Skip to main content

 

A Mantova il Sindaco Mattia Piazzi ha deciso di usare gli 8 milioni di extraprofitti della locale società energetica Tea spa per restituirli ai suoi cittadini.
Il teleriscaldamento serve circa metà delle famiglie residenti e delle imprese di Mantova.
Il Comune detiene il 72% delle azioni ed è quindi in grado di dare ordini alla sua multiUtility che ha fatto extraprofitti con gli aumenti di gas e luce, come molte altre in Italia e come dimostrano i mega profitti netti di Eni del primo semestre 2022 (7,3 miliardi, a fronte di 1,3 del 2021).

I rincari nel “libero mercato” sono stati (per il 90% dei clienti) anche superiori a quelli del mercato tutelato (+150%) e hanno sfiorato il 200% rispetto al 2020. Gli 8 milioni saranno restituite ai Mantovani con le bollette di novembre e dicembre, di cui un milione è destinato in particolare alle famiglie più povere e agli anziani con pensioni minime o sociali.
Ciò è possibile perché l’azienda è di proprietà pubblica e questa vicenda mostra quanti danni abbia fatto una politica che ha privatizzato i servizi pubblici locali, senza garanzie.

A Ferrara invece, nonostante il 30% delle famiglie e imprese abbia l’acqua calda della geotermia (proprietà Eni-Enel gestito da Hera) o da teleriscaldamento (la termovalorizzazione Hera dei rifiuti) che nulla hanno a che vedere coi prezzi del gas, si paga come se fosse gas.
Hera, l’utility che ha i maggiori clienti ferraresi si guarda bene dal fare tariffe eque e tantomeno restituire i suoi extraprofitti.

Massimo Buriani, direttore della coop Castello, ha evidenziato che nei suoi condomini dove abitano centinaia di residenti le bollette che arrivano dal teleriscaldamento sono anche maggiori di quelle del gas in quanto sul gas il Governo ha ridotto l’Iva al 5%, mentre non sul teleriscaldamento sono rimaste al 10% e lo sconto fiscale di 21,90 euro per MWh per le reti di teleriscaldamento non è stato adeguato dal Governo. Aumenti che vanno dal 120% al 167% sull’anno precedente (a parità di consumi). La scelta di agganciare il prezzo della geotermia al metano è avvenuto 20 anni fa, ma ora non ha alcun senso, è un “prelievo forzoso”.

Al di là dell’impoverimento delle famiglie italiane, ciò che è gravissimo è la perdita di competitività delle imprese italiane che si trovano a sostenere costi molto superiori a quelli degli altri paesi in particolare delle aziende americane e asiatiche, col rischio di perdere in modo definitivo clienti e mercati che si erano conquistati in 40-50 anni di dura attività.
Ciò vale anche per negozi e artigiani e piccole imprese con mercato locale costretti ad aumentare i prezzi del 5-10% proprio quando si sta andando verso la recessione 2023 col rischio di dover chiudere. Un danno che non riguarda solo loro, ma tutta la comunità sempre più povera di negozi e artigiani locali e quindi colonizzabile dalle grandi catene (anche estere).

Questa vicenda insegna quanto sia importante per il futuro benessere dei cittadini e delle comunità locali disporre di politiche (specie nei servizi essenziali) che prevedano il passaggio dalla logica del capitale finanziario, quindi privatistica (oggi sovrana e che ha come obiettivo prevalente il profitto a favore degli azionisti, condito sempre da buone azioni etiche) a quella delle “compartecipazioni” dei cittadini o di Istituzioni (meglio locali, ma in alcune grandi imprese anche regionali o statali) con una presenza nei CdA di sindacati dei lavoratori e di associazioni dei consumatori-clienti che evitino la deriva attuale.

Oggi invece il CdA  delle multiutilities come Hera (pur in presenza di  tecnici, esperti, indipendenti) non segue certo le indicazioni di un “azionariato” ultra frammentato di ben 111 Comuni (e come tale inconcludente) ma è orientata verso il massimo profitto che favorisce, di fatto, azionisti e management.

Quando mai saranno tutelati gli interessi dei cittadini e la comunità? Quando passeremo dal privilegio di pochi a quello di tutti.

Cover: immagine da Blogsicilia.it

tag:

Andrea Gandini

Economista, nato Ferrara (1950), ha lavorato con Paolo Leon e all’Agenzia delle Entrate di Bologna. all’istituto di studi Isfel di Bologna e alla Fim Cisl. Dopo l’esperienza in FLM, è stato direttore del Cds di Ferrara, docente a contratto a Unife, consulente del Cnel e di organizzazione del lavoro in varie imprese. Ha lavorato in Vietnam, Cile e Brasile. Si è occupato di transizione al lavoro dei giovani laureati insieme a Pino Foschi ed è impegnato in Macondo Onlus e altre associazioni di volontariato sociale. Nelle scuole pubbliche e steineriane svolge laboratori di falegnameria per bambini e coltiva l’hobby della scultura e della lana cardata. Vive attualmente vicino a Trento. E’ redattore della rivista trimestrale Madrugada e collabora stabilmente a Periscopio.

Comments (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it