Tag: magistrato

CONTRO VERSO
13 anni

13 anni

Le forze dell’ordine lo sanno bene. Qualche volta la richiesta di fermare la violenza in famiglia non arriva dalle donne o dai vicini di casa: sono i figli o le figlie a chiamare, spinti dalla paura, affrontando il senso di colpa che inevitabilmente li seguirà per aver denunciato un genitore. Questa ragazzina di 13 anni me lo ha raccontato sgomenta per non essersi sentita protetta.

Io, sono stata
quella che ha fatto
la telefonata.

La polizia
-sia benedetta-
è qui a casa mia.

Era infuriato,
in quel momento
ci avrebbe ammazzato

Un magistrato
sconsiderato
me l’ha scarcerato.

Senza fiatare
temo il momento
di ricominciare.

E poi si dice: perché non l’hanno tenuto dentro?
Ma se resta dentro si dice: come fanno a dire quel che farà domani?
Entrambe le eccezioni sono fondate, e nessuna delle due scende dal livello teorico e incontra le caratteristiche reali di quella specifica vicenda.
Nella giustizia si gioca con i dilemmi, perché nulla è perfettamente prevedibile nel comportamento umano. Per fortuna c’è chi ci capisce e per formazione, per esperienza, è in grado di valutare cose come la pericolosità sociale, o almeno arriva a buone approssimazioni. Bisognerebbe provare ad averne fiducia.

CONTRO VERSO, la rubrica di Elena Buccoliero con le filastrocche all’incontrario, le rime bambine destinate agli adulti, torna su Ferraraitalia  il venerdì. Per leggere i numeri precedenti clicca [Qui]

All’Agorà degli studenti del Liceo Ariosto il diritto diventa per tutti

di Federico Di Bisceglie

In questo movimentato periodo di grandi riforme e referendum nei quali i cittadini sono chiamati a votare, molto spesso senza avere bene in mente per cosa votano, è sempre più opportuno fare chiarezza rispetto a quelli che sono i propri diritti e i propri doveri. Non aiutano certo le fiction e le serie televisive, che fanno passare determinati iter giudiziari come teatrini e messe in scena spettacolari, senza trattarne ciò che in realtà è la vera essenza. E in linea di massima, a meno che un cittadino non sia stato direttamente coinvolto in un processo o abbia assistito ad un’udienza in prima persona, non sa cosa sia veramente l’autentico processo penale e tutto ciò che ne consegue. La conferenza “Ruoli e fasi del processo penale”, tenuta dal pm Nicola Proto e dall’avvocato Claudio Maruzzi nell’ambito dell’Agorà degli studenti organizzata al Liceo Ariosto sabato 16 aprile, è stata senza ombra di dubbio chiarificatrice, in modo particolare riguardo i rispettivi ruoli e le fasi che il processo penale prevede.

Il pm Proto e l’avvocato Maruzzi hanno illustrato in breve il percorso per diventare magistrato o avvocato poi entrambi hanno spiegato in modo preciso, ma facile e comprensibile per l’uditorio, come si svolge il processo penale, quali siano le modalità da seguire e i propri rispettivi ruoli al suo interno, ciò che comporta essere indagati, formulare un’accusa, impostare una difesa; infine come si svolge l’ultima fase dibattimentale. Il tutto facendo riferimenti alle grandi inchieste italiane quali: il maxi processo alla mafia e la famigerata “Mani Pulite”. I due giuristi hanno potuto chiarire i diversi interrogativi sorti durante il dibattito, precisando in maniera obiettiva il difficile quadro giudiziario e sociale nel quale le inchieste hanno preso corpo. In particolare il pubblico ministero Proto, parlando del maxi processo, ha spiegato il difficile iter che il processo stesso ha dovuto affrontare, in relazione anche all’applicazione del “nuovo” codice di procedura penale, entrato in vigore nel 1989 quando il processo si era già ampiamente sviluppato, ma che prevedeva ruoli giuridici diversi da quelli previsti nel precedente ordinamento. Per esempio: l’abolizione della “figura” del giudice istruttore. L’avvocato Maruzzi ha trattato invece un altro aspetto interessante, che di fatto costituisce un tassello fondamentale per la difesa, la testimonianza e per qualsiasi altro fattore che possa essere utile all’indagine: l’ambito emotivo. Le emozioni che una situazione suscita in una persona in un determinato momento e in un determinato luogo sono imprescindibili per avere un quadro completo e chiaro di una vicenda; quindi un professionista che si rispetti ha il compito di valutare e vagliare ogni singola informazione.

Le tematiche trattate nella conferenza di sabato sono incredibilmente attuali e meriterebbero un pubblico numeroso, iniziative di questo tipo contribuiscono alla consapevolizzazione dei cittadini e all’apprendimento di un valore che il senso comune reputa ormai troppo lontano: la giustizia.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013