Tag: resistenza europea

IL LIBRO DELLA MIA COSCIENZA
Lettere di condannati a morte della resistenza europea

Oxford, 26 aprile 2020
L’ANPI di Copparo mi ha chiesto di fare un video di due minuti su cosa significhi il 25 aprile per me. Per ricordare questa data, il mio personalissimo rito laico consiste nel riprendere in mano un libro straordinario, Lettere di condannati a morte della resistenza europea, pubblicato per la prima volta in Italia da Einaudi, nel 1954. L’epistolario contiene alcuni dei testi politici e morali più eloquenti che siano mai stati scritti: alcuni da persone “che hanno letto un milione di libri” (De Gregori), la maggioranza da chi non aveva mai scritto nulla prima di allora. Sono testi immediati, spesso scritti poche ore prima della fucilazione, che raccolgono l’essenza di una vita, del proprio credo politico o religioso, dignitosi, fermi, struggenti, ma senza rimpianti. Non è certo la quantità e qualità di istruzione, oppure altre variabili socio-economiche, che distinguono coloro che si sono opposti al nazifascismo. Rischiare la propria vita per difendere la libertà è una scelta etico-morale difficilissima, ma cui non possiamo sottrarci se vogliamo continuare ad essere persone degne di questo nome, ci dicono i condannati a morte della resistenza europea.

Questo libro mi accompagna sin da bambino. Quando l’ho visto per la prima volta sugli scaffali della biblioteca di mio padre, nell’edizione originale con la copertina rossa, nella collana dei Saggi. Lo ritrovavo poi sugli scaffali di moltissime case che mi capitava di frequentare da adolescente, a Ferrara come a Firenze, a Viareggio come Roma. Questo testo è la mia coscienza, una voce che non è sempre facile ascoltare, ma che mi ricorda quello che conta al momento giusto. Ovviamente ne ho possedute molte copie, sparse oggi nei luoghi dove ho vissuto negli anni che mi separano dalla mia infanzia ferrarese. Oggi leggo Lettere in un’edizione tascabile, del 1995, che per fortuna ho nella casa inglese, dove sono in quarantena.

A pagina 515 si trova la biografia di Pietro Benedetti, ebanista di 42 anni, militante politico antifascista, commissario politico della Zona I di Roma dopo l’8 Settembre, processato due volte nel 1944, prima condannato a 15 anni e poi a morte in un processo farsa, che snatura l’essenza del diritto e della legge, condotto dalle SS e durato pochi minuti. Benedetti viene fucilato il 29 aprile 1944 da un plotone di esecuzione della polizia italiana.
Nella lettera, struggente, Ai miei cari figli, datata 11 aprile 1944, Benedetti esorta ad amare lo studio e il lavoro. Scrive: “una vita onesta è il miglior ornamento di chi vive.” E poi aggiunge: “Amate le libertà e ricordate che questo bene deve essere pagato con continui sacrifici e qualche volta con la vita.” La frase che più mi ha colpito quest’anno è la seguente:
“Dell’amore per l’umanità fate una religione e siate sempre solleciti verso il bisogno e le sofferenze dei vostri simili …Amate la madrepatria, ma ricordate che la patria vera è il mondo, e ovunque vi siano vostri simili vi sono vostri fratelli.”

Ecco, per me questa è l’essenza del 25 aprile nell’anno 2020: la solidarietà che supera i confini, le classi sociali, i luoghi di appartenenza, i generi. È la solidarietà nella lotta contro un nemico comune, un valore che alla fine salverà il mondo.
In questo periodo stranissimo, con molti di noi confinati a casa e altri che lavorano in ospedali e servizi pubblici, questo messaggio è fondamentale. Contro ogni razzismo, ogni nazionalismo gretto, contro slogan come ‘Italians first’ o financo ‘Ferraresi first’, contro principi che privilegiano il luogo di nascita al bisogno (vedi la vicenda dei buoni spesa a Ferrara), la solidarietà mondiale è il bene supremo. Questa lettera ci ricorda che la resistenza non è solo un evento storico, ma ha un significato universale. Nella fine di quelle donne e di quegli uomini è il nostro principio. Lettere di condannati a morte della resistenza europea continua ad essere il libro politico fondamentale per la nostra epoca.

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013