Skip to main content

Diario in pubblico. Antisemitismo nei college americani

Non avrei mai creduto che una situazione culturale che ho sperimentato decenni fa nelle università americane si ripresentasse in modo assai più grave ora, con le ripercussioni che anche in Italia hanno impedito al direttore di La Repubblica Molinari di tenere la sua relazione all’Università Federico II di Napoli, una struttura che ben conosco dove ho anche tenuto lezioni come nell’altra, la Suor Orsola Benincasa, fiore all’occhiello del sistema universitario napoletano, benché privato, nella sua specializzazione umanistica.

Ancora più grave la decisione di molti studenti di impedire la titolazione del loro Istituto a Peppino Impastato: tre studenti su quattro votano contro, giudicandolo un personaggio “divisivo”. La notizia viene giudicata dal fratello Giovanni “inquietante “Perché “divisivo”?

Sono segnali molto pericolosi, quando cioè l’Accademia o la scuola diventano oggetto e soggetto dello scontro politico.

Una mia decisione presa decenni fa e che ha provocato scelte assai difficili tanto da costarmi la qualifica di professore emerito è stata quella di scindere l’Accademia dalla politica, ma soprattutto di opporsi alle scelte degli allievi come naturali prosecutori del ruolo dei loro maestri.

L’indagine di Gianni Riotta su La Repubblica del 17 marzo dal titolo Nei college USA un vento di censura e odio anti-ebraico contagia gli studenti ha aperto una discussione accesa, in quanto è staticamente accertato che le grandi università americane private sono in gran parte sovvenzionate da capitali ebraici e quindi la protesta non riguarderebbe quelle sedi prestigiose ma, come scrive The Economist,  “in quelle popolari si pensa a studiare”.

Riotta corregge il tiro, poiché la protesta arriva da “Hunter College e City University a New York, da sempre sono atenei  working class di lavoratori, operai, immigrati, come Napoli, Federico”.  E d’altra parte è necessario leggere la importante dichiarazione di Anna Dolfi, esimia studiosa e docente universitaria e la sua fiducia sul sistema accademia.

Tra gli amici più cari conto Lino Pertile, studioso emerito e docente ad Harward, con il quale ho scambiato una lunga telefonata. Mi ha ribadito con molti seri argomenti che queste notizie se non sono proprio fake news rispondono a precisi momenti politici nella lotta che oppone Repubblicani e Democratici, ovvero il duo Trump-Biden.

Quindi, probabilmente, anche in Italia – e si veda la recente notizia di lasciare a casa gli studenti mussulmani in una scuola piemontese a Pioltello affinché possano celebrare il Ramadan, chiaramente esposta nel Corriere del 20 marzo in cui si legge la ‘fremente’ risposta di Ignazio La Russa.

Tuttavia, avere impedito a Molinari di parlare alla Federico II e, a mio avviso ancor più grave segnale, la contestazione a David Parenzo di entrare nella Sapienza romana viene con grande intelligenza commentato da Aldo Cazzullo sul Corriere del 19 marzo.

In questo momento questa notizia viene se non abbandonata, passata in seconda linea dalla terribile strage nel teatro di Mosca.

Resta da aggiungere una notizia che dovrebbe por fine alle più brutte illazioni e che riporto:

“Una lettera aperta al Presidente del Consiglio e al Ministro per l’Università e la Ricerca, promossa dall’Associazione Setteottobre e firmata a oggi da oltre 130 universitari, esprime un gravissimo allarme per gli episodi di antisemitismo che costellano, dal 7 ottobre in poi, la vita delle università italiane.

Dopo la parola negata a due giornalisti ebrei, alla Sapienza di Roma e alla Federico II di Napoli, la decisione dell’Università di Torino di non partecipare al bando di collaborazione scientifica con gli atenei israeliani, a seguito dell’irruzione squadrista di un manipolo di studenti durante la seduta del Senato accademico,

è l’ennesimo esempio di una deriva antisemita e antisraeliana, che mina la libertà della vita accademica, la sicurezza di studenti e docenti di origine ebraica, il libero e corretto svolgimento delle attività scientifiche e di ricerca”, dichiara il presidente di Setteottobre, Stefano Parisi.

Se si dovesse commentare questo fatto e porlo a confronto con altre notizie verrebbe spontanea la perplessità di chi scrive, poiché ciò che interessa di più sembra ancora rivolgersi ai fatti della famiglia reale inglese o al divorzio degli innominabili Fedez-Ferragni.

Purtroppo, così è ma “non mi pare”.

Per leggere gli altri articoli di Diario in pubblico la rubrica di Gianni Venturi clicca sul nome della rubrica o il nome dell’autore.

tag:

Gianni Venturi

Gianni Venturi è ordinario a riposo di Letteratura italiana all’Università di Firenze, presidente dell’edizione nazionale delle opere di Antonio Canova e co-curatore del Centro Studi Bassaniani di Ferrara. Ha insegnato per decenni Dante alla Facoltà di Lettere dell’Università di Firenze. E’ specialista di letteratura rinascimentale, neoclassica e novecentesca. S’interessa soprattutto dei rapporti tra letteratura e arti figurative e della letteratura dei giardini e del paesaggio.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *


Ogni giorno politici, sociologi economisti citano un fantomatico “Paese Reale”. Per loro è una cosa che conta poco o niente, che corrisponde al “piano terra”, alla massa, alla gente comune. Così il Paese Reale è solo nebbia mediatica, un’entità demografica a cui rivolgersi in tempo di elezioni.
Ma di cosa e di chi è fatto veramente il Paese Reale? Se ci pensi un attimo, il Paese Reale siamo Noi, siamo Noi presi Uno a Uno.  L’artista polesano Piermaria Romani  si è messo in strada e ha pensato a una specie di censimento. Ha incontrato di persona e illustrato il Paese Reale. Centinaia di ritratti e centinaia di storie.
(Cliccare sul ritratto e ingrandire l’immagine per leggere il testo)

PAESE REALE

di Piermaria Romani

 

Caro lettore

Dopo molti mesi di pensieri, ripensamenti, idee luminose e amletici dubbi, quello che vi trovate sotto gli occhi è il Nuovo Periscopio. Molto, forse troppo ardito, colorato, anticonvenzionale, diverso da tutti gli altri media in circolazione, in edicola o sul web.

Se già frequentate  queste pagine, se vi piace o almeno vi incuriosisce Periscopio, la sua nuova veste grafica e i nuovi contenuti vi faranno saltare di gioia. Non esiste in natura un quotidiano online con il coraggio e/o l’incoscienza di criticare e capovolgere l’impostazione classica di questo “il giornale” un’idea (geniale) nata 270 anni fa, ma che ha introdotto  dei codici precisi rimasti quasi inalterati. Nemmeno la rivoluzione digitale, la democrazia informava, la nascita della Rete, l’esplosione dei social media, hanno cambiato di molto le testate giornalistiche, il loro ordine, la loro noia.

Tanto che qualcuno si è chiesto se ancora servono, se hanno ancora un ruolo e un senso i quotidiani.  Arrivano sempre “dopo la notizia”, mettono tutti lo stesso titolo in prima pagina, seguono diligentemente il pensiero unico e il potente di turno, ricalcano in fotocopia le solite sezioni interne: politica interna, esteri, cronaca, economia, sport…. Anche le parole sembrano piene di polvere, perché il linguaggio giornalistico, invece di arricchirsi, si è impoverito.  Il vocabolario dei quotidiani registra e riproduce quello del sottobosco politico e della chiacchiera televisiva, oppure insegue inutilmente la grande nuvola confusa del web.

Periscopio propone un nuovo modo di essere giornale, di fare informazione. di accostare Alto e Basso, di rapportarsi al proprio pubblico. Rompe compartimenti stagni delle sezioni tradizionali di quotidiani. Accoglie e dà riconosce uguale dignità a tutti i generi e tutti linguaggi: così in primo piano ci può essere una notizia, un commento, ma anche una poesia o una vignetta.  Abbandona la rincorsa allo scoop, all’intervista esclusiva, alla firma illustre, proponendo quella che abbiamo chiamato “informazione verticale”: entrare cioè nelle  “cose che accadono fuori e dentro di noi”, denunciare Il Vecchio che resiste e raccontare Il Nuovo che germoglia, stare dalla parte dei diritti e denunciare la diseguaglianza che cresce in Italia e nel mondo. .

Con il quotidiano di ieri, così si diceva, oggi ci si incarta il pesce. Non Periscopio, la sua “informazione verticale” non invecchia mai e dal nostro archivio di quasi 50.000 articoli (disponibile gratuitamente) si pescano continuamente contenuti utili per integrare le ultime notizie uscite. Non troverete mai, come succede in quasi tutti i quotidiani on line,  le prime tre righe dell’articolo in chiaro… e una piccola tassa per poter leggere tutto il resto.

Sembra una frase retorica ma non lo è: “Periscopio è un giornale senza padrini e senza padroni”. Siamo orgogliosamente antifascisti, pacifisti, nonviolenti, femministi, ambientalisti. Crediamo nella Sinistra (anche se la Sinistra non crede più a se stessa), ma non apparteniamo a nessuna casa politica, non fiancheggiamo nessun partito e nessun leader. Anzi, diffidiamo dei leader e dei capipopolo, perfino degli eroi. Non ci piacciono i muri, quelli materiali come  quelli immateriali, frutto del pregiudizio e dell’egoismo. Ci piace “il popolo” (quello scritto in Costituzione) e vorremmo cancellare “la nazione”, premessa di ogni guerra e  di ogni violenza.

Periscopio è quindi un giornale popolare, non nazionalpopolare. Un quotidiano “generalista”,  scritto per essere letto da tutti (“quelli che hanno letto milioni di libri o che non sanno nemmeno parlare” F. De Gregori), da tutti quelli che coltivano la curiosità, e non dalle elites, dai circoli degli addetti ai lavori, dagli intellettuali del vuoto e della chiacchiera.

Periscopio è  proprietà di un azionariato diffuso e partecipato, garanzia di una gestitone collettiva e democratica del quotidiano. Si finanzia, quindi vive, grazie ai liberi contributi dei suoi lettori amici e sostenitori. Accetta e ospita sponsor ed inserzionisti solo socialmente, eticamente e culturalmente meritevoli.

Nato quasi otto anni fa con il nome Ferraraitalia già con una vocazione glocal, oggi il quotidiano è diventato: Periscopio naviga già in mare aperto, rivolgendosi a un pubblico nazionale e non solo. Non ci dimentichiamo però di Ferrara, la città che ospita la redazione e dove ogni giorno si fabbrica il giornale. e Ferraraitalia continua a vivere dentro Periscopio all’interno di una sezione speciale, una parte importante del tutto. 
Oggi Periscopio ha oltre 320.000 lettori, ma vogliamo crescere e farsi conoscere. Dipenderà da chi lo scrive ma soprattutto da chi lo legge e lo condivide con chi ancora non lo conosce. Per una volta, stare nella stessa barca può essere una avventura affascinante.  Buona navigazione a tutti.

Tutti i contenuti di Periscopio, salvo espressa indicazione, sono free. Possono essere liberamente stampati, diffusi e ripubblicati, indicando fonte, autore e data di pubblicazione su questo quotidiano.

Francesco Monini
direttore responsabile


Chi volesse chiedere informazioni sul nuovo progetto editoriale, può scrivere a: direttore@periscopionline.it