7 Novembre 2022

SEGUENDO I SASSOLINI DI POLLICINO
Un piccolo libro di Daniele Lugli raccoglie le “briciole di verde” di una storica rivista ferrarese

Alberto Poggi

Tempo di lettura: 8 minuti

Pollicino non è solo una favola

C’era una volta Pollicino, il piccolo protagonista di una delle favole più famose. Scritta da Charles Perrault, e tradotta in italiano anche da Carlo Collodi, narra la brutta avventura di sette fratelli abbandonati nel bosco dal padre, così povero da risultare incapace di provvedere al loro sostentamento. Come risaputo, Pollicino salverà sé stesso e i suoi fratelli grazie allo stratagemma dei sassolini con cui ritroverà la strada di casa e le braccia della madre, contraria alla scelta del marito, ma costretta da lui a questa terribile decisione. Recidivo, il padre li abbandonerà una seconda volta e Pollicino, finiti i sassolini, proverà con le briciole di pane, che però risulteranno inutili. Gli uccellini se le mangeranno, beffando così lo scaltro bambinello.
La favola prosegue fino al lieto epilogo, che però non mi sembra particolarmente interessante ripercorrere qui, perché il rimando mi serve solo come assist per ricordare perché oltre trent’anni fa, da responsabile del Circolo ferrarese di Legambiente, decisi di ispirarmi proprio a questa favola per battezzare il giornalino locale dell’associazione.

Nasceva così “Pollicino. Briciole di verde, supplemento aperiodico della più prestigiosa rivista culturale Luci della città, il cui direttore, il vecchio amico Stefano Tassinari, assunse per cortesia e condivisione culturale, anche la sua direzione editoriale, non essendo io un giornalista e quindi non potendo, per legge, farlo in proprio.
Anche la grafica, intesa come persona che si occupa dell’impaginazione della rivista, veniva da Luci della città ed era Laura Magni. Il primo numero di “Pollicino” fu scarno, come le risorse di cui disponeva l’associazione: solo due fogli, che da patito di fumetti, ebbi l’idea di illustrare con le tavole di un racconto di Moebius. Testi e immagini erano disaccoppiati, anche se le tavole erano tratte da una storia in qualche modo ispirata all’ambientalismo: il viaggio futuribile in un pianeta lussureggiante, abitato da piante e animali fantastici.

Non sarò il mediano di Ligabue, ma questo è un ulteriore assist, per parlare di un bellissimo libretto, piccolo come Pollicino, uscito da poche settimane per Le edizioni La Carmelina. Simpatica copertina di Giulia Boari e prefazione di Elena Buccoliero, che di Pollicino. Briciole di verde fu una delle più importanti collaboratrici, insieme all’autore del libro, l’instancabile Daniele Lugli.

Pollicino ha avuto sette vite, come si dice abbiano i gatti. Al primo numero, regolarmente ‘tipografato’, come le riviste serie, succedettero fasi di semplice ciclostile, come si conveniva alle riviste alternative, ma povere. Il salto editoriale si ebbe però dalla fine degli anni novanta al 2005-6, quando Pollicino divenne inserto di Terra di nessuno, la storica rivista della Associazione Ferrara Terzo Mondo, diretta dal vulcanico Luca Andreoli. Sarebbe ingeneroso non ricordare questa importante Associazione da cui negli anni novanta nacque la Cooperativa Commercio Alternativo, la seconda centrale italiana operante nell’ambito dell’equo e solidale, ovvero nell’import di prodotti realizzati in Paesi del Sud del mondo, rendendo protagonisti, a casa loro, del loro futuro, coloro che anche oggi non vogliamo accogliere nei nostri Paesi.

Il libro di Daniele Lugli raccoglie in modo ragionato e ordinato gli articoli scritti per Pollicino durante la sua storia.  Una storia ricca perché, sempre grazie a Commercio Alternativo e quindi a Ferrara Terzo Mondo, venne costituito in un ampio appartamento su Viale Cavour, il Centro Alex Langer, una bellissima esperienza di condivisione di sede e attività tra diverse Associazioni cittadine, con annessa biblioteca ed emeroteca.
Il Centro, che non a caso era stato unanimemente intitolato ad Alexander Langer, il “viaggiatore leggero”, era votato ad iniziative centrate su ambiente, pace, nonviolenza, sviluppo sostenibile, vera cooperazione internazionale tra Nord e Sud del mondo.

Gli articoli – scrive giustamente nella sua introduzione Elena Buccoliero – hanno retto bene gli anni e a distanza di qualche decennio ci parlano ancora.” (vedi sotto il testo integrale n.d.r.)

La ricchezza di temi affrontati nel libro da Daniele è anche frutto della fortunata formula editoriale di Pollicino, che costruiva le sue pagine, partendo da una parola, da una suggestione, da un concetto, non necessariamente legato all’attualità, ma che a questa spesso tornava attraverso i contributi dei tanti, valenti amici che per Pollicino hanno scritto. Ricorderò i più assidui, in rigoroso ordine alfabetico: Franco Cazzola, Roberto Dall’Olio, Michele Fabbri, Andrea Malacarne, Marzia Marchi, Giangaetano Pinnavaia, Luigi Rambelli, Mario Rocca, oltre ai già citati Elena Buccoliero e Daniele Lugli e naturalmente al sottoscritto.

Impossibile dar conto della varietà dei temi toccati da Daniele, con una scrittura brillante, profondamente ironica e a tratti divertente, capace di sorprenderci, con incipit fulminanti o citazioni illuminanti. Il consiglio è di comprarlo e leggerselo con parsimonia, sorseggiandolo come un vino d’annata.

Per incoraggiarvi, rileggiamo insieme l’incipit del pezzo I nomi della guerra  (gennaio-febbraio 2002). Sembra scritto ieri, invece che vent’anni fa. Buona lettura dunque.
Conflitto
“Così la guerra si viene a situare nel contesto, più ampio e diluito, dei conflitti che la vita privata e pubblica quotidianamente ci propone. In fondo non è che un duello su vasta scala… una continuazione della politica con altri mezzi aveva detto von Clausewitz. È un’opzione tra le altre, disponibile per raggiungere gli scopi della politica, che infatti non ha mai preso sul serio il ripudio della guerra previsto dalla Carta dell’ONU e dalla nostra Costituzione. Per sapere se si deve o no fare la guerra basta applicare la formula di Rosen. Se P = probabilità di vincere la guerra, C = costi della guerra, CT = costi tollerabili, la decisione sarà per la guerra se CT per P maggiore di C. Certo ci sono valutazioni non semplici da compiere, ma se C e CT si guardano bene dal ricadere sui decisori questi hanno un compito facilitato. Un’accorta aggettivazione, a seconda dei popoli e del momento storico, aumenta il consenso: guerra santa, giusta, inevitabile, umanitaria…

Daniele Lugli, Sassolini di Pollicino, Ferrara, edizioni La Carmelina, 2022

Introduzione di Elena Buccoliero

I fratellini procedevano nel bosco
In coda Pollicino spargeva sassolini.
Li seguiva uno struzzo dall’impercettibile sorriso.

È un piccolo libro prezioso quello che abbiamo tra le mani.

Gli articoli che vi sono raccolti – scritti da Daniele Lugli per “Pollicino”, rivista del circolo ferrarese “Il raggio verde” di Legambiente, in un arco di tempo compreso tra il 2000 e il 2005 – hanno retto bene gli anni e a distanza di qualche decennio ci parlano ancora. Lo fanno a più livelli, come l’autore sa fare, con quello strabismo invidiabile che in uno stesso testo, o conversazione, accosta in un lampo il molto lontano con l’incredibilmente vicino e in quel transito ci riporta a quello che siamo, ripulisce le nostre lenti affinché possiamo capire più profondamente noi stessi e ciò che stiamo vivendo. Tra i temi: le diseguaglianze crescenti, la guerra, la crisi ambientale, l’inquinamento dell’aria e dell’acqua, le religioni, e poi la violenza sulle donne, i diritti dei bambini, le migrazioni, il traffico, la città, la felicità, il futuro…

Alcuni eventi vengono in risalto in modo particolare: la marcia Perugia-Assisi “Mai più eserciti e guerre” organizzata dal Movimento Nonviolento e dal Movimento Internazionale della Riconciliazione il 24 settembre 2000 nell’anniversario della prima, indetta da Aldo Capitini nel 1961; il G8 di Genova di cui prevede lucidamente ciò che si sarebbe poi verificato in quelle ore drammatiche; l’attentato alle Torri Gemelle di New York dell’11 settembre 2001 e la guerra che ne seguì. Ma ci sono anche eventi cittadini, quali i cicli di incontri che la Scuola della Nonviolenza andava proponendo settimanalmente, al Centro “Alexander Langer” che allora era sede anche per Legambien-te e per il Movimento Nonviolento.

Già si è detto di uno strabismo invidiabile. È lo stesso che da sempre Daniele esercita nel suo guardare il mondo. Non è solo la capacità di ragionamenti glocal, come forse si diceva in quegli anni per indicare il tener nto del contesto globale e della realtà locale. Strabica è anche la dimensione del tempo, grazie alla cultura onnivora e profonda che gli consente di parlarci con la stessa familiarità della tradizione ebraica o della Rivoluzione Francese, della cultura greca o del nostro tempo, del tempo che verrà.

Sono tanti i luoghi della prossimità. C’è indubbiamente la città, la comunità, ma c’è anche una dimensione più intima, quella che riguarda i desideri e i bilanci del presente o del passato, il rapporto con il tempo e con chi non c’è più. Si abbandona qualche volta al ricordo, dedica più di un pensiero ai giovani con la stessa tenerezza che manifesta a ogni incontro nelle scuole o nei luoghi che li riguardano, e sfiora in diversi pas-saggi l’infanzia. Lo fa splendidamente con “I diritti negati delle bambine e dei bambini” ma ci ritorna in più punti, parlando di diseguaglianze, di inquinamento, di guerra.

Erano anni, quelli, in cui l’autore esercitava con crescente passione gli impegni di nonno, e nei suoi scritti traspare la meraviglia di scoprire il mondo accanto a una piccolina, rievocando i primi anni della paternità e ricomponendo frammenti della propria infanzia, anche solo per misurare quello che è cambiato. Dall’esperienza intima agli equilibri e squilibri collettivi, ancora una volta.

Una proposta lega tutto questo ed è la nonviolenza che Daniele ha conosciuto accanto a Aldo Capitini ma studiato, sperimentato e corteggiato si potrebbe dire ancor prima di quel rapporto così importante e certamente nei decenni a venire. È questo il filo che tiene insieme temi apparentemente distanti ma, in fondo, facce possibili di quel prisma che è la condizione umana. L’autore ce le mostra di volta in volta in modo sempre competente, profondo, non scontato.

Dalla nonviolenza le sue riflessioni traggono il fiato e danno indicazioni anche al nostro presente nonostante i cedimenti, di tanto in tanto, al pessimismo della ragione.

Questo piccolo libro prezioso è piacevole da leggere per come è scritto. L’autore usa una lingua limpida, scevra di retorica, affinata nella ricerca dell’essenziale. Nello iato tra ideali e realtà apre un terzo tempo che attraversa ogni pagina ed è il gioco, l’ironia, la passione per il linguaggio, il gusto per il rovesciamento. È, qualche volta, una lama che squarcia il velo rapida ed efficace più di tante parole, ma in altri momenti concede una via di fuga, indica una possibilità.

Nello spiazzamento Daniele Lugli si salva e ci salva. Ci tiene con sé per arrivare a concludere, con l’intelligenza di uno Sherlock Holmes: La violenza – che ben conosciamo – è dunque una soluzione impossibile. Ciò che resta, esclusa la violenza, per quanto improbabile, è la nonviolenza


Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Alberto Poggi

Alberto Poggi

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013