Skip to main content

Electric star

kosmische musik. La musica cosmica ha avuto un enorme influenza sull’elettronica, la psichedelia, il prog, il noise e persino il metal, andando a costituire uno degli arcipelaghi sonori più preziosi e, tuttavia, meno conosciuti della musica contemporanea occidentale.

Non voci né parole, ma un’isola.

Il suono, tutti i suoni, correnti di suono sotterranee. Spiagge e scogli, un fiume e le sue piene e le sue anse, le sue secche. Onde, erbe selvatiche, sulla spiaggia conchiglie e rami. Il fiume, il mare. Onde sonore come le falesie.

Non il linguaggio, non la conoscenza, ma un’isola.

Nessun telefono, rete, device. Nulla se non stelle elettriche, grida di uccelli, sole e luna e giorno e notte, acqua e nubi, falesie di suoni e Betelgeuse, stelle e nessuna voce umana.

Isola in un tempo algoritmico.

Nessuna voce tranne la tua voce, la tua voce che è voce anche senza suono, il troppo pieno del pensiero, pensieri come onde come frattali, un pensiero via l’altro come bolle di fango e di vapore, bolle che affiorano scoppiano e scompaiono via una avanti un’altra, la mente una caldera una solfatara, né spazio né tempo nessuna voce la tua voce un’isola.

E gli attimi di vuoto tra i pensieri. Nella mente una fiamma si divincola – il bordo, il vuoto, il margine.

Cammini sulla sabbia a piedi nudi, disegni il tuo mandala mentre lo percorri. Isola. Tra sabbia e sassi gigli stella.

Chiamala come vuoi, un’isola. Ora d’aria, vuoto, pura contemplazione. Voce che non dice io, voce sciolta dall’io. Voce che è noi e tu, vita che è e non è persona, stella dell’immanenza, luce nera. Chiamala mare, marea risacca tregua dell’angoscia, gioia senza motivo, placarsi dei pensieri e delle bolle, lux sicca, gioia non spiegabile. Luce emergente dalle nubi, dalla nebbia, chiamala come vuoi, chiamala un varco nel reale, chiamala istante, battito o beatitudine, chiamala stella bipolare. Betelgeuse, astro, supernova, nessun nome è importante. Chiamala come vuoi, colonna d’aria, cisterna di suoni. Shantih, gioia anteriore, silenzio che contiene tutti i suoni. La chiamassi anche George, Albertine o Clelia, isola, quest’anguilla il linguaggio, queste squame cangianti – via, via!, come la pelle usata delle bisce. Anguilla che si addentra in mare aperto. Libera. Voce che non è un io, voce che non dice io. Voce che è una voce è una vita.

Così come in terraferma vivi, dissociando la luce dal rumore: che cosa triste fu l’angoscia, che cosa triste è stata la speranza, vita in tempi algoritmici a guadagnarti il pane, il tetto sulla testa, la macchina di pena del linguaggio e l’ordine del discorso, la terra arsa l’orrore antropocenico, andare avanti come puoi meglio che puoi e quante volte sei dentro la nebbia, d’improvviso davanti a un’acqua nera, niente è reale e niente immaginario e sembra pietrificarsi la realtà, senti il tuo sé fuori dal corpo e innanzi a te si frattura il reale, linea di faglia e vuoto interstellare, la realtà ha abbandonato il mondo e resta un astro deserto oppure nebbia, cadi fuori da te, cadi nel come se, che cose tristi furono le cose. Derealtà, nel pieno troppo pieno del reale. In terraferma il gergo senza fine, il ritorno del ritmo, a ogni giorno la sua pena e procurarsi il cibo, il tetto sulla testa, ti attende la caldera e il vasto gergo del mondo, ti attende e ti respinge, la trascendenza tarda come la speranza e come la tristezza triste, come bolle di fango i tuoi pensieri, caldera cratere solfatara.

Ma ora sei qui, isola. Isola deserta, fiume e mare, pura contemplazione, pura contraddizione – ecco, eccoti qui.

Stella dell’immanenza, sguardo mare, isola di respiro tra i pensieri. Libera in mare questa voce cantora, anguilla e Betelgeuse, voce tra spiagge e gigli stella, dive to deep dreams for spei et metus affectus sine tristitia non dantur, senti il battito il flusso, il ronzio il brusio dei pensieri, la radiazione cosmica di fondo. Stella elettrica sopra di te, notte stellata dentro di te, strida di uccelli e l’arnia dei pensieri, il silenzio che alberga tutti i suoni, tutto qui, luce emergente dall’abisso, gioia senza perché, tu al sicuro nel mondo e nell’istante, nel destino del mondo, atomo del piano in cui sta tutto tutti i pensieri le idee i concetti i suoni le bestie le persone i vivi e i morti, i nostri cari qui nel petto, piante colori e musiche e quale miracolo il mondo, non il mondo com’è ma il mondo in quanto è, nastri galassie e costellazioni, trecce armoniche e grappoli di suoni, corone di serpenti e tu spirale sonora, voce come una voce, significanti come rampicanti, tu isola che appare, istante vuoto tra un pensiero e l’altro, vide cor tuum nella notte stellata, gioia in tempi algoritmici. Canta nel tempo cantando a respiro, nel tessuto celeste strana stella.

Per leggere i racconti di Silvia Tebaldi pubblicati su Periscopio clicca sul nome dell’autrice

tag:

Silvia Tebaldi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it