4 Settembre 2014

Partigiani oggi, Cinzia Carantoni: “Il valore della giustizia e della socialità contro una politica senza soggetto né contenuti

Redazione

Tempo di lettura: 4 minuti

Cinzia Carantoni, giovane laureata in filosofia

Parlando di valori da difendere si può essere portati a pensare che ciò contro cui si sta difendendo appartenga al nuovo che avanza, a qualcosa di estraneo che inizia ad intaccare gli elementi di civiltà ormai dati per acquisiti. Può capitare, invece, che alcuni valori nascano sorretti da un certo equilibrio ma che, se portati all’estremo, perdano la loro stabilità e diventino essi stessi il principio di un problema.
Se volessimo trovare un elemento ricorrente, un concetto cardine capace di riassumere la storia della nostra cultura occidentale, probabilmente lo troveremmo nell’idea di “rappresentazione”. Nella nostra civiltà, tutto è riconducibile a una forma di rappresentazione: dall’arte alla politica, dalla religione alla scienza, ogni ambito in cui l’umano si è espresso è andato nella direzione di una mediazione tra sé e il mondo, una mediazione fatta principalmente di immagini, raffigurazioni e interpretazioni. Una tendenza che risponde alla costante esigenza di mettere ordine tra l’apparente caos delle cose della natura che ci circonda e di cui facciamo parte. Che cos’è, infatti, la rappresentazione se non una decisione del soggetto su ciò che lo circonda? La scelta, più o meno consapevole, di interpretare il reale in un modo, di farsi sostenitori di una certa visione delle cose, l’affermazione di un modo di vivere piuttosto che di in un altro. L’adesione ad ogni forma di rappresentazione è, quindi, sempre faziosa, è un essere di parte. Ma dalla parte di che cosa e contro chi?
Se si ponesse il discorso in termini filosofici, potremmo fare ricorso a due concetti molto cari alla storia della filosofia dicendo che il partigiano della rappresentazione è colui che predilige la forma (intesa come l’insieme degli schemi razionali che strutturano il reale) alla sostanza (intesa come la materia informe del reale). Queste due categorie risultano essere particolarmente concrete sul piano politico.
Quando si parla di rappresentanza politica, si parla di quell’insieme di regole e di procedure formali che vanno a costituire il cuore dello Stato. Queste sono il frutto del riconoscimento da parte della società dell’imprescindibile esigenza di un’istanza guida capace di raccogliere e di ordinare dentro di sé tutta quell’energia che esplode quotidianamente dal nostro relazionarci con l’altro e che può sempre sfociare nel conflitto. Ma come ogni forma di decisione, anche questa si accompagna di pro e di contro. Da una parte acquisiamo il valore della giustizia, il diritto, un tema che al di fuori della società non ha alcun senso, per dirla con Hobbes: in natura il diritto è potenza, ovvero vince sempre il più forte. Dall’altra siamo costretti alla rinuncia della propria autenticità, della propria immediatezza, vivere in società comporta la fatica degli obblighi e della sottomissione alle istituzioni. Così la forma prevale sulla sostanza, rinunciando non solo al lato conflittuale della socialità, ma ad ogni forma di relazionalità libera. Essendo però proprio la costitutiva relazionalità dei soggetti il cuore della politica, perché è quello il luogo d’origine del potere politico, è necessario giungere ad un compromesso tra forma e sostanza, perché possano conciliarsi in una loro armonia.
Fino ad un certo punto la nostra politica si è basata sulla ricerca di un equilibrio tra questi due estremi e mai si è potuto pensare di prescindere dall’idea di un primato della sostanza sulla forma, dove per sostanza si intende quel modo di interpretare la politica in cui l’informe moltitudine è il soggetto originario che ha preso la decisione su se stessa di diventare uno Stato. Un soggetto politico questo che anche quando sembrava scomparire dallo scenario politico, chiusa nella morsa di uno Stato autoritario, ricompariva con la forza della minaccia rivoluzionaria verso quelle autorità che, in virtù della propria intransigenza, rendevano più debole il loro principio di obbedienza.
Poi è arrivato un mondo nuovo e la tensione tra forma e sostanza si è spezzata. Per citare Baudrillard, siamo approdati nell’epoca del transpolitico, dove la politica non è più uno scambio tra le parti alla ricerca di un equilibrio, ma ricatto sotto forma di terrore. Il terrore di una legge che non si pone più come ricerca di una razionalità estrema in cui potersi riconoscere, ma come il caso d’eccezione di un costante stato d’emergenza, che ci porta ad essere una società di spettatori passivi di quel meccanismo di rappresentanza che, invece, avevamo scelto come specchio di noi stessi. Con un totale sbilanciamento verso la forma più estrema di rappresentanza, siamo diventati osservatori attoniti, incollati allo schermo televisivo per subire una politica che va avanti senza di noi, una politica senza soggetto né contenuti, un puro ingranaggio spinto all’estasi della forma che ci domina senza ragioni. Forse per ripristinare questo antico equilibrio tra forma e sostanza varrebbe la pena di combattere, per riemergere dall’accidia, per rifiutare questo stato di perenne attesa e ritornare a lottare ancora una volta come soggetto attivo della nostra società.



Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Redazione

Redazione

Ti potrebbe interessare:

  • Mi chiamo Rose Rosse

  • Storie in pellicola / Nostalgia canaglia

  • Parole a capo
    Maria Laura Valente: “Io maledico l’anno il mese il giorno” e altre poesie

  • Vite di carta /
    Donne: ne uccide e ne salva più la lingua

  • Parole e figure / Parole e ali, Strenne Natalizie 1

  • Giallo, Canalnero e biancazzurro
    Intervista a Marco Belli

  • Diario in pubblico /
    In ospedale

  • Per certi versi/Come il Mar Rosso

  • Caso Soumahoro
    Un lavacro per la coscienza corrotta della società italiana

  • Presto di mattina /
    Avvento di tenerezza

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013