Skip to main content

Squilla il telefono, è l’ora di un sacrosanto riposino postprandiale, ma soprattutto è l’ora del mascalzone il quale ha deciso di farmi morire incazzato: è l’uomo o la signorina alla corte dei grandi speculatori, tardi epigoni e sfruttatori di Bell e di Meucci, è il soldato del call center al quale è stato comandato dal padrone di chiamarmi tutti i giorni, alle ore del pasto e della cena, per cercare di rubarmi al concorrente di telefonia, ovvero di farmi abbandonare la società che mi fornisce l’energia elettrica, e poi quella del gas, e poi quella dell’acqua. Il fatto è che la chiamata telefonica viene fatta in automatico, cioè il mio numero viene inserito nel computer, il quale come tutti i computer non capisce niente, lui esegue, e alla tal ora di tutti i giorni chiama, anzi mi chiama per nome: “il signor Gian Pietro?” e io tutti giorni, mattina e sera, mentre sto infornando un boccone quasi sempre soltanto di formaggio, inutilmente gli urlo “non c’è, è morto!” Torno a tavola , non piango perché mi hanno insegnato che un uomo non piange (chissà perchè), ma il nervoso mi impedisce di deglutire, tanto che ho pensato di lanciare questa mia dieta come cura dimagrante, sostituendola alla dieta mediterranea troppo calorica. Sto esagerando, ma non tanto, in questo fenomeno della telefonia che sta mangiando il cervello della gente, Ferrara non è diversa da qualsiasi altra città italiana o straniera, tutti hanno il telefonino in mano, i rifugiati eventualmente non mangiano, ma il telefonino lo usano di continuo e le prossime generazioni si prevede nascano con una sorta di apparecchio telefonico inserito nell’orecchio…
Mi sono lasciato trasportare dal mio odio per il telefono, chiedo scusa, torno alla nostra città la cui bellezza (sto parlando seriamente) a volte mi toglie il fiato: quando in primavera, prima ancora che fioriscano i tigli inondando del loro stordente profumo la città, prima di quiesti giorni magici, dicevo, se sono triste prendo l’adorata bicicletta e vado: via Scienze, via Saraceno, Borgo di Sotto, Santa Maria in Vado, palazzo Schifanoia. In Borgo di Sotto, di solito, mi fermo un attimo davanti all’Oratorio dell’Annunziata, ovvero della Morte, un gioiello quasi sconosciuto alla maggior parte della cittadinanza, con opere, tra gli altri, del Bastianino, un gioiello lasciato alla rovina, qualsiasi altra città ne avrebbe fatto luogo di culto turistico. Non chiedete questo sforzo a Ferrara, fa già molto a ricordarsi di Palazzo Schifanoia e della Sala dei Mesi, che tanti anni fa definii “la cappella Sistina della laicità”.

Oltrepasso corso Giovecca, le antiche immagini si accumulano nel cervello , ma a me sembrano sempre nuove. E commoventi. Ecco piazza Ariostea, poi, svolto giù per via delle Erbe e mi immetto in quella zona agricola credo unica al mondo, in mezzo alla città un’oasi dove si coltivano mele, pere, albicocche, pomodori, in un batter d’occhio sono in mezzo alla campagna padana: prendo lo stradellino che porta alle Mura, qui un tempo chiamate i “camatùn”, e proseguo fino alla “Casa del boia”, da dove lo sguardo percorre via Piopponi e via Ercole d’Este che Lord Byron definì, senza sforzarsi nell’esagerazione, la strada più bella del mondo. Dalla casa del boia si domina un bel pezzo di città, ma non si arriva a vedere, per fortuna, il palazzo degli Specchi, uno degli scandali edilizi (e non soltanto) più imbarazzanti dell’ultimo secolo, un rottame di cui la città non ha mai capito il possibiile uso. Ma, aggiungo, non imbarazzante quanto il nuovo ospedale Sant’Anna, costruito sulle sabbie mobili, troppo lontano dalla città, soprattutto per i suoi clienti più anziani e per i loro parenti, con e senza auto. Per chi ha la macchina diventerà un salasso. E gli altri in autobus, senza fretta: ma si sa, chi va all’ospedale è soltanto per una gita di piacere. Avevano detto: ferraresi tranquilli, andrete all’ospedale con la metropolitana di superficie. Mettimoci il cuore in pace: Sant’Anna non fa questi miracoli, anche se è riuscita a moltiplicare i miliardi, moderni pani e pesci (anche sotto forma di parcheggi a pagamento) di Gesù Cristo.

tag:

Gian Pietro Testa


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Cari lettori,

dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “giornale” .

Tanto che qualcuno si è chiesto se  i giornali ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport… Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e riconosce uguale dignità a tutti i generi e a tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia; stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. Insomma: un giornale non rivolto a questo o a quel salotto, ma realmente al servizio della comunità.

Con il quotidiano di ieri – così si diceva – oggi “ci si incarta il pesce”. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di  50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle élite, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

La redazione e gli oltre 50 collaboratori scrivono e confezionano Periscopio  a titolo assolutamente volontario; lo fanno perché credono nel progetto del giornale e nel valore di una informazione diversa. Per questa ragione il giornale è sostenuto da una associazione di volontariato senza fini di lucro. I lettori – sostenitori, fanno parte a tutti gli effetti di una famiglia volonterosa e partecipata a garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano che si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori, amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato 10 anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato Periscopio e naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale.  Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 

Oggi Periscopio conta oltre 320.000 lettori, ma vuole crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it