Tag: The money will roll right in

NATALE E DINTORNI:
The money will roll right in

Una strana nausea mi perseguita ormai da giorni: è la fantasmagorica nausea provocatami dal folle dibattito sul fottutissimo natale.
Ogni anno penso a come – ogni anno – il mio disgusto per questa ricorrenza aumenti sempre più e, incredibile: pure quest’anno la mia insofferenza è aumentata di nuovo.
Quest’anno – si dice – il natale sarà diverso dal solito e purtroppo sappiamo tutti perché.
Tuttavia, il vero motivo della mia nausea potenziata non è tanto il natale in sé.
La causa vera e propria è solo una: il dibattito sullo shopping natalizio in piena pandemia.
È certamente vero che i soldi sono tanti – milioni di milioni – ma è più forte di me: mi chiedo come si possa desiderare con così tanto ardore l’acquisto di svariate puttanate da scambiarsi con parenti, congiunti, serpenti ecc.
Capisco tutto, questa vita è piena di insidie, ansie varie, disguidi, oneri orribili e ok, il santo natale può essere un momento di pace e rilassatezza grazie anche alle suddette puttanate comunemente dette “regali di natale”.
Però è più forte di me, sarò spartano, frugale, forse anche solo fancazzista o boh, stronzo e basta ma: negli anni ho visto persone che perdevano neuroni, cellule epatiche e tanto altro ancora solo per comprare i merdosi regali di natale.
C’è gente che ci pensa già a luglio, per dio.
Davvero si può vivere così?
Davvero, noi cittadini – ma prima di tutto consumatori – saremo autorizzati dai nostri governanti a fiondarci sotto natale presso vari affollatissimi esercizi per far girare la merdosissima economia?
Boh.
Come al solito io spero vivamente che questa carnevalata salti per aria.
Temo però che nemmeno questo strano periodo storico in cui ci siamo ritrovati sia sufficiente a far saltare il baraccone, un po’ com’è successo con quell’altro baraccone che è la serie A.
So bene che per molti questo mio paragonare il natale alla serie A possa suonare un po’ blasfemo ma è inutile girarci attorno: oltre alle mie palle l’unica altra roba che gira sono dei gran soldi.
Buona settimana a tutti e W Gesù Bambino, cordiali saluti.

The money will roll right in (Nirvana, 2009)

Grazie per la compagnia

Siamo appena entrati in una nuova settimana, una nuova settimana che per me – ma a quanto pare anche per tanti altri – sarà un po’ più vuota rispetto alle ultime.
Questa settimana, infatti: niente partite del mondiale di calcio femminile, è finita e se ne riparlerà fra un bel po’.
Leggo in giro che è stato un successone ma io posso parlare principalmente per me e dunque, parlando per me, devo dire che sono letteralmente impazzito.
Ammetto di aver sempre guardato il calcio in modo abbastanza imbecille, così, andando un po’ a simpatia.
Ammetto anche di non aver mai tifato la nazionale proprio per quel motivo lì: per me, da quando me la ricordo, ha sempre avuto delle gran carenze di simpatia.
Tuttavia, dalla prima partita di questa nazionale, ho sentito il mio radar della simpatia perennemente sul rosso.
Sarà stata questa vaga somiglianza della Bertolini con la mia prof. preferita negli anni dell’università, saranno state le cose che diceva nelle interviste, sarà stato il suo piglio a bordo campo e in spogliatoio ma per tutto giugno e luglio mi sono letteralmente trasformato in Fantozzi.
Ho iniziato a mandare a cagare un sacco di gente in varie occasioni, ho iniziato ad andarmene via durante importanti eventi mondani per tornare a casa e piazzarmi sul divano, carico duro con la mia bella brocca di acqua piazzata sul tavolino, a tifare questa grande nazionale che sembra aver conquistato grandi e piccini.
Sono anche arrivato a litigare con dei baristi perché nei loro bar si rifiutavano di sintonizzare i loro possenti apparecchi televisivi sulle partite.
Non che chiedessi Brasile – Giamaica o Francia – Nigeria ma almeno le partite delle nostre, porca vacca.
A quel punto ho dunque deciso di boicottare i suddetti bar e organizzare minuziosamente tutti i miei impegni – quando possibile – in base alle partite del torneo.
Sono quindi riuscito a guardare tutti gli incontri delle nostre – e tante delle altre – arrivando a imparare a memoria tutta la rosa delle convocate per poi farmi dei gran vaggi sui cambi, sul rendimento ecc., insomma, tutte quelle cose che a Collovati fanno voltare lo stomaco (cit.) se escono dalla bocca di una donna e – immagino – anche da quella di un imbecille come me.
Conscio della mia imbecillità, non arriverò allora a sbandierare le mie valutazioni tattiche, le mie dissertazioni sulle differenze fra calcio maschile/femminile o – peggio ancora – lanciarmi in un estemporaneo pamphlet su questioni di genere.
Mi limiterò a dire che mi sono divertito come non mi divertivo da anni guardando della gente che corre dietro a una palla.
Così, anche dopo che Giacinti, Giuliani, Linari e compagnia sono state mandate a casa dall’Olanda ho proseguito con la mia routine fantozziana.
Ammetto che anch’io il 29 giugno mi sono fatto un piantino ma questo non mi ha impedito di continuare a esaltarmi coi numeri di Blackstenius e Asslani, di continuare a indignarmi per la gratuita sbruffoneria delle giocatrici americane e niente, mentre scrivo queste righe sono ancora incazzato per la sfiga che hanno avuto le giapponesi a uscire in quel modo.
Adesso, forse, inizierà davvero qualcosa di nuovo.
Di sicuro arriveranno più soldi non si sa bene da dove e non si sa bene dove.
L’unica cosa che mi auguro è che quei soldi, finiscano dritti nelle tasche di chi rincorre la palla, magari pareggiando col trattamento economico dei colleghi maschi.
Spero però anche che – come accade spesso coi soldi – non arrivi troppa merda.
Perché, come dice un antico proverbio teutonico: il diavolo caga sempre sul mucchio più grosso.
A questo punto, allora: grazie per la compagnia e via col pezzo della settimana.

The money will roll right in (Fang, 1982)

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013