Tag: allegria

L’allegra pazzia del vino

È del celebre Dioniso o, per chi preferisce, di Bacco, il merito di aver inventato il vino. Bevanda che venne ottenuta casualmente dal figlio di Zeus, quando un caldo giorno d’estate, trovandosi a riposare sotto delle viti colme di grappoli, iniziò a giocare con questi ultimi, spremendone i chicchi. Il succo ottenuto risultò miracoloso: da stanchi si diveniva allegri e pieni di energie!
L’ebbrezza, che il vino conferisce per eccellenza, fa divertire e ballare, proprio come i satiri dell’antica mitologia. Dal culto di Bacco sono nate commedie e tragedie, che ancor oggi proseguono.

“Vino pazzo che suole spingere anche l’uomo molto saggio a intonare una canzone, e a ridere di gusto, e lo manda su a danzare, e lascia sfuggire qualche parola che era meglio tacere.”
Omero

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la settimana…

Giovani, nudi e spensierati scheletri

Occhiverdi è pronta per partire. Gli amici la vanno a catturare, ma ancora non sanno dove andare. Nero accende la radio e cominciano a cantare. Blondie dipinge maschere sul viso, Bronco beve e passa la bottiglia, Argo si scrolla e sbava.
La città distratta lascia fare.
Nomadi senza meta, cadono e si rialzano, si divertono gli scheletri nudi in bilico sugli skate.
Saltano e rotolano splendidamente, con classe. Eleganti e straccioni, simpatici e burloni.

Correte giovani scheletri per le strade del presente.
Nudi e gioiosi marcate il territorio di notte a luci spente.
Sfidate con baci, sorrisi e carezze l’invidia della gente.
Belli e sciagurati come il fermo immagine di un ricordo latente.
Bacco, tabacco e Venere. Un fare scanzonato e l’aria impertinente.
Ballate, cantate, spargete fiori e colori con sguardo struggente.

Varia umanità festante, passa e ritorna. Bacia, morde e scappa.
Evoluzioni, acrobazie, scherzi, giochi.
Quant’è bella giovinezza che si fugge tuttavia.
Leggerezza, sventatezza e inquieta allegria.
Del doman non v’è certezza, perciò, chi vuol esser lieto sia!

Prayer In C (Lilly Wood & The Prick e Robin Schulz, 2014)

Buon 1 gennaio

Oggi, 1 gennaio 2016, la redazione di Ferraraitalia vi fa gli auguri per tutto il nuovo anno!

gianni_rodari
Gianni Rodari

Filastrocca di Capodanno:
fammi gli auguri per tutto l’anno:
voglio un gennaio col sole d’aprile;
un luglio fresco, un marzo gentile;
voglio un giorno senza sera;
voglio un mare senza bufera;
voglio un pane sempre fresco;
sul cipresso il fior del pesco;
che siano amici il gatto e il cane;
che diano latte le fontane.
Se voglio troppo, non darmi niente,
dammi una faccia allegra solamente.
(Gianni Rodari)

 

Una quotidiana pillola di saggezza o una perla di ironia per iniziare bene la giornata…

L’IDEA
Un giardino in un vaso

La nostra città è verde, parchi, viali alberati, giardini, giardinetti, siepi, fiorai. Il sotto mura.
Dietro agli antichi portoni imponenti spesso si nascondono curiosi giardini segreti, spazi amorevolmente coltivati e curati da altrettanto amorevoli mani. Nei giardinetti di ogni quartiere sbucano aiuole profumate, che decorano ogni pensiero. Le mura lussureggiano, i rami degli alberi applaudono. I pensieri corrono all’infanzia, quando si passeggiava o si correva per i vialetti del parco Massari o quando si andava, la domenica, a comprare i fiori per la mamma. Spesso i soldi della cosiddetta sabatina (o sabadina, per altri) non bastavano a comprare mazzi fioriti importanti. Allora si raccoglieva qualche rosa o margherita nei giardini oppure si confezionava un piccolo vaso cui si colorava la base. Se si era in campagna, da qualche amichetto, la scelta poteva cadere sui papaveri. Se si aveva più tempo, poi, s’iniziava qualche mese prima e, fin dall’estate in montagna, si raccoglievano fiori che finivano pressati in quaderni o in albi-raccoglitori rudimentali. La gioia di mamme, nonne e zie era presentata come grande e autentica. Che sorpresa! Mai avremmo immaginato che i nostri lavoretti, fatti con tanto amore e cura, avrebbero alimentato scatole e scaffali di granai e ripostigli. Quei fiori erano per noi un regalo infinito, un dono immaginato con il cuore, una creazione che, da sola, poteva adornare le tavole e illuminare i pensieri invernali spenti e sbiaditi. In primavera cercavamo ancora i colori. Sempre quelli, ma anche di nuovi, con lo stesso entusiasmo e la stessa cura. Felici.
Nelle esposizioni floreali cittadine, ho recentemente rivisto quell’energia, quei colori, quella voglia di dare e di portare allegria. Ferrara è fiorita, oggi, lo è nei suoi giardini e nelle sue vetrine di fiori, nelle sue mostre e nelle sue strade. Ma possiamo fare meglio. Aggiungiamo, allora vasi di fiori, ovunque, in ogni angolo, spargiamoli come riso sul sagrato di una chiesa. Distribuiamo colori vivaci e petali per le strade. Perché un giardino segreto può essere anche, semplicemente, in un piccolo vaso. Ora come allora.

Fotografie di Simonetta Sandri, dalla manifestazione Giardini Estensi

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013