10 Marzo 2014

“Bassifondi musicali”: lunedì 17 marzo presso la Sala del Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara torna il barocco

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 4 minuti

da: TekneHub-Tecnopolo dell’Università di Ferrara

Lunedì 17 marzo 2014,
Ridotto del Teatro Comunale di Ferrara C.so Martiri della Libertà, 5
Ore 17:00
Bassifondi del barocco Roma dei vizi, della miseria e degli eccessi

Progetto di ricerca sulla vita e le opere degli artisti stranieri a Roma nel Seicento

A cura di Annick Lemoine, chargée de mission pour l’histoire de l’art à l’Académie de France à
Rome, e Francesca Cappelletti, Università degli Studi di Ferrara.

Negli ultimi anni molti eventi hanno presentato in maniera articolata la Roma barocca, colta e trionfante del Seicento, erede della grandezza dell’antichità e popolata di artisti che lavoravano a restituire alla corte pontificia un fasto ancora maggiore di quello della Roma imperiale. E’ talvolta emerso, ma mai come oggetto esclusivo, un altro volto della Roma seicentesca, che questo progetto si propone per la prima volta di indagare e illuminare.
Il fulcro non sarà infatti rappresentato dalla bellezza ideale e dal virtuosismo scenografico, ma dalla Roma “dal naturale”, la Roma quotidiana e a volte volgare, quella dei vizi, della miseria e degli eccessi, all’origine di una stupefacente produzione di immagini, originale e ricca di paradosssi e di invenzioni.
Pittori molto diversi fra loro come Valentin de Boulogne e Jan Miel, Sébastien Bourdon et Leonaert Bramer, Bartolomeo Manfredi et Johann Liss o anche Claude Lorrain e Diego Velàzquez cambiano nei primi decenni del secolo, a contatto con questa “splendida e misera città”, i codici visivi e il concetto stesso di bellezza. Tutti hanno utilizzato e trasformato nel loro repertorio l’universo dei bassifondi romani, la vita notturna e i suoi pericoli, il Carnevale e le sue licenze, le taverne, gli accampamenti di mendicanti, un mondo insieme comico e poetico, triviale e violento, chiassoso e melanconico.
Contrappunto visivo della letteratura picaresca e della Commedia dell’Arte, la pittura dal naturale, così diversamente declinata, non può essere ridotta alla produzione dei Bamboccianti né essere schiacciata solo sull’importantissimo fenomeno della pittura caravaggesca.
Crediamo che debba essere inquadrata in un contesto più ampio, quello di una comunità internazionale di artisti, stabilitasi in gran parte ai piedi di Villa Medici, nei quartieri di Santa Maria del Popolo, Sant’Andrea delle Fratte e San Lorenzo in Lucina.
Per alcuni si tratta della linea principale della loro produzione; per altri, di incursioni in un ambito affascinante ma praticato più raramente; ma in ogni caso l’accostamento all’universo dei sensi e dei vizi, fra realtà e finzione, provoca invenzioni formali e iconografiche completamente nuove e moderne, in piccolo nella pittura bambocciate e dando invece luogo a grandi composizioni nell’ambito dei caravaggeschi, o entrando nel cuore stesso di paesaggi all’antica come mostrano per esempio Claude Lorrain e Cornelis Poelenburg.
Molti di questi artisti si ritrovano fra i Bentvueghels, l’associazione di nordici posta sotto la protezione di Bacco, e i suoi membri, dai soprannomi evocativi della libertà e del furore sentimentale e creativo, sono fra i più turbolenti protagonisti della vita delle taverne e dei disordini notturni e autori dei propri ritratti, spesso anche di gruppo. Le loro opere e le loro testimonianze affiorano in vari punti del percorso di questa ricerca, che alterna immagini scherzose della vita quotidiana degli artisti a soggetti volgari, a celebrazioni raffinate dei piaceri dei sensi, unendo virtuosismi tecnici, connotazioni erotiche, intenzioni satiriche e moraleggianti, in opere comunque destinate a sorprendere lo spettatore per invitarlo, in conclusione, a una meditazione metafisica sull’incostanza della fortuna e la fragilità della vita umana.

Bassifondi musicali

Concerto
Valerio Losito, direttore
Balthasar Zuñiga, Tenore
Valerio Losito, Violino e Viola d’Amore Simone Vallerotonda, Tiorba e Chitarra Spagnuola
Ludovico Minasi, Violoncello

La Viola d’Amore Ferdinando Gagliano, Napoli 1775 è gentilmente concessa in uso a Valerio Losito dalla Elsa Peretti Foundation

“Bassifondi musicali” è un progetto che si basa su di un manoscritto del diciassettesimo secolo conservato presso la Biblioteca del Conservatorio San Pietro a Majella di Napoli.
Questo volume è una grande antologia di musica barocca romana, ed accanto alla musica “colta” si trovano trascritte le melodie popolari e la musica delle strade della Città Eterna: tutti quei brani patrimonio della tradizione della gente comune. Un anonimo trascrittore ci ha tramandato le note che riecheggiavano agli angoli delle vie, tra vicoli e taverne.
A questo prezioso codice s’affiancano le canzoni popolari seicentesche romane, tramandate sino ai giorni nostri:tra queste alcune melodie che, con intelligente opera di apostolato San Filippo Neri al volgere del cinquecento seppe rivestire di testi spirituali e trasformare in Laudi per l’edificazione di quello stesso popolo che le aveva concepite.
Questo evento, la cui realizzazione scientifica è stata curata dal Dipartimento di Studi Umanistici dell’Università di Ferrara con il supporto della Fondazione Ferrara Arte, è stato interamente sponsorizzato dalla Fondazione Nando Peretti che si occupa di attività filantropiche a sostegno di progetti sulla promozione dei diritti umani, l’istruzione e la protezione dell’infanzia, la ricerca scientifica medica e sanitaria, la promozione di arte e cultura, la tutela dell’ambiente.
L’ingresso, consentito fino a esaurimento posti, è completamente gratuito.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

  • Storie in pellicola / C’mon C’mon 

  • ACCORDI
    Non s’ammazza così neanche un cane

  • Parole a capo
    Stefano Agnelli: “Pianura” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Cinque presidenti senza Stato (1985-2022)

  • Parole e figure / Il piccolo François Truffaut

  • Brasile: raddoppiate in un anno le manifestazioni neonaziste

  • CONTRO LA GOGNA MEDIATICA
    Aboubakar Soumahoro non è solo

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013