17 Gennaio 2023

Diario in pubblico /
Il tanfo (che non è il tango)

Gianni Venturi

Tempo di lettura: 4 minuti

 Avrei potuto usare il più usuale sinonimo: la puzza. Ma, consapevole della nostra dizione ferrarese, non avrei voluto che si pronunciasse ‘pussa’; perciò, ecco la scelta più colta: ‘tanfo’, applicabile alla sfera culturale, morale, politica e ovviamente scritturale. Ma cominciamo da quello che più mi ha ‘stupito’ per usare una metafora riduttiva, ovvero la dichiarazione dell’on. Sangiuliano, ministro della cultura. Le informazioni sul ministro recitano:

«Gennaro Sangiuliano è un giornalista, saggista e politico italiano, dal 22 ottobre 2022 ministro della cultura nel governo Meloni. È stato direttore del quotidiano Roma di Napoli dal 1996 al 2001 e del TG2 dal 2018 al 2022 e vicedirettore del quotidiano Libero e del TG1 dal 2009 al 2018.
Nascita: 6 giugno 1962 (età 60 anni), Napoli
Istruzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Carica: Ministro della Cultura dal 2022
Capo del governo: Giorgia Meloni
Inizio mandato22 ottobre 2022».

Quindi non un incompetente, né tantomeno un ignaro della cultura. Eppure, leggere la sua dichiarazione al convegno FdI intervistato dal giornalista Pietro Senaldi lascia veramente di sasso, specie per chi, come lo scrivente, ha una certa cultura su Dante, avendolo insegnato per 15 anni all’Università di Firenze, che ha fatto parte della Società dantesca italiana e via ‘col tango’. Ma ecco la dichiarazione:

Il fondatore del pensiero di destra in Italia è stato Dante Alighieri: la destra ha cultura, deve solo affermarla… Quella visione dell’umano della persona la troviamo in Dante – ha aggiunto Sangiuliano – ma anche la sua costruzione politica credo siano profondamente di destra. Ma io ritengo che non dobbiamo sostituire l’egemonia culturale della sinistra, quella gramsciana, a un’altra egemonia, quella della destra. Dobbiamo liberare la cultura che è tale solo se è libera, se è dialettica”.

Questo proclama il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano nel corso della kermesse milanese di FdI, Pronti, candidati al via.

A questa ‘esplosiva’ dichiarazione rispondono molto perplessi alcuni importanti dantisti.

Franco Cardini sul QN Il resto del Carlino del 15 gennaio. A domanda precisa così risponde:

«… il suo discorso su Dante resta singolarmente astratto e contraddittorio. Il pensiero politico dantesco, in termini trattatistici, è valutabile principalmente attraverso un trattato latino, il De Monarchia, e uno – programmaticamente divulgativo, e per giunta in lingua volgare, il Convivio». Per concludere che se il pensiero di Dante potesse essere assimilato alla destra «di una ‘destra’ ben altra da quella verso la quale la Weltanschauung dei Fratelli d’Italia sembra fino ad oggi tendere».

Altro punto di tanfo è che la seconda carica dello Stato, Gnazio Larussa sia andato a una riunione di partito ignorando i suoi obblighi istituzionali, come se, è stato detto, Mattarella si fosse recato a un congresso Pd.

Altrettanto pungente il commento del filosofo Cacciari che, come è suo uso, oracolarmente esprime il suo giudizio sulla Repubblica del 15 gennaio 2023.  Nell’intervista rilasciata a Raffaella De Santis, alla risata del filosofo e all’interrogazione della giornalista risponde: «Non si può che ridere di fronte a esternazioni del genere, che tra l’altro ricorrono a categorie novecentesche, come destra e sinistra, che non mi sembrano molto aggiornate».

Cacciari rileva che l’idea di appropriarsi dei ‘fondatori della patria’ è propria alla destra storica, come ad esempio il fascismo in Italia o in Germania il nazismo, ma supponeva che questa impostazione fosse stata superata. Perché “retorica nazionalista”.

E al punto cruciale che è il giudizio di Sangiuliano così correttamente risponde: «Dante è un rivoluzionario, un eretico, un uomo contro tutti. Dante è esule nei confronti di qualsiasi casa politica consolidata del suo tempo, a cominciare dalla teologia politica ufficiale».

Riaffermando la solitudine politica di Dante, Cacciari propone un’idea di Dante che verificherò a breve nella più importante pubblicazione dell’anno dantesco vale a dire l’Inferno edito dalla casa editrice Salerno con il commento di Enrico Malato e di cui darò conto in una prossima recensione. Così il collega Giulio Ferroni dell’Università La Sapienza di Roma e dantista da lunghi anni scrive:

«Quella del ministro è un’affermazione priva di senso, che rivela una incredibile mancanza di senso storico e della letteratura. L’uso politico della cultura è diffuso a destra come a sinistra, ma questa mi pare proprio esagerata».

Il professore ricorda un episodio: «Nel 1921, per i 600 anni della morte di Dante, gli squadristi di Balbo andarono a Ravenna, pregarono sulla tomba di Dante. Poi cominciarono a picchiare i nemici, a chiudere le sedi dei sindacati. Ecco, forse il culto del Dante di destra nasce dall’uso che se ne è fatto, più che dalla sua vita».

Non è il caso qui di riportare il giudizio dei politici di parte, a cui è o sarebbe troppo facile rispondere con altrettanti e rovesciati commenti.

Lascio al “dibbattito” in corso questo aspetto.

A questo punto spero che il simbolico tanfo si sia diradato ed almeno produca una respirabile ‘aura’ dantesca. Lasciamo allora il tanfo di una sana traspirazione, o come mi viene suggerito “uno sgradevole olezzo” di corpi giovani, impegnati in competitive partite agli spogliatoi degli stadi o di qualsiasi altro luogo in cui la fisicità si esprime con sforzo e competenza.

E al limite, se i nostri calzini emanano odore sgradevole non si perda il tempo. Li si lavi immediatamente. E a chi impregna l’aria di ‘puzzette’ rimando alla visione di un meraviglioso film Qua la zampa dove sono i nostri pelosi a giudicare i nostri odori. Ma questo sarà un altro discorso.

Per leggere tutti gli altri interventi di Gianni Venturi clicca  [Qui]

In copertina: il ministro della cultura Gennaro Sangiuliano (foto Agenzia Dire)


Commento

  • Se non fosse scandaloso il “tratto cultural umoristico” del nuovo ministro Sangiuliano ci sarebbe da sbellicarsi dalle risate,ma ciò che, come al solito,lascia uno sconcerto spaventoso in chi qualcosa sa e ha interiorizzato dal valore della storia e della letteratura che Dante ci ha lasciato,non può che non proferir verbo,ma tapparsi il naso perchè il fetore è davvero insopportabile! Credo che l ‘umana gente purtroppo (o forse in questo caso meno male) guardi e passi senza curarsi di costui! Io però al macero o a lavare i panni in Arno lo manderei!!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Periscopio
Dai primi giorni di febbraio, in cima al “vecchio” ferraraitalia, vedete la testata periscopio, il nuovo nome del giornale. Nelle prossime settimane, nel sito troverete forse un po’ di confusione; infatti, per restare online, i nostri “lavori in corso” saranno alla luce del sole, visibili da tutti i lettori: piccoli e grandi cambiamenti, prove di colore, esperimenti e nuove idee grafiche. Cambiare nome e forma, è un lavoro delicato e complicato. Vi chiediamo perciò un po’ di pazienza. Solo a marzo (vi faremo sapere il giorno e l’ora) sarà pronta la nuova piattaforma e vedrete un giornale completamente rinnovato. Non per questo buttiamo via le cose che abbiamo imparato e scritto in questi anni. Non perdiamo il contatto con la nostra Ferrara: nella home di periscopio continuerà a vivere il nome ferraraitalia e i contenuti locali continueranno a essere implementati. Il grande archivio di articoli pubblicati nel corso degli anni sarà completamente consultabile sul nuovo quotidiano. In redazione abbiamo valutato tanti nomi prima di scegliere la testata “periscopio”: un occhio che cerca di guardare oltre il conformismo e la confusione mediatica in cui tutti siamo immersi. Con l’intenzione di diventare uno spazio ancora più visibile, una voce più forte e diffusa. Una proposta informativa sempre più qualificata, alternativa ai media mainstream e alla folla indistinta dei social media.Un giornale libero, senza padrini e padroni, di proprietà dei suoi redattori, collaboratori, lettori, sostenitori. Nei prossimi giorni i nostri collaboratori, i lettori più fedeli, le amiche e gli amici, riceveranno una mail molto importante.Contiene una proposta concreta per diventare insieme a noi protagonisti di questa nuova avventura. Versando una quota (anche modesta) e diventando comproprietari di periscopio, oppure partecipando all’impresa come lettori sostenitori. Intanto periscopio ha incominciato a scrutare… oltre il filo dell’orizzonte, o almeno un po’ più in là dal nostro naso. Buona navigazione a tutti.

Chi non ha ricevuto la mail e/o volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@ferraraitalia.it

L’autore

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.
Gianni Venturi

Ti potrebbe interessare:

  • Vite di carta /
    Le scarpe perdute e i libri trovati a mezzanotte

  • Europa portaerei. Europa dei 17 muri, Europa gregaria degli Stati Uniti…
    Alla ricerca del proprio spazio vitale

  • Il sindaco di Ferrara e l’assessore alla cultura sbeffeggiano i difensori del parco urbano

  • Parole e figure /
    Un postino nel bosco

  • Ora e sempre (La) Resistenza!

  • Silvia Guerini: dal corpo neutro al cyborg postumano

  • Zelensky al festival di Sanremo: spegniamo la TV, spegniamo la propaganda di guerra!

  • Io sono una scuola

  • Educazione siberiana

  • La nave Geo Barents a La Spezia, la accoglie una manifestazione. Oggi un presidio davanti alla prefettura

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013