Skip to main content

Il mio disgraziato fratello…

I.

Il mio disgraziato fratello ha sempre avuto tante pretese nella vita, e da piccolo non mi lasciava mai in pace a volermi raccontare tutte le sue storie e sogni di ragazzo. Io non sapevo neanche di cosa parlasse, ma per calmarlo facevo quella funzione di ascoltare i suoi discorsi e di applaudirlo, in quanto ero il fratello minore. Erano bei discorsi ma un po’ lunghi, mettiamo sui transatlantici che attraversano l’equatore e gli viene il mal di mare, oppure sulle isole Molucche che un giorno gli casca addosso un monsone. Oppure sugli esploratori che vanno a esplorare i ghiacci del polo. Ma quello che gli piaceva di piú erano le avventure nei sette mari, con le giunche cinesi che vanno all’arrembaggio e poi un certo signor Jim che corre via su un’isola deserta piena di cannibali che lo vogliono fare arrosto. Il fratello la sua idea sarebbe stata di partire un bel giorno per Singapore e portarmi me come aiutante indigeno. Per questo dovevo obbedirlo e star zitto quando parla, perché mi diceva: tu non vai lontano senza di me. Mi reputava poco abile a sbrigarmela da solo casomai mi trovassi in un deserto di leoni o nella steppa accerchiato dai tartari.

Mi pronunciava certe arringhe sul polo nord e sud, per via dei libri di avventure scientifiche che si leggeva avidamente quando dal padre scacciato in soffitta, e intanto si tirava un manichetto. Forse dovevano nuocergli al cervello l’una e l’altra cosa? Credo di sí. Infatti gli è venuto il ticchio di spacciarsi per Michele Strogoff, come il Michele Strogoff corriere dello zar del celebre romanzo.

II.

Il cugino dalla testa rossa sapeva tante cose a me sconosciute, però alcune che sapevo io lui non le sa. Per esempio non aveva mai imparato a dire porcherie, e si stupiva felicissimo di quella scoperta a sentirne dire tante da me senza nessuno sforzo. A me i discorsi sporchi venivano in bocca spontaneamente, senza neanche pensarci su, e per chi amasse quella musica potevo farla durare per ore e ore […] Un altro divertimento che gli ho insegnato era questo. Andavamo in chiesa e nel confessionale dicevamo: padre voglio confessarmi. E quando il prete chiede i peccati, noi fabbricavamo una storia secondo il nostro stile preferito, ossia stile sporco lurido con tante avventure di mutande e cosce e giarrettiere che ci venivano in mente. Cosa che il padre sacerdote a sentirla, voleva da noi il massimo pentimento per non restare noi bacati per la vita. Erano solo invenzioni però, e quando ce ne inventavamo una bella allora correvamo in un’altra chiesa e gliela dicevamo a un altro prete, con piú particolari scabrosi aggiunti.  […]
Dopo due o tre chiese fatte in confessione, avevamo una storia lunga come un vero romanzo di avventure porche. E il cugino se lo stava a rimuginare nell’estasi per una settimana.

III.

Quando le due amiche non mi portavano piú con loro alla domenica io andavo ai comizi con lo zio d’Australia, che era anche piú divertente. Federico e la madre questo non dovevano saperlo, essendo contrari alla politica, ma noi lo tenevamo segreto. E andavo a mangiare dallo zio d’Australia e poi alla mattina o al pomeriggio a sentire un comizio o un discorso in piazza, che ce n’erano sempre. Quei discorsi non ci capivo niente, ma era divertente lo stesso. Perché se erano discorsi giusti, cioè di un vero comunista, allora tutti battevano le mani urlando dalla soddisfazione di sentire cose giuste e ben dette. Se erano invece discorsi sbagliati di qualche nemico servo del governo, allora il pubblico gli diceva certe battute spiritose all’oratore che c’era da crepar dal ridere, e poi non la smettevamo piú. Lo zio d’Australia si andava a mettere sotto il palco e voleva sempre interrompere un oratore del governo che sbaglia. Quando non sapeva cosa dire gli chiedeva: scusi potrebbe ripetere? Oppure delle volte intanto mettiamo che un oratore di nome Casarini stava parlando con grandi gesti per far propaganda al governo, come un governo ottimo che ama il popolo, lo zio si metteva a urlare di colpo: Casarini è chiamato al telefono.
Che quello restava confuso, doveva interrompere la propaganda. I seguaci dell’oratore cercavano di farlo tacere lo zio, ma lui non accetta ordini da nessuno, se è un servo dei padroni.

IV.

C’è anche il cugino dalla testa rossa da ricordare in questo periodo, perché anche lui era nello stesso periodo della giovinezza che ognuno comprenderà molto bene, avendolo attraversato. È un periodo di stravaganze, che vengono nella testa, e uno si preoccupa avendoci per esempio una faccia tutta storta con la bocca larga come un forno, perché si dice: come andrà a finire? E va a finire che si diventa lunghi mezzi scemi, sia per la tara di famiglia ereditata dal padre, sia per gli avvenimenti che succedono. E questo è il famoso sonno della giovinezza quando si fanno tanti sogni, e poi qualcuno riesce a svegliarsi e altri no.

Gianni Celati, La banda dei sospiri, Feltrinelli, Milano pp. 7, 79-80, 87-88, 126

Per leggere tutti i testi di Gianni Celati su questo quotidiano, clicca [Qui]

Puoi visitare l’esposizione NEL MIO DESTINO DI DISAVVENTURE PERPETUE: OMAGGIO A GIANNI CELATI presso la Biblioteca Bertoldi di Argenta fino al 31 gennaio 2022.

tag:

Redazione di Periscopio


PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it