. Ma visto come stanno andando le cose, ho preso la decisione di chiedere il riconoscimento dello mio status di rifugiata”. Ora, da qualche mese, Lababidi lavora in Francia, come collaboratrice di radio Rozana di Parigi, che si occupa di politica siriana.
IL RUOLO DELLA DONNA SIRIANA. Giornalista e attivista, Lababidi ha parlato del “ruolo speciale” delle donne nella rivoluzione siriana. “Le donne, anche se non sono spesso colte abbastanza per conoscere le cause profonde della rivolta – ha spiegato la giovane siriana – sono scese in piazza per manifestare, pacificamente; addirittura alcune hanno, purtroppo, imbracciato le armi. Ma il loro ruolo principale è stato quello di prendersi cura dei feriti e svolgere attività umanitarie, denunciando ai media quanto stava accadendo. Ho visto donne, nei villaggi più remoti e conservatori della Siria, uscire in strada, e reclamare il diritto del popolo alla libertà contro il regime di Al Assad”.
Si stima che siano 300mila le persone che sono state arrestate dall’inizio della rivoluzione. Ma è impossibile avere delle cifre più precise, né è dato sapere quante donne siano state uccise dall’inizio della guerra civile: “Quando la polizia segreta arriva in una casa e non trova chi sta cercando, sarà sua madre o sua moglie ad essere arrestata, torturata, uccisa” ha dichiarato Lababidi.
LE RADICI POLITICHE DELLA RIVOLUZIONE. Iyad Abdallah è stato tra i fondatori della cosiddetta “Primavera di Damasco”, un movimento nato nel 2000, undici anni prima della “Primavera araba” e della rivoluzione siriana, grazie ad alcuni intellettuali siriani, decisi a cambiare le sorti di un Paese che dal 1970 è sotto il regime della famiglia Al Assad. Un movimento che dimostra le “radici politiche e democratiche” della rivoluzione siriana, come ha spiegato il giornalista, anche professore di filosofia a Raqqa: una rivolta che è partita da Damasco per diffondersi in tutto il Paese nonostante la repressione violenta e la manipolazione mediatica a livello internazionale attuata da parte del regime.
“Questa rivoluzione – evidenzia Abdallah – nasce da una profonda consapevolezza politica diffusasi nonostante il dispotismo degli Al Assad: la storia politica del nostro Paese e il ruolo dei suoi intellettuali sono stati cruciali nell’innescare questa reazione popolare; due elementi fondamentali e al tempo stesso sottovalutati dall’Occidente, che hanno consentito una reazione davvero sorprendente: il regime è stato sorpreso dal popolo siriano – ha ammesso il giornalista rispondendo alle domande dei ragazzi – : la rivoluzione del popolo, il suo scendere in piazza a manifestare, ha sorpreso tutti, anche gli stessi intellettuali, che in questi anni sono stati capaci di diffondere la consapevolezza nella possibilità di un cambiamento”.
Ora più che mai è dunque fondamentale il ruolo dei media occidentali, nel tenere i riflettori accesi su quanto sta accadendo in Siria: “Le armi chimiche sono tuttora nelle mani di Bachar Al Assad”, ha sottolineato Lababidi, ricordando la strage di agosto 2013.
Gli studenti sono stati infine invitati dalla responsabile del progetto presso la MDJ, Lisa Viola Rossi, a connettersi ai profili sui social network della Maison des journalistes, Facebook e Twitter, per continuare, per quanto possible a distanza, uno scambio proficuo con i reporter della associazione parigina.


I commenti sono chiusi.


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

  • Per certi versi /
    SENZA CIELO

  • Presto di mattina /
    L’attesa del vento

  • Federico Varese: Quattro storie criminali per capire la Russia matrigna di Vladimir Putin

  • Prima che sia violenza

  • Fotografare in teatro:
    un seminario al Ridotto del Teatro Abbado di Ferrara

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013