Skip to main content

Ah, l’Amore!!! Domani è San Valentino. A voi una piccola carrellata di delicati e romantici albi illustrati, da regalare e da regalarsi. Buona lettura

Quando abbiamo chiesto alla casa editrice Kite di segnalarci alcuni volumi per un suggerimento ai nostri affezionati e fedeli lettori, in occasione della festa di San Valentino, Giulia, sempre pronta e disponibile, ce ne ha presentati vari. Tutti belli, bellissimi ma per ragioni di spazio, a malincuore, ne abbiamo dovuti selezionare quattro. Anche se, crediamo proprio, che ne presenteremo altri più avanti: d’altra parte le uova sono buone anche dopo Pasqua… (e le sorprese non finiscono mai).

Bisogna sapere aspettare e saper capire e accettare il perché di ciò che ci accade, il filo conduttore di questo albi. Perché nulla accade per caso. Il caso, poi, il bello della vita.

Il primo è “Quando un elefante si innamora”, di Davide Calì e Alice Lotti (2014, 32 p.), la storia di un elefante innamorato e molto timido che fa di tutto per attirare l’attenzione della sua amata. Si nasconde quando l’amata passa, dietro un albero (come se bastasse). Decide di seguire alcune regole base, quelle che tutti gli innamorati prima o poi decidono di seguire: si mette a dieta (anche se di notte, qualche volta, si alza per finire la cheesecake, il caro frigo, d’altronde, attende), si veste elegante (fra mille indecisioni), scrive delle lunghe lettere d’amore, guarda le nuvole pensieroso e lascia fiori alla sua porta (scappa subito dopo aver suonato il campanello). Ah, se almeno lei sapesse che esiste. Malgrado tutte queste attenzioni lei non sembra notarlo…. Tuttavia…

Dall’elefante all’uccellino. “Rosso come l’amore” di Valentina Mai (2018, 32 p.) è magnifico: dalla casa editrice ci dicono che glielo lo ordinano a colpi di cinquanta copie come bomboniera per i matrimoni. In queste pagine Rosso è un uccellino paffutello che vorrebbe trovare l’amore, lo ha sempre solo atteso, vedendolo però ovunque, ma l’impresa si dimostra molto più ardua di ciò che avrebbe creduto, perché quelli che gli paiono suoi simili, sono, in realtà, altre cose: un semaforo, un sole, una sua immagine nello specchio. Quando, sconsolato dalle sue mille avventure mai a lieto fine, comincia a dubitare che l’amore esista o che lui lo possa trovare, eccolo che invece arriva… Mai disperare, saper attendere oltre che vedere e capire, guardandosi dentro. Sempre. Non solo in amore.

 

C’è poi “Un giorno senza un perché”, di Davide Calì e Monica Barengo (2014, 32 p.) un evergreen sempre attuale e molto ironico. Nella vita succedono cose spesso inspiegabili. Come un regalo inaspettato, una sorpresa imprevista, un evento che destabilizza l’ordine delle cose e ci mette a soqquadro. Questo è ciò che accade al nostro protagonista, a cui una mattina spuntano improvvisamente sulle spalle un paio d’ali. Superato l’immediato sgomento, si arrovella interrogandosi (e interrogando chiunque gli capiti a tiro), sul motivo di questa trasformazione, ma nessuno sa fornirgli una spiegazione plausibile, accettabile, unica. Il dottore non ha mai visto nulla di simile e non esiste certo uno sciroppo… Nessun cugino o parente lontano che le abbia mai avute.

Per la vicina di casa è colpa dell’inquinamento, il custode propone di tagliargliele, il capo ufficio sbotta che non fanno parte dell’abbigliamento adatto a un impiegato.

C’è chi considera quelle ali un dono (magari, avercele, le ali) e chi un accessorio inutile, chi le reputa inadeguate e fuori luogo, chi pensa che ogni cosa abbia un perché. E in effetti, l’incontro giusto darà un senso a tutto. Anche qui, basta capire e sapere aspettare.

E, last but not least, “Il catalogo dei giorni”, di Luca Tortolini e Daniela Tieni (2017, 32 p.), poetico e intenso, un monologo alla Jacques Prévert (conoscete le sue “Paroles?”).

Una storia sul significato dello scorrere della vita, qualunque esso sia.

La nostra vita è fatta di giorni. Giorni in cui si aspetta una risposta o un risultato medico, semplicemente l’arrivo dell’autobus. Momenti cui si affidano decisioni importanti, occasioni per dire una o due parole o per non pronunciarne alcuna. Giorni cui si affidano i ricordi, tempo donato e da donare. Perché il più grande regalo a chi si ama è donargli tempo. Giorni che non si vogliono perdere. Giorni freddi in cui nulla scalda, giorni che hanno sogni di una precisione sconcertante, giorni da ferito, giorni in cui si fa una cosa ma se ne vorrebbe fare un’altra, in cui si sbaglia e pare grave, in cui ci si arrabbia e si vuole fare la guerra, incendiare e distruggere. Giorni in cui non si smette mai di fare, perché bisogna continuare, non fermarsi, non arrendersi, proseguire il viaggio, (ri)cominciare.

Ci sono giorni in cui dici addio, non voglio vederti mai più, giorni in cui ti penti di quello che hai detto o pensato, e ti rivedi. Giorni in cui dici ci rivediamo e non ci si rivede più.

Giorni, giorni che passano. Siano essi lieti, tristi, tormentati, perduti, colmi d’amore o rabbia, tumultuosi o anche stupidi o noiosi. E poi ci sono i giorni dell’amore.

Spesso andiamo veloci attendendo un altro giorno e un altro ancora. Ma il tempo vola, scappa, non ritorna e non dobbiamo avere fretta. Ogni giorno ha il suo valore, il suo perché. Soprattutto se c’è amore.

tag:

Simonetta Sandri

E’ nata a Ferrara e, dopo gli ultimi anni passati a Mosca, attualmente vive e lavora a Roma. Giornalista pubblicista dal 2016, ha conseguito il Master di Giornalismo presso l’Ecole Supérieure de Journalisme de Paris, frequentato il corso di giornalismo cinematografico della Scuola di Cinema Immagina di Firenze, curato da Giovanni Bogani, e il corso di sceneggiatura cinematografica della Scuola Holden di Torino, curato da Sara Benedetti. Ha collaborato con le riviste “BioEcoGeo”, “Mag O” della Scuola di Scrittura Omero di Roma, “Mosca Oggi” e con i siti eniday.com/eni.com; ha tradotto dal francese, per Curcio Editore, La “Bella e la Bestia”, nella versione originaria di Gabrielle-Suzanne de Villeneuve. Appassionata di cinema e letteratura per l’infanzia, collabora anche con “Meer”. Ha fatto parte della giuria professionale e popolare di vari festival italiani di cortometraggi (Sedicicorto International Film Festival, Ferrara Film Corto Festival, Roma Film Corto Festival). Coltiva la passione per la fotografia, scoperta durante i numerosi viaggi. Da Algeria, Mali, Libia, Belgio, Francia e Russia, dove ha lavorato e vissuto, ha tratto ispirazione, così come oggi da Roma.

Comments (1)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it