21 Settembre 2018

#VocidalGad – Lorenzo Marcucci: “Il Gad è una Grande Area Degradata”

Jonatas Di Sabato

Tempo di lettura: 8 minuti

Per la terza intervista #VocidalGad ha dato la parola a Lorenzo Marcucci, consigliere del Movimento 5 Stelle ed attivista del “Comitato Zona Stadio”.

Lorenzo Marcucci

Iniziami a parlare della tua attività, che fai nella zona GAD in generale.
Sono arrivato in consiglio comunale nel 2011, quando sono tornato dall’estero a Ferrara. Presi casa in questo quartiere perché i prezzi erano relativamente più bassi rispetto alle altre zone. Da allora ho cominciato ad interessarmi delle problematiche della zona e, piacendomi molto l’idea di Grillo del blog, ho creato quello dei residenti della zona stadio, per parlare delle problematiche che secondo me possono essere collegate al 95% allo spaccio.

C’è ancora questo blog?
Si è http://ferrarazonastadio.blogspot.com/. Lì c’è tutta la mia storia.

Poi l’avvicinamento al Movimento..
Si, essendo molto affine al Movimento, quando si venne a creare la lista a Ferrara, mi avvicinai ai 5 Stelle. Avevo un problema e cercavo qualcuno che potesse aiutarmi a risolverlo. Questo è, appunto, lo spaccio o il poter uscire con mia figlia al parco senza preoccupazioni.

Ti faccio un esempio su questa problematica: vicino all’area di “sgambamento” per i cani di via Sauro, c’è un’altalena dove mia figlia voleva andare a giocare. Di fianco si spacciava, per cui quando arrivavo lì con mia figlia, lo spacciatore ci allontanava con atteggiamenti intimidatori. Questo tipo di comportamenti qui è lo standard. All’epoca la polizia rispondeva spesso “lo sappiamo ma non possiamo farci niente”.

Le cose da allora sono cambiate ed è nato anche il “Comitato zona stadio” con il quale collaboro.

Si sono fatti dei passi avanti quindi?
Sicuramente le forze di polizia hanno preso coscienza che il problema c’era ed era grosso ed hanno cominciato a fare degli interventi interessanti. Parlo dal 2012 in poi anche se in realtà anche il questore che c’era prima del 2012 si impegnava molto su questo fronte. Ricordo che c’è stato anche uno scambio interessante sul Resto del Carlino, fra l’allora questore e il sindaco, in cui il questore disse “la situazione è ingestibile alla Gad” e il sindaco intervenne per dire “no non è vero”. Questa è l’accusa più grande che faccio al sindaco, cioè l’aver sottovalutato il problema, anche perché oggi ammette che qui “c’è un problema di ordine pubblico”. Quindi sì, le cose sono cambiate perché hanno preso molta più consapevolezza e anche la ‘botta’ politica che ha ricevuto il Pd il 4 marzo lo ha smosso da quelle che erano le “percezioni soggettive”.

Ti riferisci alla famosa dichiarazione dell’assessore Sapigni?
Certo. Ero presente quando la Sapigni disse questa frase e ne disse anche altre ma che ora non ricordo bene…

Molti del Pd, tra cui Ilaria Baraldi, sostengono che la legalizzazione potrebbe essere un deterrente al problema dello spaccio, cosa ne pensi?
Anche secondo me, ma il problema principale è che non posso aspettare una legge a livello nazionale perché il problema è del quartiere ed i tempi sarebbero troppo lunghi. Comunque spacciano anche droghe pesanti come la cocaina e l’eroina, e queste non le puoi legalizzare. Io non sono contro lo spaccio in sé, lo spaccio è un problema quando non viene gestito in modo coerente con i giovani, anche e soprattutto i minorenni. Da quello che mi riferisce il Sert anche la marijuana non è più quella di una volta.

Sono cambiate le componenti?
Si e oltretutto con modifiche genetiche, semplicemente selezionando le piante oppure con modifiche più pesanti a livello chimico, il che fa anche della cannabis una droga pesante per cui non puoi lasciare che i ragazzini escano dalla scuola ed arrivino alla stazione e vengano intercettati dagli spacciatori che gli vendono la droga. Ho visto io stesso i minorenni che venivano fermati, discutevano, si scambiavano della roba. Ricordo anche che nel 2011 ci fu un’operazione di polizia chiamata “November Rain” in piazzetta Toti, in cui videro una sedicenne vendere il berretto firmato allo spacciatore per la dose. Minimizzare, come hanno fatto all’epoca, è un danno per la città, non solo per il quartiere ed io sono convinto che ci sia, per volontà o per incapacità di gestione, una ‘zonizzazione’ dello spaccio.

Il Comitato zona stadio ha avuto anche una fase collaborativa con il Comune rispetto ad altre associazioni. Cosa ha ottenuto?
Non moltissimo, c’è un aiuola con tante piantine, però gli spacciatori sono ancora da quelle parti.

L’arrivo dell’esercito ha migliorato le cose o ha spostato solo i luoghi di spaccio?
Non sono così sicuro che l’esercito stia veramente incidendo così tanto sugli spostamenti, è una cosa che non mi sento di dire perché ci vorrebbe un’analisi approfondita.

Vorrei aggiungere una cosa al riguardo: ci sono in giro per la città tanti giardini che dopo le 19 diventano vuoti, però non c’è presenza di spacciatori. Qui invece il problema c’è e il Comune vorrebbe occupare gli spazi con delle iniziative per ‘riappropriarsi’ degli spazi. Però da un po’ ci sono anche in via Carlo Mayr i pushers, dove c’è talmente tanta gente che non puoi parlare di “occupare gli spazi”.

Sono agli angoli…
Esatto. Ce n’è uno ogni 20 metri. Allora mi chiedo come si fa a giustificare ancora oggi che il problema al Gad è portare la gente nei giardini quando oramai si è accertato che gli spacciatori vanno anche in centro? Senza parlare dei problemi burocratici e della furbizia degli stessi perché non hanno mai grosse quantità addosso e quindi i poliziotti, anche quando li prendono, non possono fare molto.

Nei fatti questa giunta comunale fa le feste e le attività perché doveva spendere i soldi ma sono solo scelte elettorali. Quando poi gli arriva il ‘Piano periferie’ da 18 milioni di euro cosa fa? Il Meis, La Darsena, San Paolo, l’Ex mof… Io se avessi 18 milioni di euro da investire sulla riqualificazione delle periferie comincerei a pensare in modo concreto al commercio, comincerei a pensare ad avere hotel aperti davanti alla stazione, delle attività che riqualifichino davvero la zona.

Si tende un po’ al “mordi e fuggi”?
A me sembra proprio che si tenda a uno “spendiamo i soldi come vogliamo noi”. In pratica si tratta di investire soldi in una certa categoria che se vuoi possiamo chiamare “gli amici degli amici”. Maisto ha parlato esplicitamente di una precisa scelta politica.

Ti riferisci alla presunta vicinanza tra Maisto e delle associazioni?
Sì, non so se sia giusto o sbagliato, però i soldi per i bandi li spende non ragionando prima sul da farsi. I famosi 400mila euro per la riqualificazione non verranno spesi per fare ciò, a parer mio.

Sembra quasi che il Pd si sia costruito delle piccole “isole di felicità” all’interno del quartiere Gad, al di fuori delle quali però regna la Lega..
Ci sono dei pozzi che assorbono fondi in un modo incredibile, perché i 400mila euro sono andati sostanzialmente al Wunderkammer, dove fanno anche dell’ottimo lavoro, però l’obiettivo principale è l’attività culturale e non la riqualificazione, che va in secondo piano, infatti sono quasi 15 anni che si fanno questi tipi di lavori, ma il quartiere non ne risente in un modo positivo.

Anche la Baraldi, tornando al discorso di prima, ha detto che il problema del degrado è stato “sottovalutato”…
Ci sono delle persone che in Gad non ci sono mai venute e che leggendo solo dei giornali vedono che il sindaco dava dei razzisti ai residenti, quindi la gente pensava che qui non ci fossero gli spacciatori e che fosse solo un problema di razzismo.

Io definisco il Gad come ‘Grande Area Degradata’, una zona che comprende oramai più parti che sono messe come noi della zona stadio.

I richiedenti asilo che vengono portati qui e non riescono a sbarcare il lunario sono avvicinati da quella che secondo me è un’organizzazione mafiosa e quindi entrano nel giro della malavita. Non è una questione di razzismo.

C’è quindi una vera e propria organizzazione criminale di origine nigeriana in zona Gad che gestisce lo spaccio?
Ti posso dire questo. Quando andammo io e il collega Balboni a parlare col nuovo questore e toccai il punto proprio della mafia nigeriana, lui non ammise palesemente che ci fosse ma disse c e “Se ci fosse una mafia sarebbe una struttura organizzata e gli spacciatori cercherebbero di intimidire le persone che vanno in giro per il quartiere per riuscire a controllare il territorio”, alchè io gli dissi che era esattamente quello che succedeva. In sostanza non so darti una risposta precisa alla tua domanda ma ho la netta impressione che sia così. Comunque spero che ci sia un’analisi attenta su questo fenomeno.

Ma ti racconto un aneddoto: nel 2012 avevo un cane che quando usciva si sedeva spesso. Gli avevo insegnato a farlo dove sostavano gli spacciatori, però fui aggredito verbalmente e addirittura cercarono lo scontro, perché gli avevo occupato la zona. L’operatore della polizia che chiamai mi disse “Lei non può fare così perché in questo modo occupa il loro spazio di spaccio”. Anche questa riposta fu uno dei motivi che mi fece dire “non ci siamo”. Oggi sono un po’ più accorti perché la polizia sta ponendo più attenzione.

Cambiando un attimo argomento: alle amministrative dell’anno prossimo il Movimento che farà?
A livello locale non credo ci sia modo di fare un’alleanza come quella nazionale, però noi dobbiamo continuare a porre l’attenzione su determinate questioni. Secondo me il Movimento dovrebbe porsi come soggetto che superi la divisione destra-sinistra.

C’è una vicinanza di obbiettivi però tra voi e la Lega locale, e sicuramente il Gad potrebbe essere un punto di unione.
Anche se mandassimo a casa i 2 o 3 delle persone che non hanno diritto di stare qui, non si cambierebbero le cose, è la ghettizzazione che si è creata che va combattuta.

Quindi l’immigrazione clandestina non il problema?
Non mischio immigrazione e spaccio. Se non sono migranti ci sarà qualcun altro a farlo. Sicuramente andrebbe gestita diversamente e su questo mi trovo d’accordo con la linea del ministro Toninelli.

Aggiungo anche che molti dei migranti che arrivano sulle coste vedono l’Italia solo come zona di passaggio, ma con le attuali leggi a livello europeo rimangono bloccati in un Paese che non offre loro sbocchi lavorativi se non il doversi “vendere” a caporali, spacciatori o protettori.

In sostanza il Gad è una zona vivibile o no?
Io mi lamento solo dello spaccio per il resto è un quartiere bellissimo ed è proprio per questo che io sono molto arrabbiato. La comodità di uscire di casa e sapere che in 4 minuti e 30 secondi sono davanti alla pensilina del treno non la baratterei con nulla. I giardini, le attività all’Acquedotto, tutto bellissimo ed è per questo che va assolutamente salvaguardato.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Jonatas Di Sabato

Giornalista, Anarchico, Essere Umano
Jonatas Di Sabato

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013