21 Giugno 2022

Il clan Delon

Simonetta Sandri

Tempo di lettura: 5 minuti

 

J’aurais pu en déduire que cet homme, mon père, ne m’aimait pas, et ainsi le laisser anéantir une partie de moi. Mais j’avais compris qu’il m’avait désiré comme rien d’autre au monde, de cet amour et cette fougue sans limites si propres à la jeunesse. 

Avrei potuto dedurre che quest’uomo, mio ​​padre, non mi amava, e quindi lasciare che distruggesse una parte di me. Ma avevo capito che mi aveva voluto come nient’altro al mondo, con l’amore e l’ardore sconfinati propri della giovinezza. Anthony Delon

Alain, Anthony e Nathalie Delon

Pensare di non essere amati, e capire, invece, senza che sia troppo tardi, di essere stati immensamente, intensamente e profondamente desiderati. Figlio di un mostro sacro del cinema, icona di bellezza inarrivabile e inafferrabile – Alain Delon – e di un’attrice affascinante emblema di libertà – Nathalie Delon -, Anthony Delon toglie ogni velo sulla sua famiglia, un testimonianza forte e a tratti sconvolgente (perché del tutto inaspettata) e coinvolgente (perché estremamente empatica) sulla sua infanzia, la sua adolescenza, il difficile rapporto con il padre e la malattia della madre, amorevolmente accompagnata fino alla fine dei suoi giorni.

Se leggete il francese, in attesa della traduzione italiana, Anthony Delon, oggi cinquantasettenne, pubblica Entre chien et loup, un libro intenso e disarmante per la sua franchezza e trasparenza, che, all’inizio, pare un poco una resa dei conti (la solitudine di un bambino, Anthony, paragonata a quella di L’incompreso, di Luigi Comencini e la violenza e durezza di un padre, Alain, che pare non perdonare alcun segno di debolezza) ma che alla fine è una storia di grande amore e grandi amori. È il racconto del clan Delon, fatto di tutti coloro che hanno aiutato Anthony a crescere, a partire delle due madri (quella di sangue, Nathalie e quella del cuore, Mireille Darc), entrambe scomparse, al padrino con il ruolo di padre, l’agente cinematografico-angelo custode Georges Baume, fino al celebre genitore Alain Delon, figura autoritaria ingombrante e quasi “tutelare”, con il compito più di raddrizzare il figlio che di educarlo. Sfida tra titani, altrettanto caparbi.

Alain Delon e Nathalie Delon in France, 1960 (Photo by Giancarlo BOTTI/Gamma-Rapho via Getty Images)

Nelle pagine intime che si divorano, si sfiora e percepisce bene la collera di Anthony, la rabbia, la rassegnazione, a volte l’odio verso un padre che ha cercato a più riprese di piegarlo, indebolirlo, non tanto di distruggerlo quanto di sottometterlo, comme dans une horde de loups où le clan doit se plier face au dominant”. Come quando il padre gettò dalla finestra il piatto di un bambino che faceva in capricci o quando, sfidandolo, dodicenne e timoroso del buio, lo obbligò a fare il giro del lago intorno al giardino della villa, di notte, in pieno inverno, senza un raggio di luce, come prova di coraggio. L’attore era di umore estremamente altalenante: giorni euforici e giorni pieni di pessimismo (“il y avait des jours avec et des jours sans”, dice), capace di giocare con la famiglia in piscina, nei luoghi di vacanza, organizzando scherzi e travestendosi da fantasma ma anche di irrigidirsi improvvisamente, di non voler sentire alcuna voce o bisbiglio al risveglio mattutino. Nei fine settimana a Douchy, alla fine delle riprese, Anthony lo accompagnava in lunghe passeggiate insieme ai fedeli cani, di fianco, nei rari momenti di intimità, ma sempre in rigoroso silenzio. Sempre presente la sua adorata tata Loulou, la madame Deprez che teneva testa a monsieur Delon, un narciso che lei detestava (Anthony lo avrebbe scoperto tardi…).

Nathalie e Alain Delon

Il libro racconta anche aneddoti divertenti, come al momento del battesimo di Anthony. “A pranzo i miei genitori, che erano inguaribili provocatori, proposero di fare il gioco della torre: chi butti giù tra queste due persone? Era presente anche il grande Luchino Visconti. E mia madre chiese a papà: chi butti giù, Georges (Beaume) o Luchino? Mio padre preferì Georges. E Visconti si alzò di scatto, arrabbiato: chiese di essere subito riaccompagnato in auto a Parigi”. (…). Alti e bassi, sempre. Fragilità, paura della solitudine e dell’abbandono, anche questo era Alain,  sfidante sempre pronto al duello.

L’età adolescenziale di Anthony è marcata dalle fughe dall’istituto Charlemagne e ancora da scontri con il padre, dai dissapori sul marchio Delon fino all’arresto per furto e alla passione per le armi; qualche serie tv e un film nel frattempo (tra cui Cronaca di una morte annunciata di Francesco Rosi). Apprendere dalla radio di avere una sorella, il 25 novembre 1990, sarà un’altra ferita aperta.

Mireille Darc e Alain Delon

La perdita di Mireille (Mimi), dell’amata Loulou, della madre Nathalie, dopo una lunga malattia (Anthony ha girato con lei e per lei un documentario sui suoi ultimi 37 giorni di vita), la presenza delle due figlie Loup e Liv, l’ictus del padre nel 2019 che ha richiesto decisioni importanti, l’avvicinamento vero e sincero al compagno della madre Chris Blackwell e alla loro Giamaica, avrebbero, in qualche modo, ricomposto il puzzle impazzito. Di una famiglia dove nulla era ed è normale. Da leggere.

Anthony Delon, Entre chien et loup, éd. Le Cherche Midi, 2022, 192 p.

Immagine in evidenza Alain e Anthony Delon, Getty Images



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Da sempre appassionata di scrittura e letteratura, ha pubblicato su riviste italiane e straniere, è autrice del romanzo, “Il Francobollo dell’Avenida Flores”, ambientato fra Città del Messico, Parigi e Scozia e traduttrice dal francese, per Curcio Editore, di La Bella e la Bestia, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Ha collaborato con BioEcoGeo, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, Mosca Oggi, eniday.com e coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma. Scrive su Meer (ex Wall Street International Magazine).
Simonetta Sandri

Ti potrebbe interessare:

  • Presto di mattina /
    Le vie dell’avvento

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013