8 Marzo 2021

L’8 marzo è anche la giornata delle nostre infermiere.

Riceviamo e pubblichiamo

Tempo di lettura: 3 minuti

 

Sanita’ Nursing Up De Palma: «8 marzo è anche la giornata delle nostre infermiere: professioniste, madri e mogli, sostegno per i pazienti e perno delle famiglie»

Il Presidente del Sindacato Infermieri Italiani: «Le più esposte al rischio, stanno pagando più di tutti in termini di contagi e di vite umane durante questa pandemia»

ROMA 8 mar 2021 – «La giornata dell’8 marzo non deve offrirci una banale occasione di celebrazione “una tantum”, che sminuirebbe il valore della figura della donna, a cui ognuno di noi deve riconoscere, e non certo solo oggi, un contributo fondamentale e indispensabile nella società moderna, più che mai in un delicato frangente come quello della pandemia.

Ad un anno esatto dall’inizio dell’emergenza, lo confermano i dati del dossier Inail, emerge in modo chiaro, nel nostro settore, quello della sanità, che sono state e continuano a essere le infermiere italiane la categoria di professioniste che stanno pagando maggiormente “sulla propria pelle” l’impatto quotidiano con il virus.

Così Antonio De Palma, Presidente Nazionale del Nursing Up, Sindacato Infermieri Italiani, ci invita a riflettere su quanto sta accadendo.

«Le nostre infermiere, ogni giorno “in trincea” come soldatesse senza paura, rappresentano infatti l’81% dei casi di contagio tra gli operatori sanitari. Ma tutto questo non può e non deve sorprenderci, visto che su 445.550 infermieri iscritti all’ordine (dati Fnopi 2020), ben 341.494 sono donne. Le nostre professioniste della sanità però stanno anche pagando lo scotto della battaglia contro il covid in termini di vite umane: visto che, per quanto riguarda i decessi, la categoria più colpita è sempre quella dei tecnici della salute, con un caso ogni quattro denunce: e la stragrande maggioranza di quel 70% di decessi riguarda le nostre infermiere.

E se quindi, più che mai, appare chiaro che la figura della donna riveste un ruolo chiave nella realtà infermieristica nazionale, è lecito chiedersi in cosa il nostro sistema sanitario sia palesemente deficitario oggi, in termini di valorizzazione contrattuale e ovviamente anche in termini di organizzazione e sicurezza quotidiana per le nostre infermiere esposte costantemente al rischio contagio.

Solo analizzando a fondo le innumerevoli manchevolezze di un “impianto” che fa acqua da tutte le parti e che di certo non ha saputo offrire alle donne della sanità gli strumenti adeguati per affrontare l’immensa sfida a cui sono state chiamate un anno fa, arriveremo a comprendere quali strategie occorre adottare per proteggere le nostre infermiere, per sostenerle, per fare in modo che siano sempre di più il perno della nostra sanità, perché in grado di offrire al paziente, oltre che esperienza, immense qualità umane, oltre che professionali.

E se da un lato il Governo ha il dovere, con gli strumenti giusti, di colmare il gap lavorativo che ancora le donne vivono rispetto agli uomini nella società moderna, va ricordato che le nostre infermiere, impegnate in questa battaglia in prima linea per salvare vite umane, sono anche madri e mogli. E in questa pandemia, da qualche parte, c’è un uomo che perso una compagna di vita e c’è chi ha perso una mamma per sempre. A loro va il mio pensiero oggi, alle infermiere che non ci sono più, ma anche a quelle che ancora combattono e che si fanno carico ogni giorno dell’impegno quotidiano di una famiglia e non solo dei nostri malati».

 



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

Ti potrebbe interessare:

  • Teatro a passi sospesi nelle carceri di Venezia: un incontro, un video, una mostra fotografica.

  • Parole a capo
    Elena Vallin: “Lavoro quotidiano” e altre poesie

  • Disagio: gli studenti chiamano, la politica non risponde. Una proposta di legge sulla salute mentale delle ragazze e dei ragazzi 

  • 22 marzo: Giornata Mondiale dell’Acqua…
    sempre più scarsa, sempre più privata

  • vite di carta cavalieri medioevo

    Vite di carta /
    Purché lettura sia

  • volgarità capra

    Dalla parte della capra
    (e delle donne nate nell’anno 2000)

  • Parole e figure /
    Che magnifica giornata!

  • ACCORDI
    L’introspezione onirica dei War On Drugs

  • Immigrazione e demografia
    Tre passi per gestire i problemi

  • Parco Urbano e concertone: il caso non è chiuso

L'INFORMAZIONE VERTICALE

CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it
Periscopio
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013

Seguici: