Skip to main content

Il libro “Disuguaglianze. Quante sono, come combatterle”, degli economisti Maurizio Franzini e Mario Pianta (Laterza, 2016), presentato recentemente alla Biblioteca Ariostea di Ferrara per iniziativa di Istituto Gramsci, Istituto di Storia contemporanea e Spi-Cgil, richiama l’attenzione su un problema certamente non nuovo, ma sempre più grave. È sconcertante sapere che oggi la ricchezza posseduta dall’1 per cento più ricco della popolazione mondiale è uguale a quella del restante 99% dell’umanità (Oxfam, 2015), ma questa è solo la dimostrazione più clamorosa di una palese ingiustizia.

I fattori sono tanti, come dimostrano con dovizia di esempi Franzini e Pianta: da quelli macroeconomici – i rapporti tra gli Stati – a quelli, per citare Gramsci, molecolari, che riguardano i rapporti tra le persone. Fattori riassumibili in quattro grandi cause : il crescente potere del capitale sul lavoro, l’affermarsi di un capitalismo oligarchico; l’individualizzazione nei rapporti di lavoro e la concorrenza tra lavoratori; l’arretramento della politica sul fronte della riduzione delle disuguaglianze.
Oggi un mare di dati smentisce l’assunto del pensiero dominante secondo cui la disuguaglianza economica è la condizione necessaria per raggiungere gli obiettivi della crescita e dell’efficienza di mercato. Cito dal libro di Franzini e Pianta: l’Ocse, nel 2015, ha scritto in un suo rapporto che “la crescente disuguaglianza è un male per la crescita a lungo termine”, raccomandando i governi a comportarsi di conseguenza. Il Fondo monetario internazionale, in un recente studio, ripropone questa tesi, affermando che “la redistribuzione (della ricchezza, ndr) appare generalmente benigna in termini di impatto sulla crescita”.

In poche parole, se una massa enorme di persone non ha di che vivere o vive male, quale mercato può mai essere alimentato? Quale produzione umana potrà mai essere incentivata? E, se ci spostassimo ai rapporti tra gli Stati, se una notevole parte di essi è economicamente sfavorita negli scambi, quale crescita può mai essere conseguita? Dunque, la diseguaglianza è un potente fattore di destabilizzazione economica, sociale, culturale. Sì, perché le sue conseguenze investono tutta intera la nostra vita. Se sei povero, mangi male, non puoi istruirti, né curarti, non puoi aspirare ad avere una famiglia, né una casa ed un lavoro dignitosi: sei in balia dei flutti dell’esistenza, di regole dettate da altri, in una società dove prosperano pochi privilegiati. Questo è un primo, fondamentale punto fermo ideale per chiunque non tolleri la disuguaglianza. E ciò richiama alla mente quale soggetto possa oggi efficacemente contrastare lo stato di cose esistente e battersi per ottenere cambiamenti, anche parziali. Senza farsi illusioni, poiché parliamo di una sfida mondiale, che la finanziarizzazione del capitale ha reso assai difficile per chi vuole sedersi dalla parte del torto, per dirla con Brecht. Penso che ridurre al massimo possibile la disuguaglianza possa e debba ancor più, nei suoi vari aspetti, diventare una permanente rivendicazione di movimenti e di parti importanti della società.

Non parlo, per stare in Italia, dei partiti politici che stanno dominando la scena: li vedo incapaci di assumere questa responsabilità. Parlo invece, e per esempio, del sindacato (in particolare della Cgil) che a livello nazionale (ed europeo) dovrebbe fare della costante lotta alla disuguaglianza e della forte richiesta di politiche economiche riparatrici nei confronti della parte più debole della società uno dei baluardi della propria azione, ora e per i prossimi anni.

tag:

Franco Stefani

Franco Stefani, giornalista professionista, è nato e vive a Cento. Ha lavorato all’Unità per circa dieci anni, poi ha diretto il mensile “Agricoltura” della Regione Emilia-Romagna per altri 21 anni. Ha scritto e scrive anche poesie, racconti ed è coautore di un paio di saggi storici.

Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it