Skip to main content

 

Sanità. Domenica 30 maggio si celebra la Giornata nazionale del sollievo, l’impegno dell’Emilia-Romagna tra rete della terapia del dolore e delle cure palliative, formazione e informazione. Donini: “Nonostante la pandemia sono aumentate le consulenze e le cure domiciliari, grazie a chi, dai medici ai volontari, ci ha permesso di non lasciare nessuno indietro”.

Regione precorritrice, oltre 25 anni fa, con la legge sull’assistenza a domicilio dei malati terminali, sul territorio oggi oltre 300 posti letto in 23 strutture riservati alle cure palliative. Distribuzione di materiale informativo, pubblicazione di video, open day, attivazione di linee telefoniche dedicate: tutte le iniziative del servizio sanitario regionale in programma sui territori. L’assessore, nel ruolo di coordinatore commissione Salute della Conferenza delle Regioni, oggi ospite a un convegno con il ministro Speranza per le celebrazioni nazionali.

Bologna – Non soltanto un dovere etico, ma l’esempio di una buona pratica clinica, perché oggi è noto che il dolore severo costituisce una vera e propria malattia nella malattia che influisce pesantemente sulla vita delle persone con effetti negativi sulla sfera psicologica ed emotiva, tanto quella del paziente quanto quella di chi gli è caro.

Da più di 25 anni fa, quando fu precorritrice a livello normativo con la legge regionale sull’assistenza a domicilio dei malati terminali, fino a oggi, con una offerta residenziale per le cure palliative tra le prime tre in Italia con oltre 300 posti letto in 23 differenti strutture, la Regione Emilia-Romagna ha sempre riconosciuto un ruolo centrale all’interno del proprio sistema di cura alla terapia del dolore, che domenica 30 maggio viene celebrata in tutto il Paese con la “Giornata nazionale del sollievo”.

Un evento di fondamentale importanza, perché a oltre dieci anni dall’approvazione della legge nazionale in materia la maggior parte dei cittadini ignora ancora questa possibilità: secondo gli ultimi dati disponibili dell’Osservatorio per il monitoraggio della terapia del dolore e delle cure palliative, in Italia solo il 45% delle persone conosce la normativa, oltre il 65% non è consapevole che le strutture sanitarie sono obbligate a misurare e riportare il dolore e il 40% non è a conoscenza delle cure attuabili, anche se la quasi totalità delle sindromi dolorose sono trattabili.

“In Emilia-Romagna abbiamo da sempre dedicato il massimo impegno alla terapia del dolore, da quando nel 1994 per primi in Italia abbiamo dedicato una legge alle cure palliative, perché il nostro sistema sanitario si occupa di persone, e non di pazienti- dichiara l’assessore alle Politiche per la salute, Raffaele Donini-. Questa attenzione di lunga data ci ha portato oggi ad essere tra i territori in Italia con più strutture e posti letto dedicati alle cure palliative, un primato che ha ancora più valore nell’ultimo anno segnato dalla pandemia: nonostante il massimo impegno a contrastare il Covid, il personale della nostra sanità, con il fondamentale supporto del terzo settore, non ha lasciato indietro nessuno. Anzi- continua Donini-, sono aumentate le consulenze palliative sia negli ospedali che nelle Cra, anche in favore di pazienti affetti da Coronavirus, le cure domiciliari sono incrementate e sono state anche introdotte nuove modalità di monitoraggio giornaliero grazie alla tecnologia. Voglio ringraziare di cuore- conclude l’assessore- tutti coloro che, dai medici agli infermieri passando per i volontari, permettono a chi soffre e ai loro cari di vivere le malattie, anche le più gravi, con la massima dignità e la migliore assistenza”.

Informazione e formazione: le iniziative per la Giornata del Sollievo in Emilia-Romagna:

Ecco quindi perché nelle Aziende sanitarie e ospedaliere dell’Emilia-Romagna questo fine settimana, e non solo, è dedicato a iniziative di informazione sulle cure palliative e le terapie antalgiche: si va dalla distribuzione di materiale informativo sul dolore e le conseguenti terapie a una presentazione, a Codigoro in provincia di Ferrara, sul giardino terapeutico, cioè un ambiente favorevole al riposo mentale, alla riduzione dello stress, al recupero emozionale e al potenziamento di energia mentale e fisica; da veri e propri open day del reparto di terapia antalgica dedicati al dolore cronico (succede sia a Ravenna che a Bologna) alla realizzazione e pubblicazione di video, realizzati dall’Istituto di riabilitazione di Montecatone e dal Policlinico Sant’Orsola di Bologna, su quei comportamenti quotidiani che possono essere efficaci per migliorare la qualità della vita, fino all’attivazione, a cura sia dell’Ausl della Romagna che dell’Aosp di Bologna, di una linea telefonica specifica a cui chiedere informazioni sul dolore cronico e sulle terapie possibili.

A Parma, l’iniziativa congiunta di Azienda sanitaria e Ospedaliera prevede la distribuzione di cartoline informative a pazienti, caregiver e dipendenti, sia nei reparti, sia negli Hospice territoriali. Anche a Meldola (Fc), l’Istituto Scientifico Romagnolo per lo Studio dei Tumori “Dino Amadori” Irst Irccs in questi giorni sta consegnando opuscoli informativi sulle cure palliative e contro il dolore ai pazienti ricoverati, spiegando il servizio e come attivarlo in caso di necessità, e volantini esplicativi sulla rete provinciale di cure palliative saranno diffusi domenica nel punto vaccinale di Modena, per iniziativa dell’Ausl. In campo anche l’Aosp di Ferrara, con varie iniziative informative studiate su specifici target, come ad esempio le donne in gravidanza per le quali saranno a disposizione gli anestesisti dedicati al percorso della partoanalgesia dell’ospedale S. Anna.

Maggiori dettagli su queste e altre iniziative in calendario sono disponibili sui siti delle Aziende sanitarie e ospedaliere.

La Regione sarà poi protagonista anche delle celebrazioni a livello nazionale: l’assessore Donini, nel suo ruolo di coordinatore della commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, parteciperà infatti oggi stesso al convegno ufficiale per la Giornata del sollievo promosso dal ministero della Salute, insieme al ministro Roberto Speranza e ai più qualificati esponenti in materia, sia dal mondo della medicina che del Terzo settore.

A queste giornate di sensibilizzazione, il Sistema sanitario regionale affianca durante tutto l’anno una costante attività di formazione del personale: dai corsi per specialisti all’interno dei master per le cure palliative a quelli per i medici di medicina generale nei loro percorsi di formazione fino ai seminari specifici per gli studenti di medicina. In Emilia-Romagna, infatti, la cura del dolore è un impegno di tutti i servizi sanitari e sociosanitari e specifiche terapie palliative vengono assicurate in ospedale, in case di cura, in assistenza domiciliare, in strutture residenziali. I prossimi corsi a partire saranno quelli on-line organizzati dal Policlinico Sant’Orsola di Bologna, già nel mese di giugno.

I numeri della terapia del dolore e delle cure palliative in Emilia-Romagna:

Nel 2019 sono stati 1.149 in totale i ricoveri con terapia antalgica effettuati nelle strutture pubbliche dell’Emilia-Romagna, con 989 pazienti coinvolti. Il maggior numero di ricoveri si sono registrati nell’Azienda sanitaria di Imola (254 comprensiva dell’attività di Montecatone Rehabilitation Institute), a seguire l’Azienda ospedaliera di Parma (227) e quella di Modena (155, e nel territorio si devono aggiungere anche i 26 ricoveri dell’Asl).

Da Piacenza a Rimini sono state 29.084 le persone a ricevere una visita antalgica: ne sono state effettuate in totale 48.053, di cui 28.329 prime visite e 19.724 di controllo.

Il numero maggiore di visite è stato effettuato dall’Asl della Romagna (13.388), poi a Bologna (8.611 tra Asl, Aosp e Istituto ortopedico Rizzoli) e Parma (8.170 tra Asl e Aosp).

L’attività interventistica erogata nella disciplina anestesiologica ha raggiunto quota 34.763 prestazioni per 12.337 pazienti. Nelle strutture dell’Asl Romagna sono state 10.441, 6.301 a Piacenza e 5.480 a Bologna (sempre considerando Asl, Aosp e Ior).

Nel 2020, un anno inevitabilmente segnato dalla pandemia, in Emilia-Romagna i pazienti oncologici e non oncologici presi in carico dalla rete di cure palliative e assistiti al domicilio sono stati 16.843, mentre i ricoveri in hospice sono stati 5.418 e in regime ambulatoriale sono state fatte oltre 6600 visite.

 

tag:

REGIONE EMILIA-ROMAGNA


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it