Skip to main content

Da Matteo Bianchi

Da domani i visitatori del Museo di Storia Naturale saranno ancora più coinvolti nella fruizione delle sue collezioni. Interattività e sostenibilità sono i binari sui quali le tre équipe al lavoro da 72ore si sono mosse per facilitare il rapporto tra chi osserva e gli esemplari dietro le teche. I materiali utilizzati, inoltre, sono di reperibilità immediata e di costo praticamente nullo, considerate anche le difficoltà che sta vivendo il settore culturale in Italia. I diciotto giovani professionisti sono arrivati da tutto il paese e oltre, comprese le incursioni di due mixer provenienti da Parigi e Berlino: abbattere la staticità degli spazi museali e del loro utilizzo significa anche aprirsi all’innovazione, senza limiti di alcun genere. Innovazione mentale prima ancora che tecnologica.
«Mi hanno colpito la passione e le competenze che hanno espresso – afferma il direttore Stefano Mazzotti – Sono entrati subito nel merito del format: si sono messi in ascolto e mi hanno fatto domande specifiche, dimostrando poi una buona capacità di esecuzione. Da un base concettuale tanto ampia non è semplice diventare ficcanti nelle cose. Ho permesso loro di lavorare dentro le vetrine, insegnandogli che non è possibile manipolare reperti catalogati, quanto mediare tra uno e l’altro. In prospettiva vorrei che i prototipi rimanessero per potenziare sia la museografia stabile sia i prossimi eventi lungo il percorso espositivo. Il clima è stato armonico, hanno apprezzato da subito l’ospitalità, dalle pause caffè offerte da Krifi ai pasti forniti dall’Associazione Mayr+Verdi. Senza dimenticare le risate dei momenti a tavola trascorsi insieme nelle Grotte del Boldini, un altro luogo molto suggestivo». Per ore più di 300 ferraresi sono entrati dal portone su via De Pisis per scoprire i tre prototipi progettati e realizzati durante la maratona creativa, dalla mattina alla notte.
«I nostri musei scientifici ospitano nelle loro sale solo una minima parte delle collezioni – spiega il mixer Paolo Cocco della squadra “Scheletri nell’armadio” – il resto è chiuso in cassetti e armadi inaccessibili al pubblico e per questo invisibili. Abbiamo allora creato un’esperienza immersiva che permetta ai visitatori di immaginare le collezioni ospitate nei depositi e negli archivi del Museo di Storia Naturale. Chi visita la sala della memoria incontra la teca del chiurlottello, un uccello in pericolo critico di estinzione. Abbiamo eliminato la sua didascalia e al suo posto abbiamo creato un pannello informativo con un testo-ponte, che introduce l’argomento delle collezioni chiuse al pubblico. Il testo termina con una cascata di nomi che arriva fino al pavimento. Abbiamo quindi ricoperto il pavimento con una serie di elementi in vinile ispirati alla Walk of Fame di Hollywood: decine di impronte in scala 1:1 di alcuni degli uccelli che fanno parte delle collezioni, alternate ad altri riquadri su cui è indicato l’hashtag #saicosatiperdi». L’hashtag potrà essere usato da questo e altri musei per impostare una strategia di comunicazione condivisa.
«Appena entrati nel museo i visitatori trovano quattro scienziati che li guidano in una visita inconsueta – prosegue la mixer Francesca Druetti della squadra “Senza nome” – Una volta inquadrato il QR code sotto i loro volti, possono ascoltare la loro storia. Il primo ad accoglierli è Linneo, l’inventore della nomenclatura binomia, che li “classifica”. Vicino all’orso, invece, ad aspettarli c’è Lamarck ed il racconto di un metodo scientifico che è fatto anche, se non soprattutto, di tentativi. Accanto alle teche di insetti tocca a Guido Campedelli, entomologo, che consiglia loro di scaricare l’app iNaturalist. E se ci fosse una nuova specie che attende solo di essere scoperta? Basta uno smartphone. Al piano superiore ecco René Malaise, anche lui entomologo, che ha inventato una trappola per insetti con il suo nome». Ma non finisce qui perché per restare in contatto con loro l’équipe ha aperto una serie di profili sui social dedicati a Galdino Gardini, il primo direttore del museo: la scienza è alla portata di chiunque si faccia trasportare dalla propria curiosità. La comunicazione si conferma uno strumento fondamentale per creare nessi e relazioni impensate tra gli osservatori e gli oggetti in esposizione.
«Individuata come criticità del museo l’assenza di una segnaletica ben visibile per la postazione della biglietteria – conclude la mixer Sabina Viezzoli degli “Speak up” – abbiamo scelto di utilizzare come “cartello di benvenuto” un ologramma per catalizzare l’attenzione. Abbiamo poi posizionato un pannello didattico di grandi dimensioni per indirizzare i visitatori al piano superiore, dove gli interventi di remix li attendono, articolandosi in più sale. Il primo interessa il diorama che rappresenta il bosco della Panfilia nei dintorni del centro abitato. Una webcam riconosce il movimento quando qualcuno entra nel suo campo visivo e si attiva un sottofondo sonoro con i rumori del bosco. Il suono cattura la curiosità del visitatore, amplificando l’esperienza di visita attraverso il coinvolgimento di un senso ulteriore, l’udito. Il remix prosegue con l’installazione di un piccolo exhibit nella sezione mineralogica, che interessando tatto, vista e udito aiuta a guardare le rocce al loro interno. Abbiamo usato tre diversi campioni che, sfiorati, azionano un video con immagini al microscopio della roccia stessa». L’obiettivo è lanciare a grandi e piccoli una piccola sfida di ricerca, che si articola da una stanza all’altra per offrire stimoli e spunti.

tag:

Riceviamo e pubblichiamo


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it