Skip to main content

Il Comune delle banane: due pesi e due misure, entrambe sospette

Ho chiesto ad Andrea Gandini, un caro amico e un prezioso collaboratore di questo giornale, di raccontarci la storia di quei 4 ettari di “campagna in città” fino alla recente vexata quaestio dell’oasi verde intra mura di Via delle Erbe, che tutti a Ferrara conoscono come Terraviva [Qui il mio recente articolo su Periscopio]. Dal 2001 al 2017, Gandini è stato uno dei principali protagonisti dell’Associazione Nuova Terraviva . So che se ne è andato disgustato, insieme a tutti coloro che vi avevano lavorato volontariamente per oltre un decennio. Ma prima di dargli la parola, non posso non rilevare una coincidenza/differenza tra due casi che in città fanno molto discutere.

Il Comune di Ferrara, invocando la tutela di pubblica sicurezza,  ha emesso (in pieno Ferragosto!) un’ordinanza che vieta l’accesso agli spazi del Centro sociale La Resistenza, fintanto che non saranno ultimati i lavori di messa a norma della struttura (impianto elettrico eccetera). Se l’associazione non trovasse i denari necessari e non riuscisse ad individuare un’azienda che completi i lavori entro il termine draconiano di 30 giorni, gli stessi verranno effettuati con comodo dal Comune, ponendo a carico del Cps La Resistenza le spese.  Da notare che all’ultima ispezione che ha dato origine alla ordinamza, ha partecipato anche il solerte Vicesindaco, per dimostrare la tempestività e  l’efficienza del Comune.
Per buona sorte a Ferrara è partita una gara di solidarietà [Vedi qui] per raccogliere i fondi necessari per effettuare i lavori e salvare La Resistenza, l’unico Centro Sociale sopravvissuto a Ferrara.

La gestione attuale di Terraviva invece opera sin dal febbraio 2020 (sono passati 3 anni e mezzo) in locali interamente abusivi, nei quali si svolgono anche i campi per bambini, con wc abusivi, cucina abusiva, nonostante una sentenza del Tribunale di Ferrara (febbraio 2020) avesse intimato di sgomberare e abbattere i “manufatti incongrui”. Ma qui il Comune di Ferrara non vede e non sente. Anzi, al bando del 2022 per riassegnare l’area dopo aver aperto le buste della gara e aver visto che Terraviva aveva perso (80 a 67), annulla la gara e ne fa un’altra ad hoc per lei, togliendo pure l’affitto da pagare al Comune.
Due pesi e due misure, tipiche di un Comune delle banane.
Francesco Monini
direttore di Periscopio

C’era una volta a Ferrara una Terra Viva (Terraviva)

Qui comincia l’avventura 

Per 15 anni (fino al 2017) ho contribuito con molti altri/e a valorizzare la “campagna in città in quei 4 ettari straordinari di bene pubblico che furono inventati da Serafino Monini. L’ingegnere “ricco e generoso”, come lo chiamavamo noi giovani ribelli, che gli avevamo chiesto di far pagare l’affitto ai propri inquilini in base al reddito (max 13%). E lui lo fece.
Uomo straordinario che come assessore (e costruttore del residenziale di via delle Erbe 29-55) convinse nel 1985 Nara Forti (moglie di Eugenio Ravenna, salvato dai russi sul tavolo operatorio di Auschwitz e fratello di Paolo Ravenna, presidente di Italia Nostra che si inventò “l’Addizione Verde”, restauro delle Mura e Parco Urbano) a vendere al Comune per una modestissima cifra (180 milioni, oggi 220mila euro) quei 4 ettari di campagna che fanno oggi di Ferrara la città in Europa con la più vasta campagna in centro storico. Ai politici (ancor più a quelli di oggi) quello straordinario posto non è mai interessato molto.

E la terra divenne Terra Viva

Lo coltivarono ad agricoltura biodinamica dal 1987 fino al 2000 i fondatori di Terraviva (Silvio Vignali, Francesca Squarzoni, Paolo Pistis, Alessandro Grandi e Paolo Poggi).
Nel 2000 siamo arrivati anche noi e lo abbiamo ulteriormente trasformato in un posto bellissimo: alberi, siepi, percorsi spirituali (come quello a lemniscata suggerito da Paolo Pistis, oggi in abbandono come quasi tutto), un frutteto di 15 alberi patriarchi (i più antichi della loro specie) che consente a Ferrara di entrare nella rete regionale dell’Arpa di studio sul clima e far vedere a bambini e scolaresche come sono fatti i veri meli o il melograno di Forlì (che i gestori di oggi chiamano di Piacenza).
Poi le due casette sugli alberi e il percorso arboreo, il tunnel verde dentro una gigantesca siepe, mentre Riccardo Sarto curava le api come fossero sue figlie. Inserito pecore, capre, sculture e installazioni artistiche (oggi scomparse).

Lo abbiamo fatto per creare bellezza e un luogo ricco di incontri, corsi e spiritualità. Nuova Terraviva ha vissuto un periodo d’oro fino al 2017, arricchito dai campi estivi che il maestro Waldorf Mattia Gandini ha sviluppato portando le presenze dei bimbi da 100 a 600. Tante iniziative culturali e corsi di maestri/e come gli acquerelli di Maria Pia Tonioli, Anna Tambini, la potatura di Massimo Casoni, la lana cardata, le conferenze di Marcello Girone, le feste di primavera, le pizze della Marianna, i pranzi di Gianni, Alessio e Vasuki, le domeniche di avvento in preparazione del Natale, l’entusiasmo dei soci e di una presidente architetto come Costanza Cavicchi, la bellissima esperienza degli orti condivisi di Anna Faccini, Riccardo Guirrini, Marcello Guidorzi, Mirco Micheli e gli altri 30 loro soci, inventando un modo di coltivare in cui si stava insieme. Giorni felici e comunità viventi con qualche litigio, come avviene dove c’è vita.

Il colpo di mano dentro l’Associazione

Nel 2017, in una fase di riorganizzazione interna dell’Associazione per la partecipazione al nuovo bando, si sono introdotte persone che hanno estromesso tutti i soci volontari di lunga data e cambiato volto e finalità dell’Associazione, appropriandosi senza alcuno scrupolo di tutto ciò che l’Associazione aveva costruito e seminato nei precedenti 30 anni. Fu subito chiaro che questo gruppo non voleva partecipare ad un bando pubblico ma trovare un modo per rimanere nell’area sfruttando il posto straordinario e l’avviamento “ereditato”.

Giovanni Dalle Molle, contadino bio, che ha curato la terra dal 2007 e venduto le sue verdure per 10 anni, arricchendo il posto col suo insopprimibile protagonismo – tra concerti estivi, colazioni letterarie e cene d’autore – dopo aver chiesto di poter ulteriormente prorogare la concessione, ha accettato civilmente l’esito della sentenza del Tribunale dell’11.2.2020 che lo intimava a lasciare questo “raro brano di campagna dentro le mura”, come lo ha sempre definito la Sovrintendenza.
Questo amato luogo, che è prima di tutto un luogo pubblico, meritava infatti una nuova procedura trasparente per l’affidamento della gestione, valutata per merito del progetto e affidabilità e professionalità dei gestori, al fine di portare nuova linfa e risalto per il bene della città e oltre. La Convenzione prevedeva (giustamente) a fine periodo (11.11.2017) di smantellare i manufatti incongrui (confermata dalla sentenza del Tribunale dell’11.2.2020) contro Nuova Terraviva che voleva rimanere “a tutti i costi” nell’area.

Finalmente il bando pubblico

Dopo che per 2 anni il Comune concede a Nuova Terraviva una gestione temporanea (senza intimare di abbattere i manufatti incongrui, come pure chiedeva il Tribunale), finalmente indice nel 2022 un bando dove si prevedevano importanti investimenti nell’area per il gestore ed un canone annuo minimo di 11.500 euro.
Pensavamo che la nuova Amministrazione avesse capito l’importanza di valorizzare questo posto e dare spazio a nuovi protagonisti e nuove idee, come il bosco in città dell’ass. Patriarchi della Natura, leader in Italia coi suoi 650 alberi patriarchi e tante altre idee lungimiranti, che in effetti sono state elaborate da un ampio gruppo di oltre 10 tra associazioni, imprese e Università sotto la guida dell’Azienda Agricola Corte Frazza e coordinate dall’ing. Alberto Minotti.

Il colpo di mano del Comune: annullata la gara a buste aperte

E infatti, la qualità della proposta della nostra ampia cordata è stata apprezzata dai 3 dirigenti valutatori con il massimo punteggio tra i partecipanti (67 punti) contro i 53 dell’associazione Nuova Terraviva.
Ma a qualcuno non andava bene che vincesse un soggetto diverso, per cui (a buste già aperte!) la gara è stata annullata, con la falsa giustificazione che “non c’era ancora il PUG”, Il Piano Urbanistico Generale che il Comune avrebbe dovuto approvare nel 2021.

La giustificazione si è rivelata palesemente falsa anche perché il PUG ha continuato a non esserci anche 6 mesi dopo, quando è stata fatta una seconda gara ad hoc, organizzata velocemente (con soli 15 giorni di informazione tra le festività di San Giorgio e del Primo Maggio), presentata dal Direttore Generale, cosa non vietata, ma molto anomala e successa pochissime volte nella legislatura, a cui potevano partecipare però solo le associazioni del Terzo settore residenti a Ferrara (guarda caso, come l’associazione Nuova Terraviva che poi ha vinto).

Salta fuori un secondo bando. E un vincitore sicuro.

Il nuovo bando appare “strano”,  tanto da far pensare a un testo sotto dettatura, ma quello che più colpisce è che  –  a differenza del Bando originale che prevedeva un introito positivo per i cittadini in termini di lavori, manutenzione di qualità e valorizzazione dell’area e di affitto per le casse del Comune – viene previsto un contributo a fondo perduto per l’associazione aggiudicataria e nessuna traccia degli obblighi di sviluppo dell’area e di manutenzione ordinaria e dei grossi investimenti previsti nel primo bando (illuminazione della pista ciclabile pubblica, demolizione dei manufatti esistenti e realizzazione di nuovi a norma, etc.,).

Si è così “privilegiato” (ho usato un eufemismo)  quel gruppetto che si era impadronito per interessi personali della storica Associazione Nuova Terraviva.  Stupisce la miopia degli amministratori del Comune che buttano nel cestino il lavoro prezioso di progettazione di tante associazioni, imprese, esperti per il bene della città (validato dai commissari valutatori) in spregio alle più elementari regole di gestione della cosa pubblica.

Cosa ha perso Ferrara, cosa dobbiamo riconquistare

Si depotenzia così un futuro che poteva essere straordinario, anche se ancora aleggia la bellezza del luogo e quella creata da 300 soci e migliaia di cittadini che hanno fatto viva questa terra bio, ora abbandonata.
E tutto a che scopo? Perché qualche soldino si può fare comunque non pagando l’affitto (che incredibilmente il Comune ha tolto), limitandosi ad una manutenzione minima, e tanto l’orto la fanno i lavoratori socialmente utili, che non costano (collaborazione anche questa ereditata dalla precedente gestione). Si pagano poco le giovani educatrici dei campi estivi, si prende il cibo al Metro (quello che c’è scritto sul sito web risale a 10 anni fa).
Ben altra cosa era l’idea di costruire e manutenere un luogo magico e di attrazione internazionale, con tanti servizi per la città.

Da 4 anni abito in Trentino. E quando racconto come vanno le cose in quel di Ferrara ai leghisti di qui, mi guardano straniti, perché i Trentini, che ci tengono tantissimo alle loro comunità, sanno che per “tirar vanti”, insieme alle buone tradizioni e alla difesa del local, bisogna valorizzare chi ha talenti, professionalità, risorse, se si vuole generare qualità e bellezza (e sviluppo locale).
Non credo sia un caso che nel 2022 a Trento l’occupazione sia cresciuta di 3mila unità sul 2021, mentre a Ferrara sia calata di 1.500 persone (siamo al 6° ultimo posto in Italia su 106 aree, insieme a Caserta, Crotone, Caltanissetta; fonte Istat). Gli amministratori hanno annullato anche le indagini che si facevano sull’occupazione locale, sperando che nella nebbia, nulla si veda, ma la realtà (e la verità) prima o poi viene a galla.

Ma non priviamoci di sperare, seppur nel “paese delle banane” (quale stiamo diventando) perché al bel l’è in t’l’ultim!”.

tag:

Andrea Gandini

Economista, nato Ferrara (1950), ha lavorato con Paolo Leon e all’Agenzia delle Entrate di Bologna. all’istituto di studi Isfel di Bologna e alla Fim Cisl. Dopo l’esperienza in FLM, è stato direttore del Cds di Ferrara, docente a contratto a Unife, consulente del Cnel e di organizzazione del lavoro in varie imprese. Ha lavorato in Vietnam, Cile e Brasile. Si è occupato di transizione al lavoro dei giovani laureati insieme a Pino Foschi ed è impegnato in Macondo Onlus e altre associazioni di volontariato sociale. Nelle scuole pubbliche e steineriane svolge laboratori di falegnameria per bambini e coltiva l’hobby della scultura e della lana cardata. Vive attualmente vicino a Trento. E’ redattore della rivista trimestrale Madrugada e collabora stabilmente a Periscopio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it