25 Dicembre 2018

Angelo, il bambino con la testa fra le nuvole

I Bambini del Cocomero

Tempo di lettura: 6 minuti

Questa storia nasce in una classe quarta dopo una discussione sui diritti che i bambini dovrebbero avere.
Secondo loro, oltre a quelli della Convenzione sui Diritti dell’Infanzia, tutti i bambini dovrebbero avere anche il diritto di: aiutare, avere amici, avere la testa fra le nuvole, avere del tempo libero, avere una casa, avere una famiglia, ballare, cantare, correre dalla mamma o dal papà, crescere in tranquillità, dire di no, dire la verità, dire quello che si pensa, disegnare, divertirsi, esprimersi in modi diversi, essere abbracciati, essere accolti, essere accuditi, essere aiutati, essere amati, essere ascoltati, essere coccolati, essere curati, essere felici, essere liberi, essere nutriti, essere protetti, essere rassicurati, fare cose sicure e adatte, fare sport, festeggiare, giocare, imparare tante cose nuove, imparare una lingua diversa, impegnarsi nelle cose che si fanno, innamorarsi, inventare giochi e storie, lavarsi, oziare, piangere, recitare, ricordare, ridere, riposarsi, sognare, sporcarsi, stare al caldo, stare all’aria aperta, stare bene, stare in compagnia, suonare, vedere luoghi diversi.

La Storia di Angelo, il bambino con la testa fra le nuvole

C’era una volta un bambino di nome Angelo che abitava a Quelpaese.
Era un bambino come tutti gli altri bambini: allegro, vivace, distratto, divertente e con tanta voglia di giocare. E come tutti i bambini andava a scuola e a scuola qualche volta si divertiva, qualche volta si annoiava, qualche volta si interessava e qualche volta veniva rimproverato dalla maestra perché non stava attento. Infatti quando la maestra spiegava, a lui veniva da prendere la gomma e immaginare che fosse una nave che stava salpando per i mari del sud, oppure quando c’era la prova di verifica e lui era agitato gli veniva da immaginare di essere un cameriere in una pizzeria, di portare una pizza gigante a un signore seduto al tavolo e poi di organizzare uno scherzo per farlo alzare e potergli mangiare tutta la pizza. Una volta mentre la maestra stava spiegando le catene montuose dell’Italia, Angelo cominciò a immaginare di costruire una macchina che scartasse i cioccolatini, un’altra volta uno strumento che facesse i gelati alla crema, ma così piccolo che potesse stare nella cartella della scuola.
A lui insomma piaceva sognare da sveglio.

Angelo si distraeva anche a casa: quando stava studiando, quando i suoi genitori gli facevano vedere i programmi culturali, quando lo portavano dalla zia e anche quando non riusciva a dormire.
Una volta, mentre era da sua zia e lei gli stava raccontando di come le faceva male la schiena, lui invece di ascoltarla andava con la sua “testa fra le nuvole” e immaginava per esempio di nuotare in una piscina tutta piena di pop corn. Un’altra volta, invece, mentre suo papà gli stava facendo vedere un programma in televisione sugli allevamenti di gamberi in Giappone, immaginava di diventare il protagonista di un film d’azione: ‘Angelo Jones e i pescatori della barca sperduta’, riusciva a sconfiggere i cattivi e tutti lo consideravano un eroe.
Lui si divertiva a fantasticare perché poteva immaginare quello che voleva e poi gli piaceva stare in un mondo fantastico perché era più bello che stare nel mondo vero.

Immaginare però gli creava qualche problema perché, quando non stava attento, non capiva la lezione, si confondeva, faceva confusione e alla fine si sbagliava.
Ma a distrarsi non era l’unico: quando Angelo raccontava tutte le belle cose che pensava, anche i suoi amici gli confessavano che si distraevano e che viaggiavano molto volentieri “con la testa fra le nuvole”. La cosa cominciò ad assumere un andamento preoccupante perché più la maestra era noiosa più i bambini si distraevano e più i bambini si distraevano più la maestra li sgridava.
Venne anche il momento in cui lo disse ai loro genitori e lo riferì alla direttrice della scuola.
La direttrice della scuola di Quelpaese ne fu molto preoccupata perché credeva che i bambini imparassero soltanto se stavano attenti mentre la maestra spiegava.
Pensò allora di riferire la sua preoccupazione al presidente dell’associazione “B.A.B.B.E.I.” di cui anche lei faceva parte.
B.A.B.B.E.I. era l’acronimo di: “Basta! Attenti Bambini Bisogna Essere Immobili”. L’associazione era composta da vecchi professori che volevano a tutti i costi che i bambini ubbidissero senza tante storie, che rispettassero le regole, che dicessero sempre di sì ai grandi e che stessero sempre attenti a scuola come stavano attenti loro ai loro tempi. Per risolvere il problema imposero alla scuola di Quelpaese tre regole molto ferree che tutti i bambini della scuola dovevano rispettare.
Le tre regole erano queste:
1) Bisogna stare attenti.
2) Bisogna stare sempre attenti.
3) Per stare più attenti bisogna stare sull’attenti.
I bambini però non ci riuscivano proprio a rispettare quelle regole, neanche con la minaccia delle punizioni e poi anche quando sembravano rispettarle la loro testa voleva andare per conto suo fra le nuvole a pensare, a ricordare, a immaginare, a fantasticare. Più lo facevano e più pensavano che tutte le invenzioni importanti, le grandi teorie, i bei libri, i quadri famosi, le sculture, le canzoni, le poesie dovevano essere nate proprie nei momenti in cui le persone avevano la testa fra le nuvole. I bambini si convinsero che avevano ragione, ma non sapevano come fare per far cambiare idea alla maestra.
Un giorno Angelo, che era quello che stava più “fra le nuvole” degli altri compagni, inventò una filastrocca sulla loro situazione. Faceva così:
Mi chiamo Angelo, sono un bambino
un po’ pensieroso, un po’ birichino,
ho sempre fra le nuvole la testa
così è come se fosse sempre festa.
È vero, a volte non sto attento
e di questo mica son contento.
Ma quando io ho immaginato
nella mia mente ho già creato.
Ognuno di noi usa la sua fantasia
per mettersi in testa un po’ d’allegria.
Tutti adoperiamo l’immaginazione
per dare al futuro un’accelerazione.

Piacque a tutti i suoi compagni che, durante l’intervallo in cortile, si divertivano a recitarla, a cantarla e a ballarla.

Un bel giorno passò vicino al cortile della scuola il Dj RAPpaello, un giovane musicista rap; si accorse di quella filastrocca, la ascoltò e gli piacque così tanto che la copiò, la musicò, la registrò e cominciò a diffonderla dalle antenne della radio libera di Quelpaese. In men che non si dica, il ‘Rap del bambino con la testa fra le nuvole’ (così aveva intitolato la sua canzone) diventò molto conosciuto, talmente conosciuto che la televisione di Quelpaese intervistò Dj RAPpaello chiedendogli, fra le altre cose, dove aveva trovato l’ispirazione per quella canzone
Il Dj, che in realtà si chiamava Raffaello ma gli piaceva farsi chiamare RAPpaello per infilare nel suo nome la parola RAP, confessò che l’aveva sentita dai bambini che la scandivano nel cortile della scuola. Allora il giornalista di Quelpaese andò in quel cortile e chiese a quei bambini perché avevano inventato quella filastrocca. Loro gli dissero di parlare con Angelo che gli raccontò la storia dei B.A.B.B.E.I. e nell’intervista aggiunse anche che, per avere una buona testa, era importante stare attenti, ma era altrettanto importante avere un po’ la testa fra le nuvole, una testa capace di “futurare”, cioè di immaginare il futuro in maniera originale.
Il giornalista della televisione di Quelpaese riportò la notizia in un servizio speciale ed ebbe subito un grande clamore. I genitori, che non ne sapevano niente, si arrabbiarono molto. Tante persone telefonarono alla televisione e scrissero sui giornali, lamentandosi delle brutte regole imposte a scuola. L’interesse di tutti fu talmente grande che il Ministro della Scuola di Quelpaese sciolse immediatamente l’associazione dei B.A.B.B.E.I., tolse quelle tre regole e fece una legge che diceva: “Se si vuole un mondo più bello, bisogna vedere, ascoltare, leggere, prendere e imparare dal bello che c’è già, perché le cose belle non si consumano anzi più si impara da loro più loro crescono”. Fra le altre cose, disse anche che bisognava pubblicare su tutti i giornali, almeno una volta alla settimana, le immaginazioni dei bambini, i loro testi, le loro storie, i loro disegni, le loro ‘futurazioni’.
Angelo e i suoi compagni furono molto contenti. Dj RAPpaelo fu davvero felice.
Anche la gente di Quelpaese iniziò a essere più serena perché finalmente aveva imparato che la speranza non è un’illusione ma è la realtà concreta rappresentata da tutti i bambini e le bambine che devono essere educati e istruiti nel modo giusto, anche lasciandoli viaggiare con la testa fra le nuvole.
Solo dopo aver imparato questo, tutti quanti potranno vivere felici e contenti.

Un Natale e un 2019 pieni di speranza e serenità a tutti voi dai Bambini del Cocomero e dalla redazione di Ferraraitalia



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013