Giorno: 14 Giugno 2019

Coldiretti:”Cresce agriturismo nel 2019 “

Da: Coldiretti
COLDIRETTI: AGRITURISMO CRESCE IN CONTROTENDENZA

Aumentano le presenze per l’estate 2019, sull’onda delle attrattive enogastronomiche e naturali, con le tante opportunità di attività a contatto con la natura.

In controtendenza rispetto all’andamento generale, crescono del 3% le presenze in agriturismo nell’estate 2019 spinte dal turismo verde a contatto con la natura ma anche di quello enogastronomico con la capacità di mantenere inalterate le tradizioni culinarie nel tempo che è la qualità più ricercata. E’ quanto emerge dalle prime stime della Coldiretti sulla base delle prenotazioni delle strutture associate a Campagna Amica a integrazione dell’analisi effettuata da Cst-Assoturismo Confesercenti.

Si tratta di un aumento sostenuto dalla qualificazione dell’offerta con gli agriturismi italiani che – sottolinea la Coldiretti – offrono servizi innovativi per sportivi, nostalgici, curiosi e ambientalisti, come l’equitazione, il tiro con l’arco, il trekking o attività culturali come la visita di percorsi archeologici o naturalistici, ma anche corsi di cucina e wellness.

Tra le motivazioni non manca – sottolinea la Coldiretti – la spinta alla ricerca di tranquillità per le paure dopo i recenti episodi internazionali che condiziona la scelta delle vacanze di molti italiani. Sono oltre 23mila gli agriturismi presenti nella Penisola – conclude la Coldiretti – per un fenomeno che negli ultimi dieci anni ha visto un vero e proprio boom, con percentuali di crescita in doppia cifra, dal numero di aziende (+32%) a quello dei posti a tavola (+37%), dai posti letto (+40%) alle piazzole di sosta (+67%), fino allo stesso valore economico del settore, salito a 1,36 miliardi (+24%), secondo un’analisi Coldiretti su dati Istat. “Anche nel territorio ferrarese – evidenzia Paolo Magagna, presidente degli Agriturismi di Campagna Amica Ferrara – non mancano le occasioni di una vacanza in agriturismo, con la possibilità di alloggiare a poca distanza dal centro cittadino, raggiungibile anche in bicicletta, o da altri centri di interesse storico o naturalistico, che consentono una vacanza slow, tra bici, barca, passeggiate ed il buon cibo che cattura sempre più l’attenzione ed il gradimento dei turisti. Auspichiamo che Ferrara riesca ad essere un vero polo di attrattiva turistica, integrando il territorio interno con la costa per vacanze che possono abbinare molti aspetti di interesse”.

Da: Coldiretti

Web Marketing Festival

Da: Ufficio Stampa

WMF, appuntamento sul futuro digitale-sostenibile per aziende e freelance
All’edizione 2019 del Web Marketing Festival si prevedono oltre 20mila presenze, tra imprese, associazioni e agenzie di comunicazione. Spiccano le presenze ferraresi.

Il WMF – Web Marketing Festival -, in programma al PalaCongressi di Rimini dal 20 al 22 giugno, non si limita a essere il canonico evento dedicato alla formazione sulle tecnologie digitali. Da alcuni anni il Festival è un vero acceleratore sul processo di innovazione del tessuto imprenditoriale. Una vision confermata dalle parole di Cosmano Lombardo, fondatore e CEO di Search On Media Group, ideatore e frontman dell’evento, nel descrivere un’edizione che si preannuncia sorprendente.
Innanzitutto quanto è cresciuto il WMF, in termini complessivi, negli anni?
I numeri ci dicono che siamo in netta ascesa: le sale formative sono passate da 45 dell’anno scorso a 55, a questa edizione saranno presenti 500 tra partner ed espositori, ci aspettiamo inoltre tra le 20 e le 21mila presenze contro le già ottime 18mila del 2018. Più che di crescita a noi piace parlare di evoluzione dell’evento, parallelamente a ciò che avviene nella società e nei diversi settori di business. Ci consideriamo un festival che parla di innovazione legata all’ambito sociale.
A chi si rivolge il Web Marketing Festival?
Il nostro pubblico è particolarmente ampio: va dagli imprenditori, al management delle aziende, a freelance e start-up, senza dimenticare le associazioni no profit.
Tutti soggetti che hanno la consapevolezza che il mondo sta andando in una certa direzione e che, di conseguenza, vogliono far parte di una piattaforma di costruzione del futuro. Tra i partecipanti ci sono anche molte agenzie di comunicazione e web marketing, come Inside che ha sede anche a Ferrara, condotta dall’amico Luca Targa che stimo come professionista e che da sempre partecipa con molti colleghi del suo team. Imprese che hanno capito che investire nella formazione delle risorse umane vuol dire anticipare i tempi ed essere più competitivi sul mercato.
È anche per questo che l’innovazione per voi non può prescindere dalla sostenibilità?
Esatto, avremo una sala in cui si parlerà specificamente di sostenibilità, ma l’argomento verrà trattato nel modo più ampio. Nel corso degli incontri si affronterà, per esempio, il tema del cambiamento climatico, e quello dell’impatto delle sonde abbandonate nello spazio, grazie alla testimonianza di un tecnico italiano che lavora alla Nasa.
Al di là del lato formativo il festival è anche divertimento
Assolutamente, il coinvolgimento è essenziale. Abbiamo deciso di aumentare il numero di spettacoli e concerti. Ci sarà la tribute band dei Pink Floyd, in concomitanza con il 30° anniversario della caduta del Muro di Berlino, ma anche un bravissimo artista di beatbox, oltre a una band formata interamente da robot che, ne sono certo, stupirà il pubblico.
È corretto dire che il WMF è un evento nazionale pur con forti radici Emiliano Romagnole?
Sì, pubblico e speaker provengono da tutt’Italia, ma il legame con l’Emilia Romagna è forte, anche grazie a un rapporto diretto con l’APT regionale. E poi la presenza quest’anno di Paolo Cevoli ci aiuterà a connotare il nostro Festival come Romagnolo DOP.

Da: Ufficio Stampa

Dipendenti o spie? Azienda ospedaliera o servizi segreti?

Da: Organizzatori
Oggetto: DIPENDENTI O SPIE? AZIENDA OSPEDALIERA O SERVIZI SEGRETI?
Egr. dr. Carradori,
nella mattinata di mercoledì 15 maggio 2019, lo scrivente Comitato ha
protestato davanti al Tribunale di Ferrara, distribuendo volantini, esponendo uno striscione ed
esibendo un cartello di accusa contro la lentezza delle indagini della Procura della Repubblica
di Ferrara, che dopo 4 anni non ha ancora chiuso il fascicolo di Catozzi Giuliano.
Dalle ore 9.00 circa alle ore 10.15 circa di quella mattina, l’avvocato subordinato di
Codesta Azienda, è stata seduta nella sua vettura parcheggiata sulle strisce pedonali
che attraversano via Borgo dei Leoni nei pressi del n. civico 59.
Il fatto potrebbe non apparire strano, se non fosse che la praticante avvocato con
domicilio professionale in Ferrara, presso lo studio dell’avvocato dipendente
all’ospedale di Cona (FE), dr.ssa E.B., era presente ed ha filmato e/o fatto molte
fotografie col telefono cellulare ai partecipanti della manifestazione sopra citata.
Verso le 10.15 circa la praticante summenzionata è salita sulla vettura della dipendente
dell’AOU di Ferrara, parcheggiata a circa 10 metri dai manifestanti, con alla guida
proprio la subordinata avvocato, e si sono allontanate.
Dagli atti in possesso dell’Azienda OU di Ferrara, la dipendente in parola, in
quell’occasione, era in orario di servizio oppure era in riposo o ferie?
Se era in servizio a quale “causa” stava lavorando comodamente seduta sulla “SUA”
macchina, in attesa che la “SUA” praticante avvocato terminasse l’incombenza legale
che le era stata assegnata (fare filmati e fotografie ai manifestanti)?
È evidente che la “praticante” dello studio legale dell’ospedale di Cona, dr.ssa E.B., era
perfettamente a conoscenza che le mansioni che le erano state richieste quella mattina
(fare fotografie e filmare col telefonino i manifestanti del Comitato) non rientravano tra
i doverosi compiti di formazione giuridica a cui i praticanti devono conformarsi. Non ci
risulta che si sia opposta a svolgere il disgustoso “dovere” richiesto e lo abbia eseguito
pedissequamente.
È attribuendo queste complesse incombenze giuridiche (filmati col telefonino) al
praticante avvocato che l’azienda ospedaliera in indirizzo intende alleggerire i pesanti
carichi di lavoro del proprio legale dipendente?
La praticante avvocato in parola come ha motivato la sua presenza come fotografa
reporter quella mattina alla manifestazione del Comitato scrivente contro il Procuratore
della Repubblica di Ferrara? Oppure non lo ha motivato perché è libera di fare quello
che vuole?
Quale era l’interesse dell’azienda sanitaria pubblica nel mandare dei sottoposti a
fotografare e/o filmare i manifestanti appartenenti al Comitato Vittime della Pubblica
Amministrazione?
È così che l’Azienda Sanitaria di Cona (FE) spende il denaro della collettività?
L’avvocato dipendente, nella circostanza, ha commesso anche un gesto incivile dato
che è rimasta con la propria autovettura, per tutto il tempo della permanenza (dalle 9.00
circa alle 10.15 circa), parcheggiata sopra alle strisce pedonali.
Lei dr. Carradori era a conoscenza del fatto sopra citato?
Lei dr. Carradori ha autorizzato tale “servizio”? E per quale finalità d’istituto?
Oppure è stato un libero arbitrio di sottoposti, che consapevoli dell’impunità, hanno
fatto e fanno quello che vogliono?
Comunque la si voglia vedere, questa è una avvilente e degradante azione, per chi la
compie e per chi la commissiona. Posto che Lei è il diretto superiore e responsabile di
coloro i quali hanno compiuto tali azioni parrebbe gesto quantomeno dignitoso e
decoroso, oltreché le doverose scuse, rassegnare le sue irrevocabili dimissioni con
effetto immediato. Diversamente saremmo indotti a ritenere che Ella condivide siffatti
metodi degni della peggiore “Securitate”
Si precisa che di quanto sopra descritto e riferito esistono molteplici riscontri
documentali e testimoniali.
A nostro sommesso parere è gravissimo, quasi da dittatura sudamericana, che dei
funzionari pubblici, di soppiatto e sotto mentite spoglie, riprendano, fotografino o
comunque cerchino di identificare i partecipanti ad una pubblica manifestazione. È
forse tempo di liste di proscrizione?
Ad ogni buon conto comunichiamo che dell’accaduto verrà formalmente notiziata la
competente autorità giudiziaria penale per le opportune valutazioni del caso.
Per qualsiasi comunicazione scrivere esclusivamente all’indirizzo di posta elettronica:
« vittimepubblicaamministrazione@gmail.com »

 

Da: Organizzatori

Federica Tartari alla galleria del carbone

Da: Organizzatori

Federica Tartari
Fili di Speranza
dal 15 al 30 Giugno 2019 Galleria del Carbone
GALLERIA del CARBONE – Via del Carbone 18/a – 44121 Ferrara

ORARIO: dal mercoledì al venerdì 17.00-20.00

sabato e festivi: 11.00-12.30 e 17.00-20.00 – chiuso lunedì e martedì

Inaugura presso la Galleria del Carbone Sabato 15 Giugno alle ore 18.00 la personale della ceramista Federica Tartari. L’esposizione propone un scelto numero di opere in terracotta smaltata o raku di medie e piccole dimensioni. Nel testo di presentazione Lucia Boni scrive: “Dodici pezzi in tutto, carichi di fisicità e di spiritualità. Un’umanità forte e struggente, che non conclude il suo destino dentro la sua propria forma, ma ‘genera’. Opere che cercano e creano legami, non solo per le meditazioni che inducono, ma per un’esplicita dichiarazione.” Federica Tartari, architetto propone al visitatore un lato “operativo” della sua ricerca estetica nel momento in cui molte attività di “progettazione” si stanno spostando sempre più verso il virtuale, sempre più lontano dalla “materia”, aspetto presente in pieno nelle opere esposte alla Galleria del Carbone.

La mostra ha il patrocinio del Comune di Ferrara e rimarrà in parete fino al 30 Giugno con i seguenti orari: dal mercoledì al venerdì 17.00-20.00; sabato e festivi 11.00-12.30 17.00-20.00; lunedì e martedì chiuso.

Da: Organizzatori

Lettura Dantesche Ferraresi

Da: Organizzatori

LETTURE DANTESCHE FERRARESI

Alla Galleria del Carbone presentata la stagione estiva;
cinque canti e uno spettacolo

14 giugno – 3 luglio 2019

La Galleria del Carbone, in collaborazione con la Società Dante Alighieri di Ferrara, presenta le Letture Dantesche estive, che si svolgeranno nella Piazza del Carbone antistante la galleria, dal 14 giugno al 3 luglio 2019.
Paolo Volta, direttore artistico della Galleria, ha chiesto a Ruben Garbellini di portare le Letture all’aperto nel mese di giugno. Saranno commentati e letti scenicamente i primi cinque canti dell’Inferno, oltre a una serata extra ordinaria, uno spettacolo per due voci e violino dedicato alla giovinezza poetica di Dante, narrata ne “La Vita Nova”.
Le Letture Dantesche Ferraresi nascono nel 2015, in occasione dell’anniversario della nascita di Dante (1265), in vari ambienti storici della città (Palazzo Scroffa, Palazzina di Marfisa d’Este), parallelamente alle letture per le celebrazioni ariostesche, entrambe tenute da Garbellini.
Nel 2017, per dare “nutrimento all’anima oltre che al corpo”, Garbellini ha voluto proseguire il teatro della parola dantesca. L’iniziativa si è rivelata di successo, tanto che quest’anno le Letture Dantesche Ferraresi han compiuto due anni, cui si è affiancata la collaborazione con la Società Dante Alighieri, che le ha portate in altri nobili luoghi della città, quali Palazzo Bonacossi e la Sala dell’Arengo.
Perché le letture Dantesche? : “Perché il mondo ha bisogno di poesia, di arte e di bello, e tutto ce lo sta confermando –risponde l’interprete – ne è scaturita una necessità di Dante, che mi ha spinto non solo ad aderire positivamente alla richiesta della Galleria del Carbone, ma anche a programmare una tournée dantesca che, a partire dal prossimo autunno e perlomeno fino al traguardo 2021, anniversario della morte del divino poeta, toccherà, all’inizio, le tre regioni limitrofe Emilia Romagna, Veneto e Lombardia.”
Inoltre, al ritorno di Garbellini in Italia da Parigi, sua città d’elezione, si è andata formando spontaneamente attorno a lui una sorta di compagnia, costituita da quelle persone che lo hanno affiancato nel corso di questi ultimi anni di attività artistica.
“Così ho deciso di riunirli tutti sotto il nome di Compagnia del Sagittario, rimando astrale e concreto al tempo stesso, in attesa di future collaborazioni e in nome del “supremo ben de l’intelletto”, per presentarle questa mattina alla stampa” spiega Garbellini “un doveroso ringraziamento pubblico nei confronti di coloro con i quali ho eccellentemente lavorato sino ad ora”.
Tra essi ricordiamo Cinzia Vaccari, attrice, Pier Claudio Fei, violinista e direttore d’orchestra, Lucilla-Rose Mariotti, violinista, Antonio Rolfini, pianista, e soprattutto il grandissimo violinista Marco Fornaciari, virtuoso di fama mondiale.

Letture Dantesche, Piazza del Carbone, Ferrara 14 giugno – 3 luglio 2019 – ore 21

Venerdì 14 giugno : Inferno, canto I
Martedì 18 giugno : “Una giovinezza poetica: Vita Nova”, con Cinzia Vaccari e Pierclaudio Fei
Giovedì 20 giugno : Inferno, canto II
Mercoledì 26 giugno : Inferno, canto III
Venerdì 28 giugno : Inferno, canto IV
Mercoledì 3 luglio : Inferno, canto V

Da: Organizzatori

comune-ferrara

Bilancio mensile della popolazione

Da: Statistica comune di Ferrara
A partire dall’indice del mese di febbraio 2019 il Comune di Ferrara, come altri 40 Comuni capoluogo di provincia, diffonde i dati dell’inflazione locale in concomitanza della pubblicazione, da parte dell’Istat, dei dati definitivi anziché in occasione della stima preliminare. La decisione, condivisa da Istat e Uffici comunali di statistica, permette di diffondere alla stampa informazioni sull’inflazione comunale non suscettibili delle revisioni che possono prodursi tra dato provvisorio e dato definitivo.
A Ferrara, nel mese di maggio 2019, l’indice dei prezzi al consumo per l’intera collettività (NIC) con tabacchi diminuisce dello 0,1% rispetto al mese precedente ed aumenta dello 0,8% rispetto allo stesso mese dell’anno precedente…..
BILANCIO MENSILE DELLA POPOLAZIONEPubblichiamo l’ammontare dei flussi registrati nell’Anagrafe Comunale (nati, deceduti, iscrizioni confermate e cancellazioni), rilevati mensilmente con il modello Istat D7B, e il numero degli atti stato civile registrati a Ferrara nella popolazione presente nel mese: nati, deceduti, matrimoni, unioni civili, separazioni e divorzi, cioè il modello Istat D7A. Secondo i dati rilevati con il modello Istat D7B, la popolazione residente al 30 aprile 2019 ammonta a 132.116 abitanti.

 

Da: Statistica comune di Ferrara

Mercato degli agricoltori

Da: Ufficio Stampa
6° TAPPA DEL MERCATO DEGLI AGRICOLTORI ITINERANTI A SETTEPOLESINI, IL 16 GIUGNO
FABIO BERGAMINI E SIMONE SALETTI: «UNA GIORNATA PER RIASSAPORARE LA VITA ALL’ARIA APERTA E (PER I BAMBINI) PROMUOVERE UNA MERENDA SANA, CON I PRODOTTI D.E.CO.»

BONDENO (FERRARA), 14-06-2019.
Toccherà a Settepolesini ospitare la sesta tappa della Festa dell’Agricoltura itinerante, che significa “mercatino” e intrattenimento, ma anche un’occasione per educare ad un’alimentazione sana e naturale i bambini. Il tutto si svolgerà domenica 16 giugno nella stupenda cornice dell’azienda agricola “Gianetto”, in via Canal Bianco 152 a Settepolesini. «Una piccola oasi verde, dove ogni anno viene creato il caratteristico labirinto “didattico” nel grano – spiegano il sindaco Fabio Bergamini e il vicesindaco Simone Saletti –. Davvero un luogo caratteristico in cui organizzare la nostra Festa dell’agricoltura itinerante». Un’esperienza che non vuole essere soltanto di puro intrattenimento, ma anche di promozione delle coltivazioni locali e dei prodotti freschi di stagione. A tale proposito, i bambini che verranno accompagnati dalle famiglie all’evento riceveranno un simpatico “cestino merenda” contenente frutta fresca e prodotti naturali a marchio Deco o comunque prodotti a “chilometro zero”. «Allo scopo di promuovere tra i più giovani un consumo consapevole di prodotti sani. Sappiamo – concludono Bergamini e Saletti – che le buone pratiche si trasmettono spesso dai più giovani agli adulti, attraverso un processo di socializzazione al contrario, che diviene anche un interessante aspetto di promozione della salute». Il programma di domenica 16 giugno prevede l’inaugurazione alle ore 15 del labirinto didattico nel grano e l’apertura del mercatino degli agricoltori. Alle ore 16,30, è prevista la merenda per i bambini e, in conclusione, dalle 18,30 si svolgerà un aperitivo con show-cooking.

Da: Ufficio Stampa

Sostituzione di un tratto della condotta del gas

Da: Ufficio Stampa
VIALE BORGATTI, IN PROSSIMITA’ DEL CANALE DI BURANA
LAVORI DAL 24 GIUGNO E TRAFFICO A SENSO ALTERNATO PER LA SOSTITUZIONE DI UN TRATTO DELLA CONDOTTA DEL GAS

BONDENO (FERRARA), 14-06-2019.
Cominceranno lunedì 24 luglio e si concluderanno approssimativamente in una quindicina di giorni i lavori necessari alla sostituzione di una parte della rete del gas, in viale Borgatti. Un cantiere a cura della ditta InRete Distribuzione Energia Spa, che verrà allestito in prossimità del canale di Burana, nei pressi dell’intersezione con via Virgiliana. La Polizia municipale dell’Alto Ferrarese ha diramato una serie di provvedimenti che disciplineranno la circolazione stradale per le circa due settimane di durata del cantiere. Innanzitutto, il passaggio sulla via avverrà a senso unico alternato, con un limite di velocità diminuito a 30 chilometri l’ora, allo scopo di mettere in sicurezza sia gli operai al lavoro, che gli stessi utenti della strada. In prossimità del cantiere verrà istituito un divieto di sorpasso ed anche un divieto di sosta con rimozione forzata dei veicoli che dovessero contravvenire alle indicazioni stradali. Il senso unico alternato sarà regolato da movieri, mentre verranno indicate sia le variazioni introdotte che le segnalazioni riferite alla presenza del cantiere e ad eventuali ingombri sulla carreggiata. La Polizia municipale avverte di usare prudenza viste le variazioni intervenute nella circolazione.

Da: Ufficio Stampa

Sistema accoglienza provincia Ferrara

Da: Cgil

Le dichiarazioni del Prefetto che leggiamo sulla stampa non danno rassicurazioni sulle sorti del sistema di accoglienza nella provincia di Ferrara, sistema cruciale per l’inclusione e quindi la coesione sociale del territorio.
Condividiamo la sottolineatura positiva del “modello consolidato di accoglienza diffusa” che ha caratterizzato Ferrara, ma ci sfugge come questo modello possa continuare ad essere praticato con il dimezzamento delle risorse previsto dal Governo.
Dimezzamento tradottosi in un capitolato che ha un duplice effetto: da una parte elimina i servizi rivolti all’integrazione – insegnamento della lingua italiana, formazione professionale, accompagnamento all’inserimento sociale o lavorativo, mediazione culturale, supporto psicologico, orientamento legale – riducendo l’accoglienza a una fornitura di vitto e alloggio; dall’altra rende economicamente non sostenibile proprio quel modello di accoglienza diffusa tanto elogiato.
Cosa avrebbero frainteso gli enti gestori? Davvero non comprendiamo come se ne possa fare una questione di “percezione”, a meno che cambiare la percezione non significhi modificare le condizioni del capitolato per renderle compatibili con bisogni e condizioni di chi viene accolto e rispetto dei contratti di lavoro degli operatori.
A due settimane dalla scadenza della proroga l’unica certezza sono le decine di posti di lavoro già persi nella nostra provincia (ma si sa, quando sono precari non fanno rumore). Posti di lavoro ricoperti da giovani, per lo più laureati, che hanno sviluppato competenze e nuove professionalità.
L’unica prospettiva, se non cambiano le regole del gioco, è che i posti di lavoro persi aumenteranno e il consolidato modello dell’accoglienza diffusa ferrarese sarà un ricordo.

Da: Cgil

Per Alberto Melandri

Da: Cittadini del mondo
PER ALBERTO MELANDRI
Lunedi 10 Giugno, si è creato un grande vuoto nella nostra Associazione, è venuto a mancare Alberto.
Tra i fondatori dell’Associazione, ha lavorato per anni nel nostro doposcuola per ragazzi di origine straniera.
Insieme abbiamo fatto le battaglie contro le discriminazioni, il razzismo e le mille forme di ingiustizia che colpiscono la nostra società.
Insieme abbiamo lottato per scuola, la difesa dell’ambiente, la pace
Ora che se ne andato ci rimangono la sua ispirazione, le sue idee, la sua tenacia gentile per la giustizia e per un mondo migliore. Un grande tesoro che facciamo nostri anche per il futuro.
Grazie di essere stato con noi.
ASSOCIAZIONE CITTADINI DEL MONDO

Il funerale si terrà Sabato 15 in Certosa alle 10.30.

Da: Cittadini del mondo

Ferrara incontra l’ordine degli ingegneri

Da: Organizzatori

Subsidenza

Il Consorzio Bonifica Pianura di Ferrara incontra l’ordine degli ingegneri di Ferrara

Uno dei problemi coi quali la pianura ferrarese deve fare i conti è certamente quello della subsidenza, ovvero il continuo abbassamento del terreno con la conseguenza di costi sempre più alti per l’allontanamento delle acque, ed anche la necessità di trovare soluzioni per impedire all’acqua salata di invadere la falda a causa dell’innalzamento del mare. Di questi aspetti ne ha parlato il Consorzio Bonifica Pianura di Ferrara con l’Ordine degli ingegneri, in un recente interessante seminario a Ferrara dove sono state presentate storia e cause che hanno modificato la conformazione di un territorio vulnerabile come quello ferrarese, gli strumenti tecnologici per tenerlo sempre monitorato ma anche la necessità di fronteggiare il fenomeno.

“Sono molte le opere di ingegneria sulle quali la Bonifica conta e che ha fatto per il territorio – ha aperto Mauro Monti, Direttore Generale – tante le idee che si possono ancora studiare”.

E tanti spunti li ha certamente lanciati il presidente Franco Dalle Vacche che ha toccato temi importanti come la necessità di rifinanziamenti nazionali, le conseguenze dell’attività estrattiva.

Ad illustrare tutte le tecnologie utili per monitorare i fenomeni, le partnerchip con l’Università di Ferrara e Ingv (Istituto Nazionale Geofisica e Vulcanologia) è stato l’ingegnere Alessandro Bondesan, capo settore Sistema Informativo Geografico. “Prendendo il punto di rilevamento a Porto Garibaldi, vediamo un aumento del livello del mare in un trend che è in crescita facendo prevedere anche situazioni più gravi – ha aggiunto – servono lavori di ingegneria sul territorio e stiamo lavorando anche per il riaggiornamento delle carte”.

A chiudere è stato il presidente dell’Ordine degli ingegneri di Ferrara Edi Massarenti: “Abbiamo molto da offrire e c’è davvero bisogno della nostra professionalità perché, in un territorio che tocca anche i 5 metri sotto il livello del mare, è sempre più importante governare il regime delle acque per mantenere gli insediamenti urbani e l’agricoltura”

Da: Organizzatori

Risposta Alan Fabbri a Giovanni De Mauro

Da: Lega Nord
RISPOSTA ALAN FABBRI A GIOVANNI DE MAURO

Gentilissimo direttore,

la sua missiva mi permette di tornare, da subito e con coerenza, sul tema del festival di Internazionale, un appuntamento importante per la città di Ferrara, al quale ho avuto il piacere di partecipare personalmente, in più occasioni.

Come certamente non le sarà sfuggito, durante la lunga campagna elettorale che ha portato Ferrara alla storica svolta che ci vede protagonisti, l’argomento è stato toccato pubblicamente, a più riprese, e le nostre posizioni in merito non sono mai state un mistero.

In ogni caso è corretto che ora, ottenuta la fiducia dei cittadini, le garanzie annunciate, vengano confermate. Rispondo, dunque, con chiarezza alla sua domanda: non cambierà nulla relativamente al festival, l’assetto organizzativo rimarrà il medesimo di sempre e nessuno ha in animo di limitare o mettere in discussione la vostra identità.

Le questioni e le posizioni che, a suo giudizio, ci dividono, a mio avviso fanno, invece, parte della dialettica di pensiero e di dialogo che arricchisce la democrazia, soprattutto quando sono espresse nel rispetto reciproco.

Per questo, certi che a prevalere non saranno i pregiudizi o le ideologie, ma che, come sempre, lo spazio sarà lasciato alle idee e al dibattito, non posso che confermare tutto il supporto necessario che il Comune di Ferrara potrà garantire allo svolgimento della vostra manifestazione, senza modificare modalità e ruoli fino ad oggi consolidati.

Alan Fabbri

Da: Lega Nord

I DIALOGHI DELLA VAGINA
A DUE PIAZZE – Alfabeto di sguardi, le parole silenti

Sguardi fugaci e muti mentre si aspetta il treno possono essere la metafora di una voglia di evasione, un tentativo di seduzione, ma anche di una incomunicabilità che non trova parole.

N: In attesa del treno, uomini e donne in attesa del treno. Peccato sia chiaro, guardando anche distrattamente, chi è maschio e chi è femmina; almeno nella grande maggioranza dei casi. Sarebbe divertente mascherare tutti, uomini e donne, con un analogo burkini nero, che lasci scoperti solo centimetri di pelle, per giocare a individuare chi è maschio e chi è femmina solo dall’atteggiamento.
Vedresti individui che lasciano passare altri individui e concentrano lo sguardo su di loro solo dopo che sono passati: e lo sguardo si posa, come uno scanner, prima sui piedi, poi sale lungo le gambe, indugia sul sedere come a soppesare mentalmente una fulminea equazione, infine risale fino alla testa, non prima di una ulteriore tappa intermedia di tre quarti.
Vedresti altri individui che, invece, ti catturano con un’occhiata fugace, fulminea, lunga quella frazione di secondo in più che non ti lascia scampo: o capisci tutto lì o non capisci niente, e non ti sarà data un’altra possibilità.

R: Sulla banchina del treno o dove vuoi tu, se non capisci in quel momento, non lo capirai mai. Un po’ manicheo, ma è così. Prova a pensare a qualcosa di importante che tu non hai afferrato in un certo momento, puliscilo dal contesto in cui eravate (lo sai vero che è solo con l’altro che capita di prendere o perdere per sempre?) e fatti venire in mente tutte le volte che poi è successa la stessa cosa. Chiaramente vale anche il contrario: quando cogli lo sguardo e il messaggio, ci sei. E credo stia davvero tutto lì, centrare quell’occhiata fugace e fulminea, farla tua oppure guardare da un’altra parte, facendo finta di non avere visto.

N: A dire il vero di occhiate fugaci e fulminee ne colgo troppe per seguirle tutte. Credo che spesso siano davvero la spia di una fuga istantanea dalla propria vita, di un altrove che non verrà mai sperimentato, di un invito al quale il proprietario stesso dello sguardo si sottrarrebbe, imbarazzato o sdegnato.

R: Caro Nickname, ci piace anche giocare con l’immaginazione delle nostre possibilità: attirare l’altro, vedere quanto siamo capaci in pochissimo tempo di agganciare uno sguardo, pensare che sì potrebbe essere, ma questa banchina del treno non mi permette altro tempo e non voglio fermarmi proprio ora. Che tu sia proprietario dello sguardo o il destinatario, in stazione o a una cena con chi conosci da sempre, è un attimo decidere di non andare avanti e non fare quella domanda che potrebbe metterti su un altro binario.

Vi è mai capitato di essere in situazioni in cui uno sguardo, un gesto, una parola avrebbero deciso o cambiato il corso delle cose?

Potete scrivere a parliamone.rddv@gmail.com

L'INFORMAZIONE VERTICALE
osservatorio globale

L’occhio di periscopio

Il giornalismo online in questi ultimi anni ha innescato una profonda trasformazione del nostro modo di informarci. Le notizie sono immediatamente disponibili attraverso la rete, continuamente aggiornate, facilmente reperibili. L’informazione è abbondante, la cronaca è ampiamente garantita. Quel che risulta carente è una chiave di interpretazione dei fatti, uno strumento di analisi capace di fornire una lettura che si spinga oltre la superficie degli avvenimenti. FerraraItalia ha questa ambizione: offrire commenti, analisi, punti di vista che contribuiscano alla formazione di una più consapevole coscienza del reale da parte di ciascuno e a vantaggio di tutti, come imprescindibile condizione per l’esercizio di una cittadinanza attiva e partecipe. Ferraraitalia è un quotidiano indipendente globale-locale che sviluppa un’informazione verticale tesa all’approfondimento, perseguito con gli strumenti giornalistici dell’inchiesta, dell’opinione, dell’intervista e del racconto di vicende emblematiche e in quanto tali rappresentative di realtà più ampie, di tendenze, di fenomeni diffusi (26 novembre 2013)

Redazione

Direttore responsabile: Francesco Monini
Collettivo di redazione: Vittoria Barolo, Nicola Cavallini, Simonetta Sandri, Ambra Simeone, Carlo Tassi, Bruno Vigilio Turra
Segreteria di redazione: Paola Felletti Spadazzi

I nostri Collaboratori: Sandro Abruzzese, Francesca Alacevich,Alice & Roberta, Catina Balotta, Fiorenzo Baratelli, Roberta Barbieri, Grazia Baroni, Davide Bassi, Benini & Guerrini, Gian Paolo Benini, Marcello Bergossi, Loredana Bondi, Marcello Brondi, Sara Cambioli, Marina Carli, Emanuela Cavicchi, Liliana Cerqueni, Ciarìn, Riccarda Dalbuoni, Roberto Dall'Olio, Costanza Del Re, Jonatas Di Sabato, Anna Dolfi, Laura Dolfi, Francesco Facchiano, Franco Ferioli, Giovanni Fioravanti, Giuseppe Fornaro, Maura Franchi, Riccardo Francaviglia, Andrea Gandini,Sergio Gessi, Pier Luigi Guerrini, Sergio Kraisky, Francesco Lavezzi, Daniele Lugli, Carl Wilhelm Macke, Beniamino Marino,Carla Sautto Malfatto, Fabio Mangolini, Cristiano Mazzoni,Giorgia Mazzotti, Paolo Moneti, Francesco Minimo, Alice Miraglia,Corrado Oddi, Fabio Palma, Roberto Paltrinieri, Valerio Pazzi,Carlo Perazzo, Federica Pezzoli, Gian Gaetano Pinnavaia, Mauro Presini, Claudio Pisapia, Redazione, Francesco Reyes, Raffaele Rinaldi, Laura Rossi, Radio Strike, Gian Pietro Testa, Roberta Trucco, Federico Varese, Ranieri Varese, Gianni Venturi, Nicola Zalambani, Andrea Zerbini

Hanno collaborato: Francesca Ambrosecchia, Stefania Andreotti, Anna Maria Baraldi Fioravanti, Chiara Baratelli, Enzo Barboni, Chiara Bolognini, Marco Bonora, Francesca Carpanelli,Andrea Cirelli, Federico Di Bisceglie, Barbara Diolaiti, Roberto Fontanelli, Aldo Gessi, Emilia Graziani, Ivan Fiorillo, Monica Forti,Fulvio Gandini, Simona Gautieri, Camilla Ghedini, Roby Guerra,Giuliano Guietti, Gianfranco Maiozzi, Silvia Malacarne, Virginia Malucelli, Federica Mammina, Paolo Mandini, Giovanna Mattioli,Daniele Modica, William Molducci, Raffaele Mosca, Alessandro Oliva, Luca Pasqualini, Martina Pecorari, Giorgia Pizzirani,Andrea Poli, Valentina Preti, Alessio Pugliese, Chiara Ricchiuti,Riccardo Roversi, Nuccio Russo, Vittorio Sandri, Gaetano Sateriale, Valentina Scabbia, Arianna Segala, Franco Stefani,Elettra Testi, Ajla Vasiljević, Ingrid Veneroso, Andrea Vincenzi,Fabio Zangara

Clicca sull’Autore per i suoi contributi.
CONTATTI
Inviare i comunicati stampa a: redazione@ferraraitalia.it
Inviare lettere al giornale a : interventi@ferraraitalia.it


FERRARAITALIA
Testata giornalistica online d'informazione e opinione, registrazione al Tribunale di Ferrara n.30/2013