Skip to main content
16 Giugno 2018

Quale accoglienza

Tempo di lettura: 6 minuti


Sulla vicenda della nave Aquarius si sono sprecate le citazioni evangeliche. La più gettonata da cardinali (vada per loro, è il loro mestiere) fino agli amministratori locali è Matteo 25: “Ero straniero e mi avete accolto”. Nessuno però che dica come vengono accolte queste persone. Nessuno che si vergogni per come vengono ospitate. Gesù da straniero fu accolto ovunque come un ospite di riguardo da chi lo amava veramente e in questo sta il senso della massima evangelica. Noi, invece, il massimo che abbiamo fatto è come se avessimo accolto un ospite in casa nostra, ma lo avessimo messo a dormire in cantina o nel sottoscala e gli avessimo portato un piatto di pasta anziché invitarlo a sedersi alla nostra tavola.

E’ esattamente ciò che abbiamo fatto con la nostra presunta accoglienza. E questa ipocrisia, di cui ho già scritto su Ferraraitalia (leggi qui), non è più accettabile. Non si può più sentire. Perché nelle condizioni in cui si trova l’Italia c’è un evidente problema di sostenibilità sociale che non si è voluto vedere tra questi flussi migratori e le nostre tante sacche di marginalità, sofferenza, povertà vecchie e nuove. In un paese capace di creare da solo mostri abitativi (senza bisogno che vi siano emergenze), quartieri ghetto per i suoi stessi cittadini dove non arrivano servizi pubblici, non ci sono biblioteche, librerie, centri di ritrovo culturale, case popolari per chi non ha un tetto, presidi sanitari e scuole decenti. In un paese in cui il Sud arranca. È in questo contesto che ci è piovuta addosso l’ondata migratoria per la nostra collocazione geografica. Ne vogliamo tenere conto o no? L’Italia non è Ferrara (mi scusi il direttore che certamente comprenderà il senso). Fate un giro a Scampia, nella periferia romana, in alcuni quartieri di Torino e Milano, uscite dalle quattro mura cinquecentesche che rendono questa città quasi sospesa sulla realtà, dove pure ci sono grossi problemi di integrazione, a volerli vedere. Lo stesso discorso vale per la Grecia, che è messa peggio dell’Italia, su cui l’ondata migratoria è stata dirompente e devastante nell’indifferenza dell’Europa.

Sul come accogliamo è notizia di giovedì scorso l’arresto di due proprietari terrieri a Marsala che tenevano persone immigrate in condizioni di schiavitù in un capannone senza servizi igienici, con una paga di tre euro l’ora per 12 ore di lavoro nei campi e come vitto ‘compreso’ nella paga pane secco e acqua. Dai braccianti si facevano chiamare “padrone” e loro li chiamavano con il nome del giorno della settimana, la più becera negazione dell’identità personale. Questa è l’accoglienza dell’Italia nel 2018. E allora basta raccontarsela!
Salvini ha sbagliato a chiudere i porti? Forse. E volutamente non prendo posizione e rivendico il diritto a non schierarmi, a non essere intruppato nella logica “o con me o contro di me” tipica di certa sinistra di maniera con “scappellamento a sinistra” verso posizioni staliniste. Preferisco non schierarmi con la demagogia dell’“Ero straniero e mi avete accolto”. Sempre. E qui sì, mi schiero. Contro la demagogia. Di sicuro – e questa è la mia posizione netta – il salvataggio in mare è un obbligo morale, prima ancora che giuridico, al quale non ci si deve, e non ci si può sottrarre per nessuna ragione. Le persone vanno salvate, messe in sicurezza e poi le collocazioni andranno cercate con la collaborazione degli altri paesi europei. Punto. E allora in considerazione della sostenibilità sociale di cui parlavo più sopra varrebbe la pena che il dibattito sulle quote di immigrati da assegnare ai diversi paesi diventasse di dominio pubblico, che i cittadini comuni possano esprimere la loro opinione, fare proposte ed essere ascoltate da chi amministra la cosa pubblica.

Ma vediamo un po’ di dati. Le ultime linee guida dell’Ue sulla ricollocazione dei migranti presenti sul territorio dell’Unione o che sarebbero rientrati direttamente, risalgono al 2015. I parametri di riferimento per stabilire le quote sono il Pil, la popolazione, il livello di disoccupazione e i rifugiati già presenti sul territorio nazionale. Sulla base di questi parametri alla Germania sarebbero andati il 18,4% dei rifugiati, il 14,2 alla Francia e l’11,8 all’Italia. Seguono la Spagna con il 9,1, la Polonia col 5,6, ecc.
Secondo dati del ministero dell’interno aggiornati, invece, al 12 giugno scorso gli sbarchi dal primo gennaio di quest’anno sono stati in totale di 14.441 persone, in prevalenza tunisini (circa tremila). Di questi 12.742 dovrebbero essere (il condizionale è d’obbligo) ricollocati tra i vari paesi Ue in base agli accordi in vigore. La quota maggiore (5.435) dovrebbe andare alla Germania, alla Francia solo 640. Quindi la differenza tra gli sbarchi e le ricollocazioni assegna di fatto all’Italia una quota di 1.699 persone, quasi tre volte quelli della Francia. Non è chiaro dal sito del ministero se le ricollocazioni previste dagli accordi intra Ue siano già state effettuate o se devono ancora esserlo. Dalle parole di Salvini in aula, riferendo sulla vicenda Aquarius in risposta alla Francia, sembra di capire che le ricollocazioni sono già avvenute.
I dati Istat, invece, fotografano in dettaglio la presenza degli stranieri regolari residenti in Italia che al 1° gennaio 2017 erano 5.047.028. Restringendo il focus sulla nostra regione, l’Emilia Romagna, le presenze erano 529.337. Divise per provincia, nella nostra le presenze sono 29.931, il dato regionale più basso. Nella provincia di Bologna sono 117.861, Piacenza 40.113, in quella di Parma 61.286, Reggio Emilia 65.292, Modena 90.212, Ravenna 47.137, Forlì-Cesena 41.368, infine Rimini 36.137. Ovviamente dalle rilevazioni sfuggono tutti coloro che non sono registrati e non hanno permesso di soggiorno che si stimano essere circa 500mila a livello nazionale. La Lombardia è la regione col più alto numero di residenti stranieri: 1.139.463.
Secondo i dati pubblicati sul sito dell’amministrazione comunale di Ferrara, gli stranieri residenti nel solo comune, al 31 dicembre scorso, sono 13.616, al netto dei clandestini.
Stando ai numeri della nostra provincia e del comune l’emergenza non ci dovrebbe essere. Tanto più che gli stranieri da noi sono meno che nelle province di Piacenza e Rimini, come si può vedere dai dati sopra, nonostante abbiano una popolazione complessiva inferiore alla nostra: rispettivamente 286.758 e 336786, mentre la provincia di Ferrara ne ha 348.362. Eppure, gli episodi di cronaca che vedono coinvolte persone extracomunitarie sono quotidiani. L’insofferenza è a livelli allarmanti. Allora delle due l’una: o la stampa esagera e c’è qualcuno che rimesta nel torbido perché i giornali bisogna venderli; oppure qualcosa nella cosiddetta accoglienza in questa città non ha funzionato. Come sempre, probabilmente la verità sta nel mezzo. Politicamente, con questi numeri, chi amministra la città e il partito di maggioranza si è cullato che il fenomeno immigratorio poteva essere facilmente controllato e gestito. Il territorio non è stato presidiato con vere politiche di integrazione, né dalle istituzioni né dai partiti di governo (una volta esistevano le sezioni di partito, ora sono diventati quasi tutti ‘liquidi’). Ci si è fidati troppo del fatto che la città contenesse in sé gli anticorpi necessari per governare spontaneamente il fenomeno senza bisogno di particolari interventi dell’amministrazione nel favorire, guidare e governare l’incontro tra le diverse comunità. Si è pensato, un po’ troppo semplicisticamente, che la comunità autoctona e quella in arrivo da fuori si sarebbero naturalmente incontrate, riconosciute e accettate reciprocamente. Così non è stato. È stato lasciato uno spazio vuoto che è stato occupato dalla Lega e dai suoi pittoreschi personaggi che rischiano di conquistare il palazzo municipale alle prossime amministrative. E allora di chi sarà la responsabilità se i numeri sono questi? Di un’immigrazione fuori controllo o di una scarsa capacità di governo? Qualcuno dice che in democrazia chi vince le elezioni ha ragione ed evidentemente questa regola varrà anche alle prossime amministrative, chiunque vinca.

Se si guarda, invece, al quadro nazionale è evidente che più di qualcuno sul fenomeno migratorio ci marcia, e su questo non ci piove. Come ho già scritto su queste pagine di sicuro ci marcia questo sistema di produzione capitalistico che ha bisogno di braccia a basso costo e a bassi diritti. Sulle cooperative non voglio fare dietrologia, mi limito a citare atti di indagine in cui qualcuno, poi arrestato nell’ambito di mafia capitale, ha detto che con gli immigrati si fanno più soldi che con il traffico di droga (quindi un’interpretazione, come dire, autentica del fenomeno). Sarà vero? Sarà che le mafie hanno differenziato i propri investimenti, proprio come le imprese e la finanza? Può essere che qualcuno abbia in mente di
destabilizzare la nostra democrazia utilizzando i flussi migratori? Sarà che il traffico di esseri umani, manipolando le nostre emozioni, è diventato il nuovo business delle mafie e che la saldatura tra mafie e politica ha impedito finora di affrontare il tema in modo razionale?

tag:

Giuseppe Fornaro


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it