Skip to main content
18 Luglio 2019

Scomparse

Tempo di lettura: 4 minuti


Lasciano famiglie immerse nella totale disperazione, i bambini scomparsi, e se non hanno alle spalle una famiglia diventano comunque un numero in più di quell’esercito silenzioso inghiottito dal nulla. Fa impressione pensare a un bambino o un ragazzo ancora minorenne che perde i contatti con la vita quotidiana, le persone che lo accudivano o che in qualche modo provvedevano a lui. Fa ancora più impressione il caso dei minori stranieri, non accompagnati, senza documenti e protezione di sorta, perché più fragili ed esposti, vulnerabili, allo sbando, senza riferimento alcuno. Tutti, comunque, piccole vittime sottoposte a rischi, in balìa degli avvenimenti senza la preparazione e la possibilità di autotutelarsi.

Dal report del Commissario Straordinario del Governo per la gestione del fenomeno delle scomparse, emergono chiari i dati riguardanti la situazione attuale: dal 2014 al 2018 i minori scomparsi sono 62.105, di cui 31.097 i casi risolti con il ritrovamento. Da ricercare ancora rimangono 31.008, per la maggioranza stranieri. Solo nel 2018 in Italia sono scomparsi 3001 bambini e ragazzi connazionali e 7808 stranieri, questi ultimi in flessione nel 2017 e nel 2018, con una maggiore rintracciabilità rispetto la precedenza. La fascia di età prevalente è 15-17 anni e dai dati della Polizia di Stato, Direzione centrale Anticrimine, è emerso che sono occorsi in media dai 22 ai 28 giorni per ritrovare il minore e che, nel 77% dei casi risolti, la conclusione è avvenuta in meno di 30 giorni. In prevalenza si allontanano volontariamente da casa o da centri di accoglienza, vengono rapiti da uno dei genitori e talvolta fatti espatriare o sottratti da terzi con gli scopi più turpi, dall’adozione illegale alla pedofilia ad altre forme di sfruttamento.
Nel nostro Paese scompare un minore ogni sette giorni. Per le famiglie è un limbo senza uscita, paralizzate dall’impotenza perchè il non sapere impedisce l’elaborazione della perdita. Talvolta ci si ferma alla rabbia e la speranza diventa l’espediente per non pensare al futuro, a quello che potrebbe essere, investendo su qualcosa che non esiste, anche se è pur sempre vero che la speranza è l’ultima a morire.
In Europa sono in media 250.000 nell’arco dell’anno le segnalazioni di scomparsa che pervengono nei centri preposti; 8 milioni le segnalazioni nel mondo. Dati che danno l’idea della consistenza del fenomeno. I centralini europei del numero unico 116000 di Missing Children Europe Onlus (in Italia gestito da Telefono Azzurro) ricevono segnalazioni e richieste di aiuto a flusso continuo, di casi molto diversi tra loro, ma legati da una realtà finale unica: la scomparsa di un numero impressionante di minori.

Viene da pensare alla leggenda del ‘Pifferaio di Hamelin’ (in tedesco ‘Der Rattenfänger’ l’accalappiatore di ratti), conosciuta come ‘Il pifferaio magico’, tradotta abilmente in fiaba dai fratelli Grimm e messa in poesia da Goethe. Una storia di scomparsa che attinge a fatti presumibilmente accaduti, mai definitivamente appurati e suffragati con forza. Una vicenda fatta risalire al 1284 nel paese di Hamelin, in Bassa Sassonia, dove un suonatore viene assunto dal borgomastro per trascinare con la sua musica i topi del borgo nel fiume. Assolto il suo compito e vistosi togliere il compenso, decide di trascinare con sé i bambini del villaggio, strappandoli alle famiglie e scomparendo con loro. Una narrazione, forse, correlata alla peste che imperversava, il cui bacillo yersinia pestis trovava facile veicolo nei ratti. Altra versione potrebbe essere il repentino abbandono della cittadina di 130 ragazzi, probabilmente emigrati per andare a lavorare altrove. Meno probabile risulta la loro morte per inondazione o il rapimento da parte di qualche setta, piuttosto che l’annegamento in massa nel fiume Weser. Rimangono più credibili le ipotesi di scomparsa per essere stati travolti da una frana oppure, più verosimilmente, convince il loro spostamento volontario nella Germania orientale, allo scopo di fondare nuovi villaggi, come risulta ampiamente da documentazione storica. Un pifferaio reclutatore di nuova forza lavoro, quindi, che favorisce l’allontanamento dalle famiglie con la prospettiva di nuovi insediamenti. La fantasia ha aggiunto il resto: le varianti raccontano che si sia salvato uno soltanto dei bambini, uno zoppo che salva gli altri, oppure è il pifferaio stesso che decide di liberarli da ogni vincolo. La versione più creativa suggerisce che i malcapitati entrati in una caverna, siano usciti da un’altra cavità montuosa, la grotta di Almaş in Transilvania, avvalorando la giustificazione della presenza di Sassoni in quel territorio.

Scomparse reali, sparizioni romanzate e tradotte in leggenda, esiti felici e conclusioni tragiche. La scomparsa di qualcuno è sbigottimento, preoccupazione, attesa, sconcerto, disperazione per l’intera comunità, di chiunque si tratti, perché ogni essere merita attenzione e sostegno.
E’ scritto anche nel preambolo del rapporto di Governo sul fenomeno degli scomparsi:

Alcuni scompaiono perché vogliono scomparire
Altri si perdono
Altri vengono rapiti
Molti sono morti, qualcuno è ancora vivo
Ma tutti loro
Hanno bisogno di qualcuno che vada a cercarli.

tag:

Liliana Cerqueni

Autrice, giornalista pubblicista, laureata in Lingue e Letterature straniere presso l’Università di Lingue e Comunicazione IULM di Milano. E’ nata nel cuore delle Dolomiti, a Primiero San Martino di Castrozza (Trento), dove vive e dove ha insegnato tedesco e inglese. Ha una figlia, Daniela, il suo “tutto”. Ha pubblicato “Storie di vita e di carcere” (2014) e “Istantanee di fuga” (2015) con Sensibili alle Foglie e collabora con diverse testate. Appassionata di cinema, lettura, fotografia e … Coldplay, pratica nordic walking, una discreta arte culinaria e la scrittura a un nuovo romanzo che uscirà nel… (?).

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it