Skip to main content

C’è da chiedersi come mai ‘Avventure nel mondo’ anziché organizzare viaggi in Africa a dorso di cammello, non accompagni i viaggiatori amanti del rischio in un ufficio postale. Anche a Ferrara.
Si potrebbe scoprire che in una mattinata estiva possa occorrere un tempo imprecisato per ritirare una raccomandata e pagare un bollettino.

Sulla porta d’ingresso, proprio come nella Divina Commedia, starebbe bene la frase: “Lasciate ogne speranza, voi ch’entrate”. Citazione quanto mai opportuna del terzo canto dell’Inferno, poiché la temperatura dell’angusto locale si avvicina tremendamente al luogo per antonomasia dei dannati, a causa del cattivo funzionamento di un esausto impianto di condizionamento.
Non essendoci un distributore automatico di numeri, occorre vincere ogni ritrosia e chiedere chi sia l’ultimo entrato per sapere il proprio turno. Una domanda che già crea un certo scompiglio perché presa dallo sguardo tipico della terza età come una spavalderia sospetta.
In ogni caso, dopo non semplici trattative, la fila inizia a formarsi rispetto al caos iniziale del numeroso pubblico in attesa. In presumibile presenza di frequentatori abituali di centri sociali, è utile richiamare il modello dell’immancabile trenino durante le serate musicali, per vedere un certo senso di ordine prendere forma davanti ai due sportelli funzionanti.
Subito, però, arriva l’annuncio che non si vorrebbe mai pronunciato: “La collega sta facendo un’operazione particolarmente complessa e per un certo tempo il mio sarà l’unico sportello operativo”.
Un signore col bastone e con una speranza di vita a occhio e croce non proiettata oltre la cena, inizia a dare chiari segni di cedimento. Tranquillizzato sul fatto che poteva andare peggio (potrebbe scoppiare la terza guerra mondiale), la vita riacquista una certa normalità.
Intanto, l’unico sportello funzionante riuscirà a servire una ventina di persone senza che l’altro riesca a portare a termine l’operazione particolarmente complessa. E qui sarebbe curioso conoscere i connotati del genio informatico che ha fornito il software che – siamo certi – sarà stato definito “risolutivo” o “elimina code”, durante un euforico consiglio d’amministrazione di Poste italiane.
Qualcuno azzarda che sia un problema di collegamento con la rete. In effetti, in questi casi in cui l’attesa si fa del tutto simile a quella per la resurrezione dei morti, c’è spazio per un filosofico cazzeggio.
Visto però l’inutile trascorrere del tempo, la conclusione, quasi inevitabile, è come sia francamente incomprensibile che in questo paese continui a esserci gente che spreca talento, studio e ricerca per immaginare e realizzare bande larghe puntualmente smentite in un qualsiasi ufficio postale.

La mattinata è oltremodo animata, quando sulla porta d’ingresso compare una signora che spalanca occhi di vero terrore con il proprio pacco sotto braccio da spedire, di fronte alla fila immobile di dannati.
A volte serve se si sposta il discorso sul piano internazionale. “Non se la prenda, questo paese cerca inutilmente di puntare il proprio sguardo verso Bruxelles, quando in realtà fa di tutto per indicare Nairobi come approdo naturale”.
E così la signora si dilegua nel nulla, sempre col suo pacco sotto braccio.
Entra poi nel forno postale un’altra signora e subito gli sguardi le piovono addosso come grandine per vedere quale posto occuperà della fila.
“Tranquilli – è la replica – sono solo venuta per parlare con un’amica”.
Neanche il tempo di un sospiro di sollievo, che un vociare scomposto giunge dal fondo della sauna postale.
La compagna di filò, in uno stato di sospetta esaltazione stile “Lui ha visto la luce!”, reclama il proprio posto in fila.
La teoria sarebbe certamente materia di studio per psicanalisti: a un certo punto tutti ci saremmo all’improvviso voltati nel verso opposto, come per un ordine giunto dall’aldilà, e la signora, distratta dall’amica che certamente stava parlandole male di qualcuno, si è ritrovata in coda.
Il crescendo rossiniano raggiunge il culmine quando compare sull’uscio un ignaro turista olandese, giunto in quella galera di naufraghi postali per spedire una semplice cartolina di saluti. Magari sopra c’era pure scritto: “Qui in Italia tutto meraviglioso”.
“Se non c’è il francobollo, non posso ritirarla”, è la ruvida frontiera eretta allo sportello. Scatta un sussulto di solidarietà tricolore in soccorso del fiammingo che, in omaggio alla nordica precisione, in realtà aveva già provveduto all’affrancatura. Salutando lo stralunato tulipano, la ciurma postale si è, infine, inutilmente congedata in italiano: “Non parli male di noi!”

Personalmente sono sopravvissuto all’altoforno e quando ho salutato la pur eroica operatrice lasciata sola su quella trincea, come spesso lo sono solo i sindaci, all’altro sportello era ancora in corso l’operazione particolarmente complessa annunciata – così è sembrato a molti – ai tempi dell’ultima glaciazione. Sono uscito che l’altrettanto gentile operatrice di quel secondo sportello metafisico stava chiedendo la firma digitale oltre al marito anche alla moglie, uscita dalla camera iperbarica con un bimbo in braccio nel frattempo diventato maggiorenne.
Oltre al genio informatico non guasterebbe conoscere le generalità anche del responsabile della custormer satisfaction di Poste italiane e del suo fiero piglio mentre, col suo power point, cattura l’attenzione di un ipnotizzato Cda di Poste italiane.
Correndo con la fantasia, si può immaginare l’entusiasmo degli archeologi fra qualche centinaio di anni, per il ritrovamento di resti ossei di una famiglia, morta per consumazione nella vana intenzione di concludere un’operazione postale probabilmente molto complessa, o forse perché l’ufficio – per cause ignote – potrebbe aver preso fuoco. In questo caso, le responsabilità – concorderebbero gli studiosi – sarebbero da attribuire agli effetti del cambiamento climatico.

tag:

Francesco Lavezzi

Laurea in Scienze politiche all’Università di Bologna, insegna Sociologia della religione all’Istituto di scienze religiose di Ferrara. Giornalista pubblicista, attualmente lavora all’ufficio stampa della Provincia di Ferrara. Pubblicazioni recenti: “La partecipazione di mons. Natale Mosconi al Concilio Vaticano II” (Ferrara 2013) e “Pepito Sbazzeguti. Cronache semiserie dei nostri tempi” (Ferrara 2013).

PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it