Skip to main content

Da ufficio stampa MoVimento 5Stelle Ferrara

In risposta ad AUSL, che sminuisce l’incidenza delle malattie tumorali nel ferrarese come “vox populi”, è bene precisare che l’amministrazione ha più volte negato le richieste avanzate dal M5S affinché venissero disposti nuovi studi epidemiologici su tale problematica. Riteniamo necessario realizzare uno studio mirato sul Comune di Ferrara, per determinare lo stato di salute della popolazione a ridosso del polo industriale. Già Ilaria Morghen, Consigliere Comunale M5S nel 2016, depositò un accesso atti di referto epidemiologico e un Ordine del Giorno su un’indagine epidemiologica da condurre sulla popolazione ferrarese esposta ai fumi dell’inceneritore, proponendo di finanziare tali nuovi censimenti e rendere questi dati trasparenti ed accessibili alla cittadinanza. Ma l’amministrazione rifiutò. Nonostante l’OMS indichi che il legame tra qualità dell’aria e salute umana è sempre più forte, tant’è che le nuove linee guida abbassano i livelli di inquinanti consentiti, per l’AUSL l’incidenza dei tumori polmonari nel ferrarese è da ricondursi principalmente al consumo di sigarette, di poco superiore rispetto alla media nazionale. Troppo spesso tra i fattori di rischio sono individuati solo le abitudini personali e di comportamento, meri rischi individuali; solo negli ultimi tempi ha assunto maggior rilevanza il rapporto qualità dell’ambiente e salute umana: gli interferenti endocrini, la pessima qualità dell’aria che respiriamo, i metalli pesanti ed altre sostanze chimiche biopersistenti e bioaccumulabili sono solo alcune delle cause d’insorgenza di malattie gravi, e Ferrara le ha tutte.

La voce proviene da quella parte di popolo preoccupato, obbligato a respirare i fumi degli agglomerati urbani e del polo industriale, che tra il 2016-2017 ha registrato un record di emissioni straordinarie, emergenze non controllate con ordinanze sindacali con “il trucco” dei 4 giorni consecutivi di sforamento, e che pertanto non rassicurano chi vive ai piedi delle torce del Petrolchimico. Anche ciò che mangiamo è un fattore da non sottovalutare, i nostri alimenti provengono da terreni contaminati da diossine, PCB, IPA, sovraccarichi di pesticidi e diserbanti che lasciano tossine e metalli sugli alimenti. Le stesse acque d’irrigazione sono considerate altamente inquinate e pericolose per la salute. Come ha dimostrato Legambiente nel suo ultimo rapporto sulla qualità dell’aria e dell’acqua, i nostri terreni presentano 4 kg di fitofarmaci e pesticidi in più per ettaro rispetto alla media nazionale. Se non è tragico questo cosa possiamo ancora considerare allarmante?
Perché sia il Comune, ed in particolare i Sindaci che hanno governato tra il 2006 e il 2015, in quanto autorità sanitarie locali, che la Provincia, in qualità di autorità competente al controllo, come per la discarica di Imola, non hanno realizzato per la discarica di Ca Leona, la diffida prevista dall’ art. 244 c.2 D.Lgs. 152/06, attuata invece dalla Città Metropolitana di Bologna a seguito della ricevuta notifica da parte di ARPAE inerente il superamento dei livelli d’inquinamento parametrati dalla legge? Perché a Ferrara si è proceduto diversamente che a Bologna?
Perché l’AUSL, per la sua parte di competenza, non ha mai approfondito la pericolosità dei prodotti agricoli provenienti da siti contaminati, primo tra tutti l’ex discarica Ca Leona, restituita all’agricoltura, vista la rilevanza sanitaria per i consumatori sia umani che animali, chiedendo il divieto di coltivazione e attuando un monitoraggio adeguato prima di consentirne la commercializzazione?
Inoltre come si evince dal rapporto MEV(i) 2018, analisi che il M5S fece già nel 2017, Ferrara si conferma città a più alto livello di mortalità evitabile sopra la media nazionale. A fronte di queste annose problematiche, di certo rimangono i dati forniti dall’AIRTUM – associazione italiana registro tumori – su una popolazione complessiva di circa 355mila abitanti, le persone residenti nel territorio ferrarese che hanno fatto i conti con una diagnosi di tumore sono circa 21mila, il 6% della popolazione contro una media nazionale che si attesta attorno al 5%.
Noi cittadini chiediamo che vengano affrontati e portati a termine il prima possibile questi cosiddetti “studi complessi” citati da Ferretti e che vengano immediatamente divulgati in maniera comprensibile per i cittadini. Nel frattempo i cittadini e coloro che scelgono come rappresentanti politici si riservano il pieno e insindacabile diritto, garantito dagli articoli 21 e 32 della Costituzione Italiana, di esporre le loro preoccupazioni così come ragionamenti causali e soluzioni in campo ambientale e sanitario.

Chiediamo che vengano resi pubblici i dati relativi all’inquinamento dell’acqua di falda dei Comuni della Terra dei Fuochi e che vengano raffrontati con i dati relativi all’inquinamento dell’acqua di falda dell’area dell’ex discarica di Ca’ Leona di Ferrara: solo così i cittadini possono avere riscontri oggettivi delle differenze, se ci sono, dei livelli di inquinamento delle 2 aree (Comuni della Terra dei Fuochi e discarica Ca’ Leona), per poterle paragonare scientificamente.

Alla politica spetta l’ipotesi e la proposta, all’esponete dell’ente istituzionale la dimostrazione con riscontro oggettivo. Ai cittadini la garanzia, garantita dalla legge, della salubrità dell’ambiente che abitano.

– ODG – INDAGINE EPIDEMIOLOGICACA SULLA POPOLAZIONE FERRARESE ESPOSTA AI FUMI DELL’INCENERITORE http://www.comune.fe.it/5257/odg-indagine-epidemiologica-sulla-popolazione-ferrarese-esposta-ai-fumi-dell-inceneritore

– RICHIESTA DI ACCESSO AL REFERTO EPIDEMIOLOGICO
http://www.comune.fe.it/5049/richiesta-accesso-agli-atti-referto-epidemiologico

tag:

Riceviamo e pubblichiamo


Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it