Skip to main content

 Avrei potuto usare il più usuale sinonimo: la puzza. Ma, consapevole della nostra dizione ferrarese, non avrei voluto che si pronunciasse ‘pussa’; perciò, ecco la scelta più colta: ‘tanfo’, applicabile alla sfera culturale, morale, politica e ovviamente scritturale. Ma cominciamo da quello che più mi ha ‘stupito’ per usare una metafora riduttiva, ovvero la dichiarazione dell’on. Sangiuliano, ministro della cultura. Le informazioni sul ministro recitano:

«Gennaro Sangiuliano è un giornalista, saggista e politico italiano, dal 22 ottobre 2022 ministro della cultura nel governo Meloni. È stato direttore del quotidiano Roma di Napoli dal 1996 al 2001 e del TG2 dal 2018 al 2022 e vicedirettore del quotidiano Libero e del TG1 dal 2009 al 2018.
Nascita: 6 giugno 1962 (età 60 anni), Napoli
Istruzione: Università degli Studi di Napoli Federico II
Carica: Ministro della Cultura dal 2022
Capo del governo: Giorgia Meloni
Inizio mandato22 ottobre 2022».

Quindi non un incompetente, né tantomeno un ignaro della cultura. Eppure, leggere la sua dichiarazione al convegno FdI intervistato dal giornalista Pietro Senaldi lascia veramente di sasso, specie per chi, come lo scrivente, ha una certa cultura su Dante, avendolo insegnato per 15 anni all’Università di Firenze, che ha fatto parte della Società dantesca italiana e via ‘col tango’. Ma ecco la dichiarazione:

Il fondatore del pensiero di destra in Italia è stato Dante Alighieri: la destra ha cultura, deve solo affermarla… Quella visione dell’umano della persona la troviamo in Dante – ha aggiunto Sangiuliano – ma anche la sua costruzione politica credo siano profondamente di destra. Ma io ritengo che non dobbiamo sostituire l’egemonia culturale della sinistra, quella gramsciana, a un’altra egemonia, quella della destra. Dobbiamo liberare la cultura che è tale solo se è libera, se è dialettica”.

Questo proclama il ministro della Cultura, Gennaro Sangiuliano nel corso della kermesse milanese di FdI, Pronti, candidati al via.

A questa ‘esplosiva’ dichiarazione rispondono molto perplessi alcuni importanti dantisti.

Franco Cardini sul QN Il resto del Carlino del 15 gennaio. A domanda precisa così risponde:

«… il suo discorso su Dante resta singolarmente astratto e contraddittorio. Il pensiero politico dantesco, in termini trattatistici, è valutabile principalmente attraverso un trattato latino, il De Monarchia, e uno – programmaticamente divulgativo, e per giunta in lingua volgare, il Convivio». Per concludere che se il pensiero di Dante potesse essere assimilato alla destra «di una ‘destra’ ben altra da quella verso la quale la Weltanschauung dei Fratelli d’Italia sembra fino ad oggi tendere».

Altro punto di tanfo è che la seconda carica dello Stato, Gnazio Larussa sia andato a una riunione di partito ignorando i suoi obblighi istituzionali, come se, è stato detto, Mattarella si fosse recato a un congresso Pd.

Altrettanto pungente il commento del filosofo Cacciari che, come è suo uso, oracolarmente esprime il suo giudizio sulla Repubblica del 15 gennaio 2023.  Nell’intervista rilasciata a Raffaella De Santis, alla risata del filosofo e all’interrogazione della giornalista risponde: «Non si può che ridere di fronte a esternazioni del genere, che tra l’altro ricorrono a categorie novecentesche, come destra e sinistra, che non mi sembrano molto aggiornate».

Cacciari rileva che l’idea di appropriarsi dei ‘fondatori della patria’ è propria alla destra storica, come ad esempio il fascismo in Italia o in Germania il nazismo, ma supponeva che questa impostazione fosse stata superata. Perché “retorica nazionalista”.

E al punto cruciale che è il giudizio di Sangiuliano così correttamente risponde: «Dante è un rivoluzionario, un eretico, un uomo contro tutti. Dante è esule nei confronti di qualsiasi casa politica consolidata del suo tempo, a cominciare dalla teologia politica ufficiale».

Riaffermando la solitudine politica di Dante, Cacciari propone un’idea di Dante che verificherò a breve nella più importante pubblicazione dell’anno dantesco vale a dire l’Inferno edito dalla casa editrice Salerno con il commento di Enrico Malato e di cui darò conto in una prossima recensione. Così il collega Giulio Ferroni dell’Università La Sapienza di Roma e dantista da lunghi anni scrive:

«Quella del ministro è un’affermazione priva di senso, che rivela una incredibile mancanza di senso storico e della letteratura. L’uso politico della cultura è diffuso a destra come a sinistra, ma questa mi pare proprio esagerata».

Il professore ricorda un episodio: «Nel 1921, per i 600 anni della morte di Dante, gli squadristi di Balbo andarono a Ravenna, pregarono sulla tomba di Dante. Poi cominciarono a picchiare i nemici, a chiudere le sedi dei sindacati. Ecco, forse il culto del Dante di destra nasce dall’uso che se ne è fatto, più che dalla sua vita».

Non è il caso qui di riportare il giudizio dei politici di parte, a cui è o sarebbe troppo facile rispondere con altrettanti e rovesciati commenti.

Lascio al “dibbattito” in corso questo aspetto.

A questo punto spero che il simbolico tanfo si sia diradato ed almeno produca una respirabile ‘aura’ dantesca. Lasciamo allora il tanfo di una sana traspirazione, o come mi viene suggerito “uno sgradevole olezzo” di corpi giovani, impegnati in competitive partite agli spogliatoi degli stadi o di qualsiasi altro luogo in cui la fisicità si esprime con sforzo e competenza.

E al limite, se i nostri calzini emanano odore sgradevole non si perda il tempo. Li si lavi immediatamente. E a chi impregna l’aria di ‘puzzette’ rimando alla visione di un meraviglioso film Qua la zampa dove sono i nostri pelosi a giudicare i nostri odori. Ma questo sarà un altro discorso.

Per leggere tutti gli altri interventi di Gianni Venturi clicca  [Qui]

In copertina: il ministro della cultura Gennaro Sangiuliano (foto Agenzia Dire)

tag:

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.

Commento

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

PROVE TECNICHE DI IMPAGINAZIONE

Top Five del mese
I 5 articoli di Periscopio più letti negli ultimi 30 giorni

05.12.2023 – La manovra del governo Meloni toglie un altro pezzo a una Sanità Pubblica già in emergenza, ma lo sciopero di medici e infermieri non basterà a salvare il SSN

16.11.2023 – Lettera aperta: “L’invito a tacere del Sindaco di Ferrara al Vescovo sui Cpr è un atto grossolano e intollerabile”

04.12.2023 – Alla canna del gas: l’inganno mortale del “mercato libero”

14.11.2023 – Ferrara, la città dei fantasmi

07.12.2023 – Un altro miracolo italiano: San Giuliano ha salvato Venezia

La nostra Top five
I
 5 articoli degli ultimi 30 giorni consigliati dalla redazione

1
2
3
4
5

Pescando un pesce d’oro
5 titoli evergreen dall’archivio di 50.000 titoli  di Periscopio

1
2
3
4
5

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it