Skip to main content

L’Europa tradita di Ventotene e la sudditanza senza fine all’alleato padrone

Come doveva essere l’Europa secondo i suoi fondatori?

Altiero Spinelli ed Ernesto Rossi, nel Manifesto di Ventotene  -isola in cui erano stati confinati- fatto rocambolescamente uscire nel 1941, l’anno più nero, quando il nazismo (e il fascismo a ruota) dominavano l’Europa, con visione profetica indicarono le “condizioni” di edificazione dell’Europa post bellica: “socialista” (oggi diremmo di progresso o democratica). Non secondo l’approccio della collettivizzazione sovietica, ma un continente in cui “le forze economiche non debbono dominare gli uomini ma essere da loro sottomesse, guidate, controllate affinchè le grandi masse non ne siano vittime. Al tempo stesso le forze di progresso che scaturiscono dall’interesse individuale non vanno spente…ma esaltate, estese offrendo loro una maggiore opportunità di sviluppo…vanno consolidati e perfezionati gli argini che le convogliano verso gli obiettivi di maggior vantaggio per tutta la collettività”. Di qui la formulazione secondo cui “la proprietà privata deve essere abolita, limitata, estesa, caso per caso, non dogmaticamente in linea di principio”. Seguono alcuni presupposti indispensabili:

a) non si possono più lasciare ai privati le imprese che, svolgendo un’attività monopolistica, sono in condizione di sfruttare la massa dei consumatori;

b) occorre eliminare i ceti parassitari e perciò “distribuire le ricchezze accumulate nella mani di pochi privilegiati” per effetto del “diritto di proprietà e di successione”, il che dovrebbe “accadere durante una crisi rivoluzionaria in senso egualitario”;

c) “i giovani vanno assistiti con le provvidenze necessarie per ridurre al minimo le distanze tra le posizioni di partenza nella lotta per la vita”;

d) occorre “assicurare a tutti, con un costo sociale relativamente piccolo, il vitto, l’alloggio, il vestiario col minimo di conforto necessario per conservare il senso della dignità umana”;

e) “la liberazione delle classi lavoratrici può aver luogo solo realizzando le condizioni accennate nei punti precedenti”.

A ben vedere la Costituzione Italiana ha preso spunto dai propositi di Spinelli e Rossi, che ritroviamo negli articoli 3 (dignità della persona), artt. 42 e 43 (limitazioni della proprietà privata in funzione della utilità sociale). Per venire ai temi di oggi ci sono spunti anche per il “salario minimo”, già auspicato, peraltro, dal fascismo del 1919 e per un sussidio di cittadinanza ai più poveri che si può desumere dal punto d).

Agli “europeisti” si potrebbe far notare che la crescita delle destre è dovuta ad un’ Europa dell’euro e della moneta incentrata sul libero mercato e su quella “dittatura del denaro” molto lontana dai nobili propositi dei suoi fondatori. Un’ Europa che ridimensiona il Welfare a colpi di quel “Patto di Stabilità” che anche Mario Draghi critica nel suo intervento a Washington del 14 febbraio alla Nabe Economic Policy Conference, quando dice: “…la UE agisca unita per cambiare l’azione delle banche centrali…serve un debito comune per fare investimenti sociali…occorre una difesa comune…se vogliamo preservare la democrazia…le banche centrali dovranno essere più attente alle politiche di riequilibrio se vogliamo difendere i nostri valori sociali europei… di fronte alla globalizzazione non gestita,…facilitare aiuti di Stato ove giustificati,…coordinare la difesa…una politica di bilancio più significativa…che vuol dire deficit pubblici persistentemente più alti,…affrontare le disuguaglianze… ”. Sembra un discorso da socialista. Fa una certa impressione, perché Draghi non ha supportato queste politiche quando lui era al Governo, se si esclude il 2012 quando alla BCE, per difendere l’euro, avviò il “whatever it takes”, cioè una politica di deficit spending keynesiana (seppure in ritardo di 3 anni sulla Federal Reserve Usa). Ammetterà che il suo Governo non è “riuscito” a tassare i superprofitti di banche e imprese, né a tassare le successioni dei ricchi…

Draghi dice solo una mezza verità: omette di aggiungere che le cose che racconta sarebbero realizzabili se l’Europa diventasse autonoma dagli Stati Uniti, se oltre alla difesa si dotasse di una sua propria politica estera, ma ciò sarà possibile (come afferma anche Lucio Caracciolo) quando Germania e Italia daranno vita a nuovi accordi che modifichino quelli siglati nel secondo dopoguerra nell’ambito degli aiuti del Piano Marshall, che ci imponevano di seguire gli Usa per cent’anni in politica estera.

L’Europa (con Inghilterra e Russia entrambe fuori) è diventata, soprattutto negli ultimi 20 anni di “globalizzazione non gestita”, la 52^ stella degli Stati Uniti, incapace di darsi una propria politica estera e di perseguire al proprio interno il progetto social-egualitario di Spinelli e Rossi.

A giugno avremo le elezioni europee. Le destre avanzano ma non saranno ancora capaci di governare col PPE. A novembre nelle elezioni americane potrebbe vincere Trump, eventualità considerata disastrosa da molti analisti. Di certo arriverebbe uno “scossone” che potrebbe, però, spingere l’Europa a scelte finora sempre rinviate, come una difesa comune e la propria edificazione come polo autonomo capace di vere politiche sociali.

Photo cover: Altiero Spinelli e la moglie Ursula Hirschmann

tag:

Andrea Gandini

Economista, nato Ferrara (1950), ha lavorato con Paolo Leon e all’Agenzia delle Entrate di Bologna. all’istituto di studi Isfel di Bologna e alla Fim Cisl. Dopo l’esperienza in FLM, è stato direttore del Cds di Ferrara, docente a contratto a Unife, consulente del Cnel e di organizzazione del lavoro in varie imprese. Ha lavorato in Vietnam, Cile e Brasile. Si è occupato di transizione al lavoro dei giovani laureati insieme a Pino Foschi ed è impegnato in Macondo Onlus e altre associazioni di volontariato sociale. Nelle scuole pubbliche e steineriane svolge laboratori di falegnameria per bambini e coltiva l’hobby della scultura e della lana cardata. Vive attualmente vicino a Trento. E’ redattore della rivista trimestrale Madrugada e collabora stabilmente a Periscopio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it