Skip to main content

Di tutti ma non per tutti, l’esperienza del cohousing, che fa l’occhiolino ai rapporti di buon vicinato, migliora la qualità della vita, delle relazioni, garantisce servizi gratuiti e il risparmio, da quello energetico fino a quello economico, ha dei costi iniziali impegnativi. Soprattutto per i più giovani. “Abbiamo realizzato un sogno, ma per farlo abbiamo venduto il nostro appartamento come molte delle famiglie partecipi dell’operazione”, racconta Alida Nepa, presidente di Solidaria Cohousing, l’associazione che interloquisce con le istituzioni su obiettivi e vantaggi della nuova frontiera abitativa. “Serviva una liquidità per comprare il terreno e realizzare l’edificio. Non tutti hanno soldi da anticipare, specie quando si tratta di persone giovani, ancora prive di risparmi”.

Il cohousing, cinque realtà in Italia, una delle quali è il cohousing San Giorgio in via Ravenna, una palazzina affacciata sul Po di Primaro proprio alle spalle della basilica, è nato una cinquantina di anni fa in Scandinavia. L’intento è quello di restituire un po’ l’atmosfera dei borghi, dei paesi di campagna, dove i bambini giocavano indisturbati senza però essere persi di vista dalla comunità. Ognuno a casa propria, tuttavia mai isolato, anzi confortato da una rete di relazioni su cui contare. Ai giorni nostri si cerca di ripristinare abitudini antiche in chiave moderna: abitazioni singole, costruite all’insegna del risparmio energetico con materiali ecocompatibili, spazi e servizi condivisi dalla lavanderia, alla sala da pranzo, al giardino fino al wifi. “Perché funzioni bisogna essere accomunati da un percorso, non basta avere spazi comuni per creare aggregazione tra le persone, è necessario lavorare su metodi di comunicazione diversi, regolati dal consenso – spiega – E’ inutile prendere una decisione basandosi sulla maggioranza come succede nelle riunioni di condominio, ci sarà sempre qualcuno che lamenterà di non essere stato ascoltato. Il consenso è cosa altra, si basa sul rispetto”.

Prossima al trasloco, venerdì il grande giorno, Alida Nepa è soddisfatta della scelta. “Ci trasferiremo in cinque famiglie, ci vorranno tra i due e i tre mesi. Due appartamenti restano per il momento vuoti, dobbiamo ancora decidere se affittarli o venderli – continua – In questi anni il gruppo è cambiato, le esigenze di vita hanno mischiato le carte, ma ora finalmente ci siamo”. Ma qual è l’identikit del cohouser? Ha mediamente 50 anni, ha una sensibilità ambientale, condivide medesimi valori, priorità e soprattutto ha voglia di vivere in un modo diverso, più rilassato e comunitario. “Avendo cinque figli piccoli e un lavoro, mi chiedevo come creare dei rapporti di buon vicinato, mi piaceva l’idea di alleggerire i compiti quotidiani. Nel novembre 2008, dopo un incontro pubblico sul cohousing, organizzato dallo Sportello Ecoidea della Provincia di Ferrara, a cui ha partecipato Roberta Rendina dell’associazione ‘E’-co-housing’ di Bologna, si è formato un gruppo interessato a questo genere di comunità”, spiega.

“Si trattava di di persone dell’attivissimo Gruppo ferrarese d’acquisto solidale Gas Cittànova di cui facevo parte – racconta – l’idea ha cominciato a prendere forma dal quel momento”. La spinta, come si suol dire è partita dal basso, è stata costituita una cooperativa e piano piano il progetto ha preso forma: “E’ stata una progettazione partecipata, ci siamo orientati verso la bioedilizia, privilegiando il legno come materiale principe. Non essendoci speculazione il costo sì è abbassato del 30 per cento – spiega – Devo dire che il Comune di Ferrara è il primo ad aver fatto una delibera che comprenda il cohousing, finora nessuna legge lo nomina, solo la Regione Toscana ne ha colto il valore aggiunto”.

Nessuna facilitazione, ma la certezza di aver creato il punto di partenza di un progetto importante improntato al risparmio. “Fossimo stati soli, non avremmo potuto permetterci gli accorgimenti di risparmio energetico. Avremo in comune un’asciugatrice per il bucato, macchinari per la falegnameria. Sono esempi, già il poter lasciare i cani a casa senza rinunciare a una vacanza, perché c’è chi se ne occupa, significa molto. Senza contare i gruppi d’acquisto per la spesa, il risparmio sul riscaldamento e il raffreddamento delle unità abitative. La gestione economica cambia completamente, inoltre ritengo di aver fatto un investimento che ha un valore di mercato certo”.

Il cohousing è servito. C’è voluto tempo e non sono mancati gli intoppi burocratici. “Il terreno è stato individuato nell’autunno del 2012”, spiega Anna Tambini di NL Properties, società che realizza immobili di qualità tecnologica e architettonica per migliorare la qualità della vita. “L’analisi di fattibilità economica e urbanistica così come il progetto partecipato dell’edificio sono del 2013, mentre l’appalto e l’inizio dei lavori risale al 2014 – racconta la consulente – Purtroppo ci sono stati dei rallentamenti, inizialmente la costruzione sarebbe dovuta sorgere su un altro terreno, poi le cose sono cambiante. A frenare è intervenuto il terremoto, sono mutati i regolamenti edilizi, insomma una serie di problemi oggi superati. Per quanto mi riguarda posso dire che è stata un’esperienza positiva”. La prima e speriamo non l’ultima. Sulla via di una ritrovato rapporto di buon vicinato.

tag:

Monica Forti


Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it